La fine di un'era: Disney chiude LucasArts

La fine di un'era: Disney chiude LucasArts

LucasArts non si occuperà più direttamente di sviluppo di videogiochi, ma si limiterà a un ruolo di gestione delle licenze che possiede.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:01 nel canale Videogames
 

"Dopo aver valutato la nostra posizione nel mercato dei videogiochi, abbiamo deciso di modificare il ruolo di LucasArts, che passa dallo sviluppo interno di videogiochi a gestore di licenze, riducendo al minimo il rischio della società e permettendo di avere un portfolio più ampio di giochi del franchise Star Wars", si legge nel comunicato stampa diramato da Disney, con il quale si annuncia la chiusura definitiva di LucasArts.

Monkey Island

"Come risultato di questo cambiamento, si avranno licenziamenti in tutta la compagnia. Siamo molto riconoscenti e orgogliosi delle persone di talento che hanno lavorato sui nostri nuovi titoli".

Secondo le prime informazioni, circa 150 persone sono state licenziate, mentre fonti attendibili riferiscono della sospensione dei progetti Star Wars 1313 e Star Wars: First Assault. Pare, però, che in entrambi i casi lo sviluppo proseguirà attraverso accordi di licenza con sviluppatori esterni.

"Crediamo ancora nel mondo dei videogiochi, e continueremo a fornire nuovi prodotti del franchise Star Wars. Stiamo solamente esaminando nuovi modelli al di là della produzione interna. C'è la possibilità che Star Wars 1313 venga completato tramite uno sviluppatore esterno", dice ancora Disney.

La chiusura di LucasArts avviene cinque mesi dopo l'acquisizione di Lucasfilm da parte di Disney per un valore complessivo di 4,05 miliardi di dollari. Già dopo l'acquisizione Lucasfilm aveva fatto sapere che si sarebbe concentrata soprattutto sullo sviluppo di giochi per smartphone e tablet. Erano arrivate delle rassicurazioni sul proseguimento dei lavori su Star Wars 1313, che però, come abbiamo visto, rimane ancora in stallo. Vista la qualità dei materiali su questo gioco rilasciati fino a oggi, riteniamo che sarebbe un grossa perdita per il mondo dei videogiochi.

Oltre ai giochi del mondo di Star Wars, LucasArts rimarrà nella storia del videoludo grazie alle sue avventure punta e clicca, che hanno raggiunto l'apice della loro popolarità negli anni '90 con i giochi della serie Indiana Jones, Day of the Tentacle e Monkey Island di Ron Gilbert.

Più recentemente, invece, LucasArts si è concentrata su alcuni giochi del brand Star Wars come i deludenti Star Wars Il Potere della Forza e il titolo con target kids Kinect Star Wars. La software house venne fondata nel maggio del 1982 da George Lucas.

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickmot04 Aprile 2013, 10:31 #1
RIP LucasArts...

Ancora oggi gioco con le tue avventure.

Spero che la licenza di Monkey Island possa finire nelle mani di Gilbert e che presto si veda un nuovo capitolo.
ulukaii04 Aprile 2013, 10:42 #2
Aggiungo che per "l'occasione" Raven ha deciso di rilasciare i sorgenti single player di Star Wars Jedi Knight 2: Jedi Outcast e Jedi Knight: Jedi Academy.
calabar04 Aprile 2013, 10:43 #3
Cominciamo bene... speriamo che almeno qualcuno creda nel progetto e lo mandi avanti in tempo, il tempo perso in questo campo significa fallimento.
Antonio2304 Aprile 2013, 10:44 #4
l'ultima grande sh rimasta. buon cod 2134232 a tutti.
thefra04 Aprile 2013, 10:47 #5
Che tristezza...
e dopo la chiusura della Psygnosis da parte di SONY ora ci chiudono anche LucasArts da parte di Disney.
...

CapodelMondo04 Aprile 2013, 10:47 #6
sono 32 anni che videogioco, console, pc, smartphone e compagnia bella ma nella mia personalissima classifica nessun gioco è mai riuscito a ridarmi le emozioni dei primi due monkey island (con preferenza per il secondo).

sarà che avevo ben altra età, sarà che allora bilanciavi la mancanza d mezzi con la fantasia, sarà quel che volete ma pur sapendo che nessuno di lucasarts leggerà mai sto post li ringrazio per aver fatto sognare quel mocciosetto.

le cose van così ormai, mi fa schifo pensarlo, ma lo accetto e bon.
Korn04 Aprile 2013, 10:58 #7
che tristezza infinita, non capisco perchè una casa dal suo carisma debba essere brutalmente chiusa a sta maniera...
Altair[ITA]04 Aprile 2013, 11:05 #8
no ragazzi scusate ma io davvero ora piango.

Ho sperato sempre, ogni giorno, di poter ritrovare su gog.com quelle gemme, quelle meraviglie, di Grim Fandango e di Outlaws, ma ora, si è chiuso lo stomaco.

Davvero.
r134804 Aprile 2013, 11:06 #9
La mia reazione: http://nooooooooooooooo.com/
amd-novello04 Aprile 2013, 11:26 #10
5 mesi dopo la chiudono? Potevano metterci meno...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^