Lo distoglieva da Assassin's Creed 3: padre uccide figlia di un mese

Lo distoglieva da Assassin's Creed 3: padre uccide figlia di un mese

Sono stati dati otto anni a Mark Sandland, colpevole di aver ucciso la figlia di cinque settimane durante una sessione ad Assassin's Creed 3. Il movente è agghiacciante.

di Nino Grasso pubblicata il , alle 10:31 nel canale Videogames
Assassin's Creed
 

Ne avrà di tempo per meditare Mark Sandland, il padre che nel mese di novembre del 2012 aveva ucciso la propria figlioletta di sole cinque settimane perché lo disturbava durante una sessione di gioco ad Assassin's Creed 3. L'omicida ha ricevuto una pena di otto anni (per via di alcune attenuanti), da scontare per metà in prigione.

Mark Sandland, uccide figlia perché frustrato da Assassin's Creed 3

Secondo la ricostruzione ottenuta dalle indagini, Sandland avrebbe scosso più volte la figlia, Aimee-Rose, dopo un improvviso scatto d'ira. La colpa della bambina era quella di strillare distogliendo il genitore dalla sua console domestica, già frustrato da una sessione di gioco che probabilmente non procedeva nel migliore dei modi.

"Frustrato per via del gioco e con le urla di Aimee-Rose, hai perso il temperamento e l'hai assalita, stringendole il torace e scuotendola violentemente", ha concluso il giudice Sweeney durante la sentenza che dichiarava la colpevolezza del genitore. "Anche se non riusciamo a capire dettagliatamente quello che hai fatto, le ferite sul corpo di Aimee-Rose parlano chiaro".

Secondo le sue parole, Sandland sarebbe stato colto da un attacco epilettico mentre teneva in braccio Aimee-Rose, causandole le ferite che poi le sono state fatali, fra cui ecchimosi al viso, torace, addome, fianchi e agli arti inferiori, oltre ad una serie di emorragie diffuse lungo tutto il corpo. Una storia che non ha retto sin dal principio secondo la Lewes Crown Court.

La cronologia di navigazione del telefono cellulare mostra che, sedici minuti prima della chiamata effettuata al 999 per riportare le ferite della figlia, il padre navigava in un sito web con l'obiettivo di scoprire alcuni trucchi per procedere su Assassin's Creed 3. All'arrivo dell'ambulanza Sandland appariva "in panico e ansioso", puntando la posizione in cui giaceva il corpo inerme di Aimee-Rose.

Mark Sandland, uccide figlia perché frustrato da Assassin's Creed 3

"Sono epilettico. Ho avuto un attacco e quando mi sono svegliato la bimba era sotto di me", è stato quanto specificato al team dei soccorsi. La figlia è stata subito condotta in un ospedale londinese priva di sensi, dove è deceduta quattro giorni dopo. Aimee-Rose era riuscita a risvegliarsi, ma non ce l'ha fatta per via di alcune danni riportati all'apparato respiratorio.

Sono stati parecchi i dettagli che hanno permesso al tribunale di scoprire il vero movente. Sandland ha negato, ad esempio, alcuni dettagli poi scoperti durante le indagini, nel tentativo di nascondere che poco prima dell'omicidio stesse giocando al videogioco.

Inoltre, un SMS mandato alla madre di Aimee-Rose faceva trasparire tutto il proprio disappunto nei confronti dei comportamenti della figlia: "Ha urlato per tutto il tempo da quando sei andata via", recitava il messaggio riferito ad Aimee-Rose. Secondo il consulente neurologo convocato dal tribunale, inoltre, le ferite riportate dalla bambina non potevano essere provocate da un attacco epilettico.

Per aver comunque chiamato i soccorsi, e per non essere stato un omicidio volontario, il giudice ha dato a Sandland una pena di otto anni, da scontare per metà in custodia cautelare.

58 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NforceRaid12 Luglio 2014, 10:40 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.gamemag.it/news/lo-disto...mese_53177.html

Sono stati dati otto anni a Mark Sandland, colpevole di aver ucciso la figlia di cinque settimane durante una sessione ad Assassin's Creed 3. Il movente è agghiacciante.

Click sul link per visualizzare la notizia.


lasciatelo 5 soli minuti con gli ergastolani di un qualsiasi penitenziario, non serve altro.
Portocala12 Luglio 2014, 10:57 #2
Gli auguro le peggior pene ( ) in prigione.

****** ** *******
[?]12 Luglio 2014, 11:07 #3
Complimenti... questi sono gli articoli da Studio Aperto che rovinano l'immagine dei gamers e che portano a sempre piu' ridicole restrizioni sui videogames.
Il bello è che invece di prendere le distanze da ste cose vi mettete sullo stesso livello... ma visto che l'utenza che entra qua dentro in riferimento ai videogames e altissima, forse un giorno quando il giocattolo si sarà rotto ve ne renderete conto...
totalblackuot7512 Luglio 2014, 11:09 #4
Impiccaggione subito!
Framba12 Luglio 2014, 11:26 #5
Bene, già 3 post in cui si inneggia a pene corporali o capitali.
Da quel che leggo gli ergastolani devono essere delle specie di giustizieri. Senza contare che il codice penale statunitense prevede già la pena di morte, ma evidentemente non in questo caso.
Immagino non vi sfiori nemmeno l'idea che una persona possa cambiare o pentirsi. Magari guarire, visto che questo caso mi sembra abbia del patologico. Certo non potrà rimediare, ma credo che se si rendesse effettivamente conto di ciò che ha fatto, una (gli auguro lunga) vita di dolore e rimpianto non sarebbe affatto una pena lieve.
paolox8612 Luglio 2014, 11:40 #6

Lo distoglieva da Assassin's Creed 3: padre uccide figlia di un mese

Si si giusto, nessuna pietà! Col buonisimo si è visto dove siamo arrivati! Non avrei problemi a fare il torturatore e il boia a sti tizi
lokhaman12 Luglio 2014, 11:41 #7
mah...mi pare un po' un co*one.

Senza contare che è spassosissimo essere tutti tesi a giocare e poi all'improvviso arrivano le figlie a lanciarti via il mouse. LOL
appleroof12 Luglio 2014, 11:58 #8
Se questo rinsavisce, il rimorso per questa atroce bestialità lo perseguiterà per tutta la vita, peggiore pena non gli poteva capitare. Comunque per quanto riguarda la pena detentiva 8 anni di galera sono pochi.
alex912 Luglio 2014, 12:12 #9
Al di là del rispetto per la tragedia immane, mi chiederei anche come si fa ad essere frustrati giocando ad AC3
flapane12 Luglio 2014, 12:36 #10
Originariamente inviato da: Framba
Senza contare che il codice penale statunitense prevede già la pena di morte, ma evidentemente non in questo caso.


La Gran Bretagna credo abbia abolito l'impiccagione da un cinquantennio, a differenza di alcune ex colonie, quindi non potevano che condannarlo alla galera.

I compagni di cella provvederanno a rendere la sua pena un inferno, che piaccia o meno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^