Iniziativa Progetto Journey per Child of Eden da Ubisoft

Iniziativa Progetto Journey per Child of Eden da Ubisoft

Sotto la supervisione del celebre game designer Tetsuya Mizuguchi, Child of Eden è uno sparatutto multisensoriale che immerge i giocatori in un mix caleidoscopico di musica, ritmo e grafica di nuova generazione.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 15:34 nel canale Videogames
Ubisoft
 

Ubisoft annuncia il Progetto Journey, un'iniziativa che invita i giocatori a inviare le proprie immagini dei ricordi più belli della Terra, per contribuire alla creazione della mappa finale di Child of Eden. Si tratta del nuovo sparatutto su binari sviluppato da Q Entertainment e destinato a PlayStation 3 e XBox 360 nel corso del 2011. Su XBox 360 c'è il supporto a Kinect.

Child of Eden

A partire da oggi, i giocatori possono inviare le proprie foto personali per partecipare alla selezione visitando il sito web di Child of Eden (www.childofedengame.com). Alcuni esempi di foto richieste includono volti sorridenti, splendidi scenari naturali e