Malata terminale rivive la gioia di un'ultima passeggiata grazie ad Oculus Rift

Malata terminale rivive la gioia di un'ultima passeggiata grazie ad Oculus Rift

The Rift Arcade ha raccontato la storia di Roberta Firstenberg che, malata di cancro in stadio terminale, è riuscita a rivivere per l'ultima volta le gioie di una passeggiata virtuale grazie ad Oculus Rift, aprendo nuove speranze e destinazioni d'uso per un prodotto che presenta finalità più profonde rispetto al semplice ambito ludico

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:07 nel canale Videogames
Oculus Rift
 

Negli ultimi mesi del 2013 Roberta Firstenberg aveva perso la battaglia personale contro il cancro. Dopo parecchi mesi di chemioterapia, i trattamenti ricevuti avevano ormai perso efficacia, così come erano ormai perse le speranze di una possibile guarigione. La donna nel tempo non aveva più neanche le più basilari capacità di deambulazione.

Donna malata terminale prova Oculus Rift come terapia

L'idea di farle rivivere per un'ultima volta le gioie di una passeggiata, anche se virtuale, è stata di Priscilla Firstenberg, esponente del team di sviluppo di République per Camouflaj e nipote di Roberta. Dopo una discussione con i colleghi riguardo ai sistemi di nuova generazione, Priscilla ha capito che Oculus Rift avrebbe garantito un sorriso, e molto altro, alla nonna malata terminale.

Alla richiesta del kit di sviluppo ha risposto Kevin Crawford di Oculus VR, con un breve testo: "Sfortunatamente non possiamo mandarti una nuova unità dal momento che stiamo cercando di rispondere agli ordini arretrati, ma abbiamo appena ricevuto alcuni campioni per sviluppatori che avevamo dato in prestito", sono alcune delle parole di risposta di Crawford. "Mantenendoci in linea con lo spirito di questi modelli, ha senso che prestiamo un'unità funzionante per sviluppatori ad un altro sviluppatore di videogiochi".

La decisione di mandarle il kit è stata unanime presso gli uffici di Oculus VR. Priscilla ha utilizzato l'headset per la realtà virtuale con Tuscany demo, che permette all'utente di visitare una villa virtuale. In questo modo Roberta ha avuto modo di riassaporare il gusto di una passeggiata, ammirare le farfalle virtuali riprodotte in 3D e, soprattutto, affrontare scale ed ostacoli con estrema disinvoltura. Attraverso Street View, la donna si è potuta rivedere in un'immagine riprodotta su Google Maps.

Priscilla stava sviluppando una "esperienza" specificamente pensata per la nonna, che le avrebbe permesso maggiore libertà in un ambiente con farfalle, cascate e foreste incantate quando le condizioni di Roberta sono andate peggiorando. La donna ha cessato di esalare gli ultimi respiri quattro settimane dopo aver utilizzato per la prima volta Oculus Rift.

L'esperienza di Roberta con Oculus Rift dà solamente un blando accenno di quello che potrebbe consentire la realtà virtuale. "È evasione nella sua forma più viscerale", in grado di trasformare le vite di chi ha severe e gravi limitazioni lasciando dietro per pochi minuti come per poche ore i dolori della "vita reale". I videogiochi hanno atteso per decenni un modello di realtà virtuale veramente fruibile e godibile, nella speranza dei videogiocatori di entrare nelle cabine di navicelle spaziali, o nella prospettiva in prima persona dell'eroe di turno.

Ma la storia di Roberta alimenta le speranze verso qualcosa di nuovo ed estremamente più profondo, con l'obiettivo non solo di provare esperienze ludiche più coinvolgenti, ma anche di aiutare chi sta male e migliorarne la vita, anche se virtualmente, almeno per qualche ora al giorno. Di contro una totale "evasione dalla realtà", e l'eccesso di una tecnologia che potrebbe rivelarsi pericolosa, potrebbe portare l'utente a vivere vite completamente parallele, riesumando uno tra i cliché più abusati della storia della fantascienza.

La storia dell'esperienza di Roberta Firstenberg con Oculus Rift può essere letta nella sua completezza in questa pagina, su The Rift Arcade.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
greyhound322 Aprile 2014, 15:58 #1
bha...
carrozzina+furgone predisposto e la potevano portare in un parco naturale...
Pozhar22 Aprile 2014, 16:01 #2
Originariamente inviato da: greyhound3
bha...
carrozzina+furgone predisposto e la potevano portare in un parco naturale...


\o/
Tu sì che hai capito tutto della notizia
wingclaus7622 Aprile 2014, 16:15 #3
estrema compassione per questa nonnina e per tutte le persone ammalate che non si possono piu permettere di muoversi e aspettano solo l'ora fatale.

non credo sia nemmeno immaginabile cosa potesse provare e comunque rincuora che una tecnologia cosi lontana dalla malattia posso portare un pò di serenità.

riposa in pace e immagino che adesso starà camminando di nuovo.
greyhound322 Aprile 2014, 16:39 #4
Originariamente inviato da: Pozhar
\o/
Tu sì che hai capito tutto della notizia


non capisco quanto possa essere appagante far finta di camminare in un videogioco (o googlemaps che sia..)...
Balthasar8522 Aprile 2014, 17:13 #5
Originariamente inviato da: Pozhar
\o/
Tu sì che hai capito tutto della notizia

Mi sa che non l'abbiamo capita in due..
Originariamente inviato da: greyhound3
non capisco quanto possa essere appagante far finta di camminare in un videogioco (o googlemaps che sia..)...

La differenza tra una carrozzina in un mondo reale e la visuale di una persona che cammina in un mondo virtuale son 50cm di altezza più in alto o più in basso.. più utile sicuramente a chi è costretto in un letto d'ospedale da mesi rispetto ad un'anziana donna su una poltrona ma tant'è.
Originariamente inviato da: wingclaus76
[..]
riposa in pace e immagino che adesso starà camminando di nuovo.

Tutto fa supporre il contrario.


CIAWA
wingclaus7622 Aprile 2014, 17:18 #6
Tutto fa supporre il contrario.


...non mi riferivo a questa terra...
Balthasar8522 Aprile 2014, 17:22 #7
Originariamente inviato da: wingclaus76
...non mi riferivo a questa terra...

Appunto.


CIAWA
demon7722 Aprile 2014, 17:34 #8
Originariamente inviato da: wingclaus76
...non mi riferivo a questa terra...


Si aprirebbe un ot piuttosto ampio.. ma una percentuale sempre maggiore degli abitanti della terra sono concordi nel dire che questa sia la sola disponibile.

per la questione scelta dell'oculus al posto del giro nel parco vero credo sia necessario conoscere le effettive condizioni della paziente per tirare conclusioni.
Oenimora22 Aprile 2014, 18:33 #9
A me ricorda un po' questo:
http://modemworld.wordpress.com/201...-worth-reading/
Tra l'altro lì è facilissimo costruirsi un ambiente virtuale da zero.
Ci sono anche storie di malati terminali. Oculus (che sta già venendo supportato pure lì aggiunge una dimensione in più.

La realtà virtuale può aiutare chi ha una malattia debilitante a dimenticarla per un momento e vedersi di nuovo camminare e vivere, ridà un po' di serenità e così via. Non è da sottovalutare.
oregon85222 Aprile 2014, 18:48 #10
Marketing di cattivo gusto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^