La serie di Alan Wake è destinata a proseguire

La serie di Alan Wake è destinata a proseguire

Oskari Hakkinen, leader di Remedy, conferma che il team continuerà a dedicarsi al brand. Nel frattempo sono state vendute due milioni di copie del primo capitolo, compresa anche la piattaforma PC.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 14:46 nel canale Videogames
 

Remedy ha annunciato che il primo capitolo di Alan Wake ha raggiunto quota due milioni di copie vendute su Xbox 360 e PC. Oskari Hakkinen, leader dello studio, ha dichiarato in una recente intervista che il conseguimento di questo importante obiettivo significa che il titolo è diventato un "classico di culto" tra i giocatori.

"Abbiamo superato i due milioni di copie, inclusa la piattaforma PC", ha confermato. "Quindi dopo un inizio sottotono si è tradotto in qualcosa di davvero positivo. Si regge senza alcun dubbio sulle sue gambe. Penso che le esperienze narrative abbiano una naturale propensione in questo senso".

"Alan Wake è come un classico di culto se vi piace... la gente che l'ha giocato e ha apprezzato la storia sente il bisogno di raccontare ai propri amici e agli altri giocatori che devono provare quest'esperienza, che necessitano di giocarla".

Ad una specifica domanda sul futuro del brand, alla luce anche dell'esordio di Alan Wake's American Nightmare, Hakkinen ha risposto: "Sì, ne sono convinto. Alan Wake è nei nostri cuori. E' una nostra IP, ne abbiamo la proprietà. Non si tratta di qualcosa che dimenticheremo tanto facilmente".

"Dopo Max Payne avremmo potuto prenderci una pausa, sederci su una spiaggia e sorseggiare cocktail per un po'. Non è un segreto che il franchise di Max Payne abbia venduto copie per un totale di 45 milioni di dollari. Questo ci pone in una situazione davvero promettente, ma allo stesso tempo i nostri cuori sono rivolti alla realizzazione di videogiochi e non a sorseggiare cocktail su una spiaggia".

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^