Microsoft citata in giudizio per la console che uccise una bambina

Microsoft citata in giudizio per la console che uccise una bambina

Un incidente causò la morte di una bambina nel 2004 in Illinois. I genitori accusano Microsoft e Wal-Mart per un cavo di alimentazione difettoso.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 17:14 nel canale Videogames
Microsoft
 
Il fatto è accaduto nel dicembre del 2004 a Warsaw, Illinois. Un cavo di alimentazione di una console, probabilmente una XBox, si è surriscaldato al punto da generare un incendio. Una bambina, Wade Kline, è morta a causa delle fiamme. I genitori di Wade hanno citato in giudizio Microsoft e la catena Wal-Mart, dalla quale avevano acquistato la console difettosa.

La causa legale è stata intentata nel dicembre del 2006: i Kline chiedono 50.000 dollari per i danni subiti. La faccenda è riemersa lo scorso mercoledì, in occorrenza della richiesta di Wal-Mart di spostare il caso alla corte distrettuale dell'Illinois.

La causa fa riferimento ad una XBox 360, console non ancora immessa sul mercato nel momento in cui si è verificata la tragedia. E' possibile, dunque, che si sia fatto confusione con la console della precedente generazione. Inoltre, la denuncia comprende un altro co-imputato, del quale non se ne fa il nome, ma che è coinvolto in quanto produttore dell'unità di alimentazione incriminata.

Nel febbraio del 2005 Microsoft attuò un richiamo di 14 milioni di cavi di alimentazione della prima XBox, ammettendo dei problemi legati al surriscaldamento. Fino a quel momento, Microsoft aveva ricevuto circa 30 lamentele, perlopiù riguardanti limitate ustioni alle mani. Il rischio di incendio era considerato comunque improbabile, visto che si parlava di una probabilità di 1 su 10.000.

Questa la posizione di Microsoft a proposito dell'incidente: "Microsoft ha appreso recentemente dell'incidente occorso nel dicembre del 2004. Alla famiglia va tutta la nostra solidarietà. Tuttavia, non abbiamo alcuna prova che XBox abbia generato l'incendio. La denuncia si riferisce ad una XBox 360, ma questa versione della console non era disponibile in quel momento".

Fonte: InformationWeek

85 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Kharonte8528 Maggio 2007, 17:20 #1
Povera bambina...pero' non vedo come si possa dimostrare che la console abbia causato l'incendio...e poi se i genitori fossero rimasti a vigilarla forse non sarebbe successo...

In questi casi mancano sempre gli elementi per poter valutare...mentre invece sono sufficienti a "fare notizia"
Wee-Max28 Maggio 2007, 17:22 #2
con tutti i soldi che ha lo zio bill non gli costava niente fare un accordo "segreto" (=senza mettere di mezzo la giustizia e la stampa) e dare sti 50000 di richiesta...sarà all'incirca quello che guadagna in un ora
Layenn28 Maggio 2007, 17:25 #3
Originariamente inviato da: Wee-Max
con tutti i soldi che ha lo zio bill non gli costava niente fare un accordo "segreto" (=senza mettere di mezzo la giustizia e la stampa) e dare sti 50000 di richiesta...sarà all'incirca quello che guadagna in un ora


come dice Gates in una puntata dei Simpson: "certamente non sono diventato ricco staccando assegni"...
Dexther28 Maggio 2007, 17:25 #4
50.000 ? mi paiono pochi...
*sasha ITALIA*28 Maggio 2007, 17:28 #5
Originariamente inviato da: Kharonte85
Povera bambina...pero' non vedo come si possa dimostrare che la console abbia causato l'incendio...e poi se i genitori fossero rimasti a vigilarla forse non sarebbe successo...

In questi casi mancano sempre gli elementi per poter valutare...mentre invece sono sufficienti a "fare notizia"




XBOX aveva un difetto dei cavi d'alimentazione, tant'è che lo riconobbero e spedirono a tutti i possessori di console difettosa un cavo alternativo (anche a me).

La bambina è morta nell'incendio causato dal noto difetto e quindi credo che la colpa sia di Microsoft. Credo che i 50.000 siano un semplice errore di battitura, smai saranno 5 milioni (minimo)
baronz28 Maggio 2007, 17:31 #6
che tristezza
GabrySP28 Maggio 2007, 17:32 #7
Billy dovrà sganciare la pecunia.
dsajbASSAEdsjfnsdlffd28 Maggio 2007, 17:33 #8
se ci sono responsabilità è giusto che chi le ha paghi, tuttavia la faccenda mi pare un po fumosa, la 360 non era in commercio come è possibile? stavano usando un prototipo? in quel caso non penso sarebbe stato coperto da nessuna garanzia, come ci si dovrebbe comportare? è più facile che si trattasse della prima xbox, ma dove potranno mai arrivare contro i super addestrati avvocati MS se gia l'impostazione della causa presenta queste inesattezze?

ad ogni modo se la scatola x ha preso fuoco MS almeno onori la memoria della bimba, resta cmq una storia molto triste.
Wee-Max28 Maggio 2007, 17:35 #9
Originariamente inviato da: Layenn
come dice Gates in una puntata dei Simpson: "certamente non sono diventato ricco staccando assegni"...


lo so ma adesso come adesso una magagna del genere influenza la borsa e le vendite...penso che per bill sia meglio staccare un assegno da 50000 in silenzio che perdere anche solo 150000 davanti a tutti...
blackshard28 Maggio 2007, 17:36 #10
Originariamente inviato da: Wee-Max
con tutti i soldi che ha lo zio bill non gli costava niente fare un accordo "segreto" (=senza mettere di mezzo la giustizia e la stampa) e dare sti 50000 di richiesta...sarà all'incirca quello che guadagna in un ora


Tutti i soldi che guadagna Zio Bill bastano a compensare la morte di una persona?
E' ridicolo che la famiglia abbia chiesto 50.000 dollari, come è altrettanto ridicolo che la citazione parla di una xbox360 che ancora non esisteva.
La faccenda puzza, e non è il cavo di alimentazione che si sta sciogliendo...

aggiungo: un incendio che uccide una bambina immagino abbia fatto dei danni ingenti anche all'abitazione... così la cifra di 50000 dollari diventa ancora più ridicola...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^