La NASA usa PlayStation VR per studiare come manovrare i robot spaziali

La NASA usa PlayStation VR per studiare come manovrare i robot spaziali

La demo è studiata per aiutare gli operatori a manovrare i robot che si trovano in location nello spazio come la Stazione Spaziale Internazionale.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:01 nel canale Videogames
SonyPlaystation
 

Secondo Road to VR, Sony e la NASA hanno lavorato insieme su Mighty Morphenaut, una demo per PlayStation VR che consente agli operatori della NASA di allenarsi nel controllo di robot umanoidi che si trovano nello spazio.

PlayStation VR

La demo ricrea l'ambiente dove si trova il robot, sostanzialmente riproducendo gli interni della Stazione Spaziale Internazionale. Gli operatori così possono imparare a manovrare il robot, cercando di capire come farlo muovere nella maniera più efficiente possibile in modo anche da tenersi a distanza di sicurezza dagli ostacoli.

Da diversi anni la NASA sta lavorando su una tecnologia in grado di controllare dalla Terra umanoidi impegnati nelle esplorazioni spaziali. Si tratta del cosiddetto progetto Robonauts, con cui si intende creare deli umanoidi abili ad aiutare l'uomo nello spazio o, in certi casi limite, a sostituirlo interamente. "Gli umanoidi potranno occuparsi dei compiti ripetitivi e pericolosi in luoghi come la Stazione Spaziale Internazionale", si legge in una documentazione della NASA.

La NASA ha già mandato sulla ISS i primi robot umanoidi, ma ha ancora difficoltà a manovrarli dalla Terra, principalmente per l'importante latenza che si genera nelle reazioni del robot rispetto all'input degli operatori.

La demo Mighty Morphenaut intende simulare queste difficoltà, in modo che gli operatori possano capire cosa significa manovrare un robot che si trova nello spazio. Questa demo gira su una PS4 e fa uso del controller PS Move insieme al caschetto di realtà virtuale PlayStation VR, prima conosciuto come Project Morpheus.

La demo prende in considerazione anche la latenza all'input del robot che si trova in remoto. Senza fare pratica con una simulazione del genere, infatti, gli operatori farebbero fatica a interagire con gli oggetti che si trovano sulla ISS.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ferro7516 Dicembre 2015, 10:11 #1
L'input lag in questo caso non è un problema, anzi devono proprio simularlo.
Questo è il motivo per cui hanno scelto PlaystationVR e non Oculus
gioffry8117 Dicembre 2015, 01:09 #2
Io credo che il vr sia il fururo, speriamo di non buttare al vento una cosa del genere, con l'uscita prematura di questi caschi. Ah, vedendo le specifiche quelli Steam sembrerebbero superiori agli Oculus, se non altro per la risoluzione, ma visto che non è roba di Zuckemberg fa meno notizia.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^