Ken Levine pensa ad un gioco per iPhone

Ken Levine pensa ad un gioco per iPhone

Il leader di Irrational Games è impegnatissimo nello sviluppo di Bioshock Infinite, ma ogni tanto riflette su quelli che potrebbero essere i suoi progetti futuri.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 17:11 nel canale Videogames
iPhoneApple
 

Il creatore di Bioshock, Ken Levine, ha dichiarato che una volta completati i lavori su Bioshock Infinite, vi sono alcune idee che lo attraggono, tra cui la possibilità di realizzare un giorno un titolo destinato al mercato mobile, che si distanzi dallo stesso Bioshock.

"Chi può dire cosa riserva il futuro? Alcune mattine mi alzo e penso 'faro un gioco per iPhone, e lo realizzerò in tre mesi'", ha spiegato. "Un mio caro amico sta facendo cose molto interessanti di cui al momento non posso parlare. Le guardo e penso 'forse potrei fare qualcosa del genere'".

Per il momento comunque l'attenzione di Levine è interamente rivolta al completamento di Infinite. "Mi piace quello che sto facendo. Adoro i ragazzi con cui lavoro. Sono arrivato ad avere persone che realizzano materiale davvero notevole per noi. C'è un gigante Songbird (il principale nemico che si dovrà fronteggiare in Infinite, una sorta di Big Daddy volante) là fuori, e vedere che queste cose prendono vita beh, non avviene se si lavora su un progetto più piccolo. Ma un progetto più piccolo ha anche i suoi vantaggi".

Un altro aspetto che Levine apprezza di Infinite è il fatto di aver ripreso i punti cardine del capitolo originale, introducendo uno scenario molto suggestivo come quello di Columbia e rendendo al contempo maggiormente partecipe il protagonista, che si innamorerà di lady Elizabeth. Booker De Witt avrà una sua personalità, non ci sarà unicamente il suo antagonista a dominare la scena, com'era stato nel primo capitolo con le "ingombranti" figure di Andrew Ryan e Frank Fontaine.

"Due cose sono davvero importanti per me. Che la relazione non sia solo tra Booker ed Elizabeth, ma tra il giocatore ed Elizabeth, tramite Booker. E che tale relazione si formi ad un ritmo che non sembri forzato o artificiale, e si tratta di un'ardua sfida".

Vi ricordiamo che il lancio è previsto per il 2012.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^