La realtà aumentata eliminerà monitor e TV secondo il guru della grafica di Epic

La realtà aumentata eliminerà monitor e TV secondo il guru della grafica di Epic

Tim Sweeney è intervenuto al ChinaJoy per prendere le difese della realtà aumentata.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 13:31 nel canale Videogames
Epic
 

Tim Sweeney, CEO di Epic Games e guru della grafica negli ultimi 25 anni, ha detto in un discorso alla fiera ChinaJoy che a suo modo di vedere le cose non avremo più bisogno di display fra 10 anni, nel caso che la realtà aumentata mantenga le promesse ed espliciti tutto il suo potenziale.

Tim Sweeney

Fonte: GamesBeat

"Se potessimo vedere l'equivalente di ciò che vediamo su uno schermo da 40 pollici direttamente nei nostri occhiali, allora di quello schermo non ce ne faremmo più nulla", ha detto Sweeney. "Credo che la realtà aumentata sarà la più grande rivoluzione tecnologica nelle nostre vite".

"Quando avrete un dispositivo di realtà aumentata non avrete più bisogno di altri display, né dello smartphone né del tablet. E ovviamente non ci sarà bisogno della TV, tutto quello di cui avrete bisogno saranno i vostri occhiali di realtà aumentata".

Sweeney, che è conosciuto come il "papà" di Unreal Engine e come il principale responsabile di Unreal Engine 4 ha fatto questa previsione all'interno di un lungo discorso sulla grafica e sulla tecnologia per la creazione di videogiochi. Allo stesso tempo ha aggiunto che non sarà una transizione immediata e che servono consistenti miglioramenti alle tecnologie attuali per la creazione dei videogiochi e alle tecnologie alla base del funzionamento dei dispositivi di realtà aumentata, ancora presenti solo in formato prototipale.

Secondo Sweeney, grazie ai recenti sviluppi nel segmento delle applications programming interfaces (API) a basso livello per i dispositivi portatili nel 2016 gli sviluppatori di videogiochi godranno di maggiore versatilità nel proprio lavoro. Le API più recenti come Apple Metal o Vulkan, infatti, consentono di utilizzare in maniera completa le risorse di elaborazione dei dispositivi portatili, il che è alla base della creazione di esperienze in realtà virtuale.

"Le future tendenze per i giochi high-end per dispositivi portatili riguarderanno l'impiego di grafica dettagliata e fotorealistica grazie allo sfruttamento di unità di elaborazione grafica multi-core", ha aggiunto Sweeney. "Questo fenomeno sarà sempre più evidente secondo la Legge di Moore".

Sweeney ha parlato di realtà virtuale, visto che mancano ormai pochi mesi al debutto sul mercato di dispositivi come Oculus Rift, Project Morpheus e HTC Vive. "Attenzione, però, perché questi dispositivi rappresentano solamente la versione 1.0 della realtà virtuale", ha rimarcato Sweeney. "Hanno un grande potenziale, ma ancora diversi difetti. Nel corso del tempo saranno in grado di offrire un realismo crescente e prodotti di maggiore qualità. I dispositivi di Oculus e HTC saranno adottati ovunque, perché l'utente può utilizzarli per diversi minuti senza rendersi conto di essere all'interno di uno scenario virtuale".

Ci saranno diverse applicazioni di realtà virtuale che andranno al di là dei videogiochi. Potrà essere utilizzata, ad esempio, per delle passeggiate all'interno di edifici o di altre strutture architettoniche. Giocare uno sparatutto in realtà virtuale, inoltre, sarà come giocare con un monitor a 360 gradi.

"Hollywood ha capito che deve muoversi verso la realizzazione di film in VR", ha detto ancora Sweeney in Cina. "Assistiamo a una convergenza tra media differenti. VR e AR forniranno esperienze visive di nuova generazione per giochi, film e altre forme di intrattenimento".

Nel corso della conferenza Epic ha mostrato alcune demo in realtà virtuale. Richiedono più risorse di elaborazione rispetto alle normali demo tecnologiche ma Sweeney ha puntualizzato che le schede video di recente generazione sono pensate per processare al meglio le immagini per la realtà virtuale. Il rendering basato sulla fisica è una delle armi che possono essere utilizzate in tal senso come abbiamo già avuto modo di vedere qui.

81 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz03 Agosto 2015, 13:43 #1
Si ma quelli che non portano gli occhiali?

Io non li porto e non li porterò manco tra 10 anni salvo problemi di vista, di certo non prenderò a girare con degli occhiali solo per la realtà aumentata.
bodomTerror03 Agosto 2015, 13:51 #2
l'occhio si abituerà alla distanza di 1cm e diventeremo tutti miopi, ottima notizia per gli oculisti
demon7703 Agosto 2015, 13:55 #3
Originariamente inviato da: Bivvoz
Si ma quelli che non portano gli occhiali?

Io non li porto e non li porterò manco tra 10 anni salvo problemi di vista, di certo non prenderò a girare con degli occhiali solo per la realtà aumentata.


