Lo sviluppatore di Paper, Please rilascia la demo del suo nuovo gioco a 1-bit

Lo sviluppatore di Paper, Please rilascia la demo del suo nuovo gioco a 1-bit

Lucas Pope, l'autore dell'apprezzatissimo Paper, Please, ha rilasciato la demo del suo nuovo gioco, Return of the Obra Dinn.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Videogames
 

"È la prima build giocabile", ha scritto Lucas Pope sul suo sito web, precisamente nel post in cui annuncia che la demo del suo nuovo gioco è adesso scaricabile. "Non ci sono molti contenuti e non sono stati testati a fondo", specifica.

Return of the Obra Dinn

Parliamo di Return of the Obra Dinn, un gioco ambientato nel 1808 che racconta la storia di una nave mercantile appartenente alla Compagnia delle Indie Orientali. La Obra Dinn, questo il nome dell'imbarcazione, è scomparsa sei anni prima delle vicende del gioco.

Quando la nave partì da Londra nel 1802 aveva un numeroso equipaggio ed era stata riempita con 200 tonnellate di beni commerciali. Ma all'inizio della storia raccontata nel gioco ricompare improvvisamente nel porto ma è senza equipaggio e non riporta nessun danno apparente.

Il giocatore assume il ruolo di un assicuratore che lavora per conto della Compagnia delle Indie Orientali. Innanzitutto deve trovare un modo per salire sulla nave e poi deve indagare per scoprire cosa è successo, iniziando a recuperare il giornale di bordo del capitano.

Degno di nota è lo stile grafico non convenzionale di questo gioco, con una grafica a 1-bit nello stile dei primi giochi per Mac. In questo tipo di grafica ogni pixel è rappresentato da un singolo bit binario: può quindi essere contrassegnato da 0 o da 1. Per questo, non abbiamo alcun tipo di sfumatura, solo bianco e nero.

"Ho sempre avuto molta nostalgia per la grafica a 1-bit", ha detto l'autore. "Mi piacerebbe riproporre il fascino dei primi giochi per Mac, ma allo stesso tempo vorrei qualcosa di più sporco e meno cartoonesco. La cosa più difficile sarà mantenere tutto il più leggibile possibile, senza ammassi indistricabili di pixel".

Lucas Pope è l'autore di uno dei giochi indipendenti più amati degli ultimi anni, ovvero Paper, Please. In quel gioco si interpreta un ispettore di frontiera addetto al controllo immigrazione in un fittizio Paese a regime comunista. Il giocatore deve controllare i documenti di coloro che si presentano all'ufficio immigrazione e, in caso di discrepanze, interrogare il richiedente per ottenere ulteriori informazioni sul suo tentativo di ingresso nel paese. Se il giocatore compie errori nel processo di validazione delle domande riceve multe via via sempre più salate, che riducono il già misero stipendio dell'ispettore.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Obazi24 Ottobre 2014, 13:26 #1
Bellissima idea! è ciò che avrei desiderato più di 20 anni fa...
non so se essere felice o no.
Armage24 Ottobre 2014, 13:28 #2
sì però ora non esageriamo con sto fatto che mettere meno grafica e meno colori è per forza una cosa retrò e quindi molto figa e un sacco da intenditori
kamon24 Ottobre 2014, 13:37 #3
Fino a pochi anni fà per fare una grafica fuori dal comune ci dovevi investire il 90% del tuo tempo e budget, ora basta farla più semplice possibile, poi investi tutte le risorse nel marketing, così che tutti comincino a pensare: "OH DIO! SEMBRA PROPRIO UN GIOCO RETRO'!" ...e chissà come mai .
marchigiano24 Ottobre 2014, 13:55 #4
e io che ho comprato a fare una adreno 320 e una 330?
Antonio2324 Ottobre 2014, 14:15 #5
se ricomincio a giocare a papers, please rimango attaccato al monitor per ore e ore. questo tizio è un genio, non vedo l'ora.
ultimate_sayan24 Ottobre 2014, 14:51 #6
Se da una parte si può affermare che la grafica retrò rappresenti al momento un fenomeno piuttosto di moda, è altresì vero che il successo di questi titoli dimostra quanto (per fortuna) il gameplay continui a rappresentare l'aspetto principale. In totale contrapposizione di molti, moltissimi (forse troppi) giochi che oggi escono caratterizzati da grafica da urlo ma zero profondità. Splendidi da vedere ma infarciti di bonus, extra, DLC e simili... il tutto solo per mascherare una totale carenza di spessore. Ben vengano questi titoli!
Z80Fan24 Ottobre 2014, 14:53 #7
In realtà, i primi modelli di MacIntosh gestivano 256 livelli di grigio (8 bit), quindi si potrebbe dire che questo gioco è 8 volte più retrò. :P
drebechi24 Ottobre 2014, 15:39 #8
Ma girerà a più di 30 FPS? :-) :-) :-)
paolo-red124 Ottobre 2014, 18:35 #9
a 30 Fogli Per Secondo? immagino di si
kamon24 Ottobre 2014, 20:23 #10
Originariamente inviato da: drebechi
Ma girerà a più di 30 FPS? :-) :-) :-)


Hahahah, oddio spero di si...altrimenti significa che microsoft ci ha messo lo zampino per non far sfigurare la versione xbox one

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^