IO Interactive: la gente tende a non finire i giochi

IO Interactive: la gente tende a non finire i giochi

La valutazione non riguarda peraltro solamente il futuro capitolo di Hitman, ma rappresenta un problema generalizzato con cui devono convivere molti prodotti e i relativi sviluppatori.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 17:31 nel canale Videogames
 

Io Interactive, nella persona di Tore Blystad, ha dichiarato che la maggioranza dei giocatori non giungerà all'epilogo di Hitman: Absolution e che questo lo rende particolarmente triste.

"Stiamo utilizzando i test molto di più di quanto abbiamo fatto in passato, nel bene e nel male", ha commentato Blystad a Official PlayStation Magazine UK. "

"Il giocatore generico probabilmente non finirà mai il gioco, il che è molto triste. O potrebbero giocarlo per intero una sola volta, ma il gioco è costruito per la gente che voglia tornare in ogni singolo livello e trarne tutto il possibile. E' costruito per durare, invece di essere destinato ad un'esperienza una tantum".

Blystad attribuisce questo fenomeno alla poca voglia voglia di impegnarsi da parte dell'utenza media, un tipo di problematica che a suo dire è comune alla maggior parte dei giochi.

"Credo che la gente non possa impegnarsi tutte queste ore per completare un prodotto. Finiranno per stufarsi. Non avviene solo per questo gioco, ma per qualsiasi titolo", ha aggiunto. "Sapere che solo il 20% dei giocatori vedrà l'ultimo livello di gioco è orribile. Rende le persone che ci lavorano sopra molto tristi".

Secondo il leader di IO Interactive i contenuti più interessanti dovrebbero essere riservati alla parte iniziale del gioco, ma un approccio di questo tipo non è stato possibile in un prodotto come Absolution, a causa di una struttura narrativa piuttosto rigida.

"E davvero difficile, quando qualcosa è costruito per adattarsi ad una storia più ampia, modificare più del dovuto le carte in tavola. Credo che in alcuni dei precedenti capitoli di Hitman possa essere accaduto qualcosa del genere, ovvero che alcuni livello siano stati anticipati, perchè facevano più presa o erano maggiormente interessanti. Per noi non è stato così semplice, perchè la storia collega tra loro tutti i livelli, quindi sono ancora nel medesimo ordine deciso al momento della stesura del progetto".

Il team ha quindi cercato di mantenere particolarmente elevato il livello qualitativo dell'intera produzione, per incoraggiare i giocatori a raggiungere l'epilogo.

Vi ricordiamo che Hitman: Absolution è previsto su PC, PS3 e Xbox 360 per il 20 novembre 2012.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Perseverance27 Giugno 2012, 17:50 #1
"Credo che la gente non possa impegnarsi tutte queste ore per completare un prodotto. Finiranno per stufarsi. Non avviene solo per questo gioco, ma per qualsiasi titolo", ha aggiunto. "Sapere che solo il 20% dei giocatori vedrà l'ultimo livello di gioco è orribile. Rende le persone che ci lavorano sopra molto tristi".

Chi è causa del suo male, pianga se stesso.

Se i giocatori sono diventati così e\o ha iniziato a giocare "certa gente" la colpa è soprattutto degli sviluppatori: meccaniche di gioco semplificate, mancanza trama profondità originalità, grafica superpompata per apparire, meccanismi di controllo che prevedono solo il mouse e la tastiera anche se non ce l'ha è uguale...

Ben gli sta.

Io è da tanto che i giochi....nemmeno li incomincio più....scaffale quasi per tutti: vuoi per l'elevato costo, vuoi per le cose dette prima, vuoi xkè devo sempre usare una crack per poter giocare xkè non ho internet sul pc da gioco come tanti altri miei amici.

Ed è giusto che sia così: o scelgono di fare Giochi o a questo punto si mettono a competere con zinga Io da (ex?) gamer sono stufo di sorbirmi tutte queste cose, vorrei che il mercato tornasse ai veri giochi per pc, sò che non sarà così quindi non gioco più.
Mparlav27 Giugno 2012, 17:57 #2
Ricordo d'aver letto che l'età media dei video giocatori è ben sopra i 30 anni.

Posso capire la frustrazione, per chi ha lavorato tanto su un videogame, di scoprire che alcuni lo giocheranno una sola volta, ed anche quella volta non saranno nemmeno incuriositi dal vedere come va' a finire.

Ma è facile desumere che, gente di quell'età, che probabilmente gioca da 10-15 anni e passa, ne ha viste talmente tante di "storie", spesso ripetitive, spesso tutte uguali ma semplicemente condite con una "salsa diversa", che sta' diventando difficile da appassionare, da tenere incollato diverse ore.
Perchè tranquilli che se il gioco piace, finisce che il tempo lo trova.

In breve: non sarà che arrivati, a quanti? 5-6 Hitman, semplicemente c'è poco da rigirare la frittata?

Non devono stupirsi, accade pure quando si va' al cinema: con certi film ti verrebbe voglia di alzarti ed andar via dopo mezz'ora, ma ti trattieni lì ed approfitti magari per schiacciare un pisolino

Col videogame noioso, se va' bene, lo lasci installato e ci fai un'altro "tentativo" 6 mesi dopo.
hermanss27 Giugno 2012, 18:19 #3
"La gente tende a non finire i giochi"...beh se i giochi sono fatti una chiavica è normale che la gente smetta di giocare prima di finirli...mica si gioca per inerzia!
Lupin_8727 Giugno 2012, 18:21 #4
Sarà mica che i giochi ultimamente fanno schifo ?
Ho rigiocato Diablo e Diablo 2(compreso LoD) fino alla nausea.
Ho preso il 3 e dopo 3 settimane l'ho mollato.

