King rimuove Pac-Avoid ma respinge l'accusa di essere una software house che copia i giochi

King rimuove Pac-Avoid ma respinge l'accusa di essere una software house che copia i giochi

La software house di Candy Crush Saga ha messo offline uno dei suoi giochi dopo aver ricevuto accuse su una presunta clonazione.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 14:23 nel canale Videogames
 

Negli ultimi giorni si è parlato molto dei tentativi di King di registrare i marchi 'Candy' e 'Saga', che fanno parte del nome del suo popolarissimo Candy Crush Saga. La registrazione di "Candy" in Europa e Stati Uniti è stata completata, mentre è tutto ancora da definire nel caso di 'Saga'.

Scamperghost

Pac-Avoid

Per effetto della registrazione del matchio all'Uspto, Apple e Google hanno iniziato a cancellare dai rispettivi store digitali tutti i giochi con la parola 'Candy' nel titolo. La situazione ha generato non poche polemiche contro la software house di Candy Crush, sulla scia delle quali arriva anche un'accusa di clonazione.

Lo sviluppatore indipendente Matthew Cox, infatti, afferma che King avrebbe deliberatamente copiato il suo gioco Scamperghost dopo che lui stesso aveva rifiutato un accordo di licenza sul titolo in questione. King respinge le accuse di clonazione, ma ha comunque rimosso Pac-Avoid, ovvero il gioco che sarebbe una copia di Scamperghost. Cox ha publicato delle immagini per evidenziare il tentativo di clonazione, che riportiamo in questa stessa pagina.

"Come tutte le società prudenti, prendiamo tutte le misure appropriate per proteggere le nostre proprietà intellettuali in modo ragionevole ed equo", dice Riccardo Zacconi, CEO di King, in una lettera aperta. "Allo stesso tempo rispettiamo i diritti e le IP degli altri sviluppatori. Prima di lanciare qualsiasi gioco facciamo una ricerca approfondita sugli altri giochi già presenti sul mercato, così come una revisione dei marchi registrati, al fine di garantirci che non stiamo violando IP di altri".

"Il caso in questione è molto complesso, ma fondamentalmente non avremmo mai dovuto pubblicare Pac-Avoid, e ci scusiamo per averlo fatto", continua Zacconi. "Sia chiaro: questa spiacevole situazione è un'eccezione alla regola. King non copia giochi di altri, e non vuole che altri copino i suoi giochi".

Zacconi poi passa alla discussione sui trademark. "Candy Crush Saga è uno dei casual game di maggior successo della storia, e milioni di persone ci giocano ogni giorno. Non sorprende che alcuni sviluppatori abbiano visto l'opportunità di sfruttare la popolarità del gioco e abbiano rilasciato dei giochi con titoli o elementi grafici molto simili ai nostri. Crediamo che sia giusto e ragionevole difenderci da tali imitazioni".

"Per proteggere la nostra proprietà intellettuale, l'anno scorso abbiamo acquisito il marchio 'Candy' per l'Ue da una società in fallimento, e poi abbiamo registrato il marchio anche negli Stati Uniti. Ci sono state molte polemiche per questo, ma la verità è che non c'è nulla di insolito nel depositare un marchio su una parola di uso comune. Pensate a 'Time', 'Money', 'Fortune', 'Apple' e 'Sun', per citarne alcuni. Non stiamo cercando di avere un controllo totale sulla parola 'Candy', nessun trademark lo permetterebbe. Stiamo solo cercando di impedire che altri giochi capitalizzino ingiustamente il nostro successo".

"Un'altra storia, invece, ci ha visto opporci alla registrazione del marchio 'Banner Saga' da parte di Stoic. Non pensiamo che questo gioco assomigli in qualche modo ai nostri, ma molti dei nostri giocatori associano il termine 'Saga' ai giochi King, come nei casi di Candy Crush Saga, Bubble Witch Saga, Pet Rescue Saga, Farm Heroes Saga. Per tutti questi giochi abbiamo già dovuto affrontare problemi legati al marchio o ai diritti d'autore".

"Non vogliamo impedire a Stoic di utilizzare la parola Saga, ma abbiamo dovuto opporci per preservare la nostra capacità di proteggere i nostri giochi. In caso contrario, molti altri produttori di videogiochi potrebbero utilizzare con maggiore facilità la parola 'Saga' all'interno dei loro titoli".

"Pensiamo che la discussione e il dibattito su questi temi siano cose positive. Accogliamo qualsiasi tipo di commento su ciò che facciamo dentro e fuori l'azienda. Sulla base di tutto ciò rivediamo il nostro approccio e continueremo a farlo in futuro. Nel momento in cui riceviamo una protesta, la analizziamo prontamente ed equamente".

