Microsoft annuncia la data di rilascio di Crackdown 2

Microsoft annuncia la data di rilascio di Crackdown 2

Arriverà in Europa nel mese di luglio, ancora una volta solo su XBox 360.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:21 nel canale Videogames
MicrosoftXbox
 

Microsoft e Ruffian Games annunciano la release date di Crackdown 2: il secondo capitolo del famoso gioco d'azione arriverà in Europa il prossimo 9 luglio. Contemporaneamente all'annuncio viene rilasciato il primo video documentario, che mostra le qualità principali del gameplay e della tecnologia di Crackdown 2.

La principale differenza rispetto al primo capitolo riguarda il fatto che la città Pacific City è adesso infetta da un virus che ha trasformato in mutanti gran parte degli abitanti. Ritornano i super poliziotti che erano protagonisti anche del primo capitolo, con le loro super abilità, come come salti da palazzo a palazzo e sollevare auto. Tuttavia, la città è adesso cosparsa di mutanti che hanno un atteggiamento aggressivo non solo con la polizia ma anche con i cittadini. È per questo che questi ultimi vanno in giro armati e hanno dotato le loro macchine di sistemi di protezione. Viene confermata la grafica in cel-shading.

La città è rimasta pressoché immutata rispetto al passato, visto che sarà riproposta la medesima rete viaria e gran parte dei palazzi. I super agenti, invece, sono dotati di nuove abilità e nuove mosse nei combattimenti corpo a corpo e sono in grado di chiamare i rinforzi in qualsiasi momento.

Ci sono nuovi veicoli rispetto al predecessore, anche se la gran parte dei vecchi verrà riproposta. Tra i nuovi c'è anche un elicottero. Quanto alle armi, anche in questo caso viene riproposto quanto visto nel predecessore ma ci saranno un nuovo shotgun più potente, un rail gun e granate adesive.

Ci si concentra maggiormente sulla modalità cooperativa, in cui è possibile giocare fino in quattro contemporaneamente. La struttura di gioco è stata rivista per incentivare la cooperazione: ad esempio adesso molti veicoli possono accogliere due giocatori, uno spara e l'altro guida. Sarà inclusa anche una modalità deathmatch con un sistema di progressione delle abilità simile a quello di Call of Duty 4: chi gioca di più viene premiato con abilità superiori e armi più efficaci.

Crackdown 2, come il predecessore, è prodotto da Microsoft Game Studios solo per XBox 360. Mentre il primo capitolo era sviluppato da Realtime Worlds, software house guidata dal creatore di Grand Theft Auto, David Jones, di questo seguito si è occupata Ruffian Games, altra software house scozzese fondata da alcuni ex-dipendenti di Realtime Worlds. I dettagli sul primo capitolo si trovano in questo articolo .

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
daedin8916 Marzo 2010, 16:32 #1
nuovo gioco, stesso mondo...mica scemi!
egounix16 Marzo 2010, 16:46 #2
questo è prototype 2
Zererico16 Marzo 2010, 16:47 #3
Originariamente inviato da: egounix
questo è prototype 2


Prototype è un clone di Crackdown, in tutta probabilità.
Stech198716 Marzo 2010, 17:16 #4
Sperando in un aggiornamento anche dal punto di vista grafico (il primo era piuttosto scarsino sotto quell'aspetto, complice il fatto che la X360 era appena uscita...)
Cmq il primo episodio mi ha divertito, ma non era un gran capolavoro... Se il gameplay è rimasto grossomodo lo stesso, non credo che lo prenderò...
JackZR16 Marzo 2010, 17:19 #5
Mi sembra alquanto infantile come gioco, mi sa che venderà un botto...
DjBaldux16 Marzo 2010, 18:14 #6
Be contando quant'è vecchio il primo, direi che all'epoca era un gioco di buona qualità, certo non ottimo. Quando ho provato a giocare a test drive unlimited, ok per la grafica, ma le moto sembravano un monoblocco con il personaggio

Io lo comprerò, magari quando scende di prezzo, ma a me il primo è piaciuto
ministro17 Marzo 2010, 06:40 #7
quanto odio questo tipo di grafica..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^