Iron Lore rende disponibile il demo di Titan Quest

Iron Lore rende disponibile il demo di Titan Quest

Iron Lore Entertainment ha rilasciato il demo ufficiale di Titan Quest, action/RPG curato dal creatore di Age of Empires e ispirato da Diablo.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:35 nel canale Videogames
Diablo
 

Iron Lore Entertainment ha rilasciato il demo di Titan Quest, action/RPG su cui sta lavorando Brian Sullivan, co-creatore di Age of Empires. Il gioco è palesemente ispirato a Diablo, ma offre una grafica di ultima generazione e diverse innovazioni, soprattutto per quanto concerne l'evoluzione dell'esperienza del personaggio.

Il demo che vi indichiamo in questa pagina ha una dimensione di circa 500 MB, offrendo una versione rivista rispetto all'edizione definitiva di Titan Quest. Sono incluse le prime due quest del gioco ed è possibile raggiungere, al massimo, il livello 6 di esperienza.

Si promette anche un'alta rigiocabilità, in quanto, ogni volta che carichiamo una partita salvata, i mostri uccisi ritorneranno in vita, proprio per allungare il più possibile la longevità di questa versione demo. Inoltre, sono comprese diverse aree e caverne e dozzine di personaggi non giocanti. Per il download del demo in questione fate riferimento a questo link .

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DevilsAdvocate16 Maggio 2006, 11:18 #1
"Si promette anche un'alta rigiocabilità, in quanto, ogni volta che carichiamo una partita salvata, i mostri uccisi ritorneranno in vita, proprio per allungare il più possibile la longevità di questa versione demo."

IMHO era la cosa piu' orrenda di diablo II, fortunatamente la blizzard sembra aver imparato
dai propri sbagli (vedi WoW), rigiocabilita' NON significa frustrazione!!!!!
CoreDump16 Maggio 2006, 12:46 #2
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
"Si promette anche un'alta rigiocabilità, in quanto, ogni volta che carichiamo una partita salvata, i mostri uccisi ritorneranno in vita, proprio per allungare il più possibile la longevità di questa versione demo."

IMHO era la cosa piu' orrenda di diablo II, fortunatamente la blizzard sembra aver imparato
dai propri sbagli (vedi WoW), rigiocabilita' NON significa frustrazione!!!!!


Non c'entra una cippa , in diablo era necessario il respawn dei mosti uccisi,
diablo non è e non è mai stato un gioco dove l'importante era arrivare alla fine
ed uccidere il boss, in diablo l'importante era far crescere il proprio personaggio
per poter competere a livelli di difficoltà superiori e per far questo bisognava
poter trovare oggetti unici o set e senza un respawn dei mostri sarebbe
stato impossibile, anche giochi come sacred seguono la stessa filosofia

Edit: inoltre se ricordo bene il primo diablo non aveva il respaw
Pashark16 Maggio 2006, 12:54 #3
Originariamente inviato da: CoreDump
Non c'entra una cippa , in diablo era necessario il respawn dei mosti uccisi,
diablo non è e non è mai stato un gioco dove l'importante era arrivare alla fine
ed uccidere il boss, in diablo l'importante era far crescere il proprio personaggio
per poter competere a livelli di difficoltà superiori e per far questo bisognava
poter trovare oggetti unici o set e senza un respawn dei mostri sarebbe
stato impossibile, anche giochi come sacred seguono la stessa filosofia

Edit: inoltre se ricordo bene il primo diablo non aveva il respaw

Io Diablo l'ho sempre giocato per far crescere il pg e finirlo ad inferno, ma ho sbagliato; esisteva un modo molto più divertente: usare tutti i punti subito e divertirsi come dei pazzi a normal, senza faticare come un dannato per non sprecare niente in vista delle abilità da livello 20.
DeMoN317 Maggio 2006, 08:41 #4
domanda da niubbo...cosè IMHO che ho già letto diverse volte?
aloisius18 Maggio 2006, 11:16 #5
IMHO: in my humble opinion = secondo la mia modesta opinione

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^