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
peonesnet27 Gennaio 2014, 15:11 #1
"Apple e Google hanno iniziato a cancellare dai rispettivi store digitali tutti i giochi con la parola 'Candy' nel titolo"

penso che questa frase da sola sia sufficiente per definire la situazione come scandalosa.
DKDIB27 Gennaio 2014, 15:15 #2
I casual games hanno successo solo finché restano di moda: passata questa, cadono nell'oblio e (quasi sempre) lo stesso accade alla software house che li ha sfornati.
È quindi naturale che società come King si facciano in quattro, per massimizzare i profitti del proprio titolo di punta: sanno benissimo che non durerà in eterno e che dopo sarà quasi impossibile ripeterne il successo.
Therinai27 Gennaio 2014, 18:45 #3
Queste stronzate mi fanno venire un nervoso allucinante
ziozetti27 Gennaio 2014, 21:47 #4
King sta scalando le classifiche dell'antipatia arrivando a tallonare le grandi multinazionali dell'informatica...
Balthasar8527 Gennaio 2014, 22:50 #5
Originariamente inviato da: DKDIB
I casual games hanno successo solo finché restano di moda: passata questa, cadono nell'oblio e (quasi sempre) lo stesso accade alla software house che li ha sfornati.
È quindi naturale che società come King si facciano in quattro, per massimizzare i profitti del proprio titolo di punta: sanno benissimo che non durerà in eterno e che dopo sarà quasi impossibile ripeterne il successo.

E qualcuno qui se ne sorprende pure..
Esce un titolo come Clash of Clans, fa 100k di download e ti partono i cloni come
Clash of Lords
Castel Clash
Clash of Spartan
Clash of the kingdoms
Clash of legendary titans
Clash of Zombies
Clash of the Damned
Clash of the Olympians
Clash of Kings
Galactic Clash
Clash of Monsters
Clash of Heroes

che spesso si rivelano solo giochi spazzatura instabili traboccanti di pubblicità ed in alcuni casi dannosi ed invasivi.. questo per non parlare di sedicenti guide o altre cose con gli stessi nomi.
Questo è un esempio, non so neppure se Clash of Clans sia quello che ha scopiazzato da qualcuno quindi prendetelo per quello che è, un esempio che vale con TUTTO ciò che per moda ha un minimo di risalto.

Il problema per l'utente è di facile soluzione, bisognerebbe vedere il primo centinaio di voti negativi.. ma alla base c'è una leggerezza eccessiva in questo settore come non capita da NESSUN'ALTRA parte. Altrove una Sky chiama in giudizio una Microsoft per aver chiamato SkyDrive il suo servizio di cloud.. ed il bello è che non sono neppure nello stesso campo. Nessuno si sognerebbe di vendere un gioco per console dal nome PEF 2014 o Call of Dude perché non gli darebbero neppure il tempo di stampar una copertina che già sarebbero citati in giudizio per molto meno.

Ignorare questa verità solo perché "Candy Crush" sta sul ca**o a tutti (me compreso) e scioccarsi per la notizia lascia il tempo che trova, è la gestione del settore ad esser anomala non il contrario.

P.S.
Angry Frogs, Angry Gran, Angry Piggy, Angry Shooter, Angry Keeper, Angry Chicken, Mama Angry, Angry Face, Angry Bomber ecc ecc ecc.. son tutti incavolati o vogliono cavalcare l'onda? Beh, è una pratica scorretta e non parlo a livello morale.


CIAWA
ziozetti27 Gennaio 2014, 23:17 #6
Originariamente inviato da: Balthasar85
Ignorare questa verità solo perché "Candy Crush" sta sul ca**o a tutti (me compreso) e scioccarsi per la notizia lascia il tempo che trova, è la gestione del settore ad esser anomala non il contrario.

Io ce l'ho con Candy Crash Saga perché non riesco a superare il livello 347!

Non è accettabile un marchio registrato su singole parole di uso comune, sono dei baluba quelli dell'ufficio marchi americano che registrano qualsiasi cosa venga chiesta loro.
hexaae28 Gennaio 2014, 02:26 #7
Ma che cialtronate... E il loro giochino di punta non è manco originale ma un clone di ennesima generazione. Eccome se fanno "ricerca approfondita sugli altri giochi già presenti sul mercato"...
moicano6828 Gennaio 2014, 15:53 #8
la cosa VERGHOGNOSA è CHE SI DIA LA POSSIBILITà DI METTER EIL COPYRIGHT SU PAOLE DI USO COMUNE! questa è follia pura..poi parlano loro quando gli stessi King hanno si COPIATYO PER INTERO UN GIOCO DI ALTRI...non il nome..spero sti pezzenti falliscano domani stesso.. togliere giochi perchè il sistema di brevetti è una cretinata con a capo gente che ci lucra su ste cose, è semplicemente un fallimento per tutti..del resto basta vedere che qui si mandano a ramango intere nazioni per cossa dice standard and purs et simila, quando il mercato reale non conta un cazzo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^