Se si sviluppassero dei videogiochi col fine di divertire e non con quello di spremere al meglio le tasche dei videogiocatori si avrebbe una qualità tale da spingere l'utenza a completare il prodotto più e più volte.

Trovo che sfoghi come quello di Tore Blystad siano delle puttanate architettate per tirare un pò su l'hype dell'ennesima vaccata.
StyleB27 Giugno 2012, 18:59 #5
se il gioco è pessimo, ovvio che non lo finisco.
vogliono che la gente finisca i loro giochi? facciano titoli di spessore, abbastanza lunghi ma non troppo da diventar ripetitivi e con un comparto tecnico almeno decente.
LurenZ8727 Giugno 2012, 19:02 #6
ridateci (parlo in generale) giochi belli e profondi come quelli della serie Legacy Of Kain, poi venitemi a dire se i giocatori non li portano a termine...
bobby1027 Giugno 2012, 19:36 #7
CHe strano che citano proprio Hitman perchè io sono da ben 4 anni su Blood Money. Premesso che mi piace molto ma è un gioco particolare..lento..devi essere particolarmente ispirato per prendere e andare avanti con la storia.
Forse ci si mette anche il fatto che non si può salvare durante un livello e lo devi fare tutto di un fiato.

Prima o poi lo finirò comunque

Condivido che i giocatori ne hanno visti tanti di giochi quindi non sono più tanti i giochi in grado di attirare l'attenzione.
Raghnar-The coWolf-27 Giugno 2012, 19:46 #8
Originariamente inviato da: Lupin_87
Sarà mica che i giochi ultimamente fanno schifo ?


Anche i giocatori sono cambiati comunque.

Mi sembra un po' di sentire quando ci si lamenta in consiglio di dipartimento (fortunamente non a Fisica) che gli studenti "tendono a non superare gli esami".

Ovviamente c'è sempre il fenomeno che propone di farli più facili, ma se siamo in questa situazione è proprio perchè si sono facilitati gli studenti fino alla nausea e ora è al terzo anno gente che non avrebbe dovuto neppure prendere la maturità e si blocca sugli esami con gli unici professori inflessibili (ma competenti).
Ovviamente non si punta neanche mai su quei professori che tengono corsi oggettivamente semplici ma resi complicati da noie di vario tipo (scarsa qualità, disponibilità etc...)
BieSseA27 Giugno 2012, 20:29 #9
Io i giochi li finisco sempre E' come un libro, non riesco lasciarli a metà e iniziare un altro, se proprio proprio non è orrendo
Vanon27 Giugno 2012, 21:17 #10
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
Anche i giocatori sono cambiati comunque.

Mi sembra un po' di sentire quando ci si lamenta in consiglio di dipartimento (fortunamente non a Fisica) che gli studenti "tendono a non superare gli esami".

Ovviamente c'è sempre il fenomeno che propone di farli più facili, ma se siamo in questa situazione è proprio perchè si sono facilitati gli studenti fino alla nausea e ora è al terzo anno gente che non avrebbe dovuto neppure prendere la maturità e si blocca sugli esami con gli unici professori inflessibili (ma competenti).
Ovviamente non si punta neanche mai su quei professori che tengono corsi oggettivamente semplici ma resi complicati da noie di vario tipo (scarsa qualità, disponibilità etc...)

L'esempio calza, ma al contrario: gli studenti sono cambiati in peggio (o per lo meno così lo si interpreta) mentre i giocatori in meglio secondo me
Personalmente con l'età (azz mi sembra di parlare come un pensionato...) sono diventato molto più schizzinoso e puntiglioso sui vg e i giochi fatti con lo stampino non li considero manco più (si salva solo FIFA naturalmente :Prrr e la cosa mi sembra che sia abbastanza diffusa...

OT
Comunque riguardo al tuo problema "accademico": a me sembra che buona parte della colpa sia da imputare proprio all'università più che agli studenti... mi sembra che oggi giorno la naturale continuazione della scuola superiore (dei licei per lo meno) sia l'università, il 90% dei ragazzi ci si fionda come se fosse una cosa obbligata... e le porte sono aperte a tutti

Io non sono di certo un genio (anzi ) ma al terzo anno di Commercio Estero vedere gente che non parla MEZZA PAROLA di inglese mi fa cadere le balle (tra cui un mio carissimo amico che si è portato avanti inglese del primo anno per mesi e mesi)... e fosse solo quello il problema, c'è gente che ad un passo dalla laurea non sanno manco cos'è la partita doppia va bene che io in matematica ho sempre fatto schifo (che cmq ce n'è molto poca in ec. aziendale) ma per lo meno le basi...
Non riesco a capire come abbiano passato gli altri esami e come sia possibile che l'università non capisca da sè che senza una scremaura ci si ritroverà sempre in queste condizioni.. lo trovo stupido dare la colpa a noi studenti (o per lo meno tutta la colpa) quando siete voi professori a lasciarci sguazzare nella nostra ignoranza

fine OT

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^