Mattel produce gioco da tavolo su Angry Birds

Mattel produce gioco da tavolo su Angry Birds

Dopo le versioni PlayStation 3 e PC, arriva anche il gioco da tavolo di Angry Birds grazie a Mattel.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 15:25 nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Angry Birds diventerà anche un gioco da tavolo. Lo annuncia Mattel, che fa sapere che sarà in commercio dal mese di maggio contemporaneamente in tutto il mondo. Sarà possibile giocare in due o in quattro e dentro la confezione ci saranno volatili, maiali, la fionda e gli elementi per costruire gli ostacoli tipici dei livelli di gioco di Angry Birds.

Il primo giocatore pesca una carta e il secondo inizia a costruire la struttura indicata nella carta pescata. Il primo quindi deve cercare di distruggerla. Si gioca a turni e i ruoli si scambiano, e vince chi raggiunge per primo i 1000 punti. I punti si ottengono uccidendo i maiali e distruggendo il più possibile delle strutture costruite.

Angry Birds è recentemente arrivato anche su PC e PlayStation 3. Altri dettagli su queste versioni si possono ottenere qui e qui.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Stech198719 Gennaio 2011, 15:33 #1
Han fatto il colpaccio qusti di Rovio...!
Cappej19 Gennaio 2011, 16:18 #2
... mha... non mi sembra poi così rivoluzionario... è un gioco da Telefonino per cazzeggiare mentre aspetti l'ora per entrare da un cliente o il volo in aeroporto... hanno invaso tutte le piattaforma, ma il gioco da tavolo... inoltre l'ho provato e... ANCHE NO.. pensavo molto meglio.. MEGLIO "CUT th ROPE"! quello si che mi Flash-a!
theJanitor19 Gennaio 2011, 16:26 #3
per me è una droga, di gran lunga molto più divertente di gioconi titolati che richiedono pc assurdi per giocare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^