Eh non correre.
Che se ho intuito bene la potenzialità della realtà aumentata vedrai che gli occhiali li metti di corsa, altro che.

Staremo a vedere
Bivvoz03 Agosto 2015, 13:58 #4
Originariamente inviato da: demon77
Eh non correre.
Che se ho intuito bene la potenzialità della realtà aumentata vedrai che gli occhiali li metti di corsa, altro che.

Staremo a vedere


Bellissima la realtà aumentata.
Quando voglio usarla però, non sempre.
Come il pc lo accendo, lo uso, poi lo spengo ed esco di casa, così la realtà aumentata deve funzionare, non che bisogna girare per strada come zombie rimbecilliti (come fanno adesso con gli smartphone).
Dumah Brazorf03 Agosto 2015, 14:18 #5
A' Sweeney, magna tranquillo... [cit.]
demon7703 Agosto 2015, 14:18 #6
Originariamente inviato da: Bivvoz
Bellissima la realtà aumentata.
Quando voglio usarla però, non sempre.
Come il pc lo accendo, lo uso, poi lo spengo ed esco di casa, così la realtà aumentata deve funzionare, non che bisogna girare per strada come zombie rimbecilliti (come fanno adesso con gli smartphone).


ma certo, più che giusto.
ma quello che immagino accadrà tra qualche anno sarà il passaggio da "smartphone con lo schermone" a "occhiali" (e volendo batteria con soc in tasca).
Quindi messaggi, telefonate, mail, gps e tutto il resto ti verranno sovrapposte direttamente al campo visivo.
Se vorrai potrai anche mettere e togliere gli occhiali tutte le volte.. ma secondo a me alla fine te li terrai addosso e stop.
Bivvoz03 Agosto 2015, 14:24 #7
Originariamente inviato da: demon77
ma certo, più che giusto.
ma quello che immagino accadrà tra qualche anno sarà il passaggio da "smartphone con lo schermone" a "occhiali" (e volendo batteria con soc in tasca).
Quindi messaggi, telefonate, mail, gps e tutto il resto ti verranno sovrapposte direttamente al campo visivo.
Se vorrai potrai anche mettere e togliere gli occhiali tutte le volte.. ma secondo a me alla fine te li terrai addosso e stop.


Io vedo in giro anche gente con il bastone per i selfie, ma ne vedo 1 ogni 100 persone.
Allo stesso modo se ci sarà gente che accetterà di girare con degli occhiali sulla faccia e una batteria in tasca è libera di farlo.
Non certo io però.

Spero che se tra 10-15 anni lo standard sarà di girare con occhiali sulla faccia esisterà ancora la brondi con la linea per anziani che tra 10-15 anni saranno smartphone con schermo touch a questo punto.
Ecco io prenderò la linea per anziani della brondi 2030-2035
demon7703 Agosto 2015, 14:43 #8
Originariamente inviato da: Bivvoz
Io vedo in giro anche gente con il bastone per i selfie, ma ne vedo 1 ogni 100 persone.
Allo stesso modo se ci sarà gente che accetterà di girare con degli occhiali sulla faccia e una batteria in tasca è libera di farlo.
Non certo io però.

Spero che se tra 10-15 anni lo standard sarà di girare con occhiali sulla faccia esisterà ancora la brondi con la linea per anziani che tra 10-15 anni saranno smartphone con schermo touch a questo punto.
Ecco io prenderò la linea per anziani della brondi 2030-2035


Ne riparliamo tra 15 anni
Comunque per dovere di cronaca.. tra la realtà aumentata ed il bastone per i selfie ci passa la stessa differenza che c'è tra la torre di Pisa e un piatto di sushi!
karrygun03 Agosto 2015, 14:45 #9
non credo proprio che avremo bisogno di occhiali per la realtà virtuale. solo i prototipi di adesso li avranno. in futuro avremo secondo me o dei proiettori tridimensionali (e saranno piu di uno per dare piu profondità, o vivremo queste realtà virtuali dormendo. come ad esempio futurama con lo spam nei sogni. una cosa simile .

io penso che faremo almeno una staza vuota con i proiettori, giusto pe giocare. il problema sono: dove troveremo lo spazio? chi ha tutti quei soldi per avere una sola stanza area tv o/e area videogiochi?

il salotto? ok, e siamo a una stanza . ma una famiglia media hanno 2 genitori e 2 figli (piu o meno). quindi gli altri 3 che faranno?

io credo che avremo invece televisori e monitor su tutte e quattro le pareti (forse pure soffitto e pavimento). questo sarebbe piu plausibile e anche piu facile da fare. il problema sarebbero solo i mobili e la resistenza di questi televisori, che devono reggere molto peso.
benderchetioffender03 Agosto 2015, 14:46 #10
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
A' Sweeney, magna tranquillo... [cit.]


you made my day

in ogni caso, 15 anni è ancora troppo poco... imho piu 30/40 per -iniziare- a rimpiazzare i monitor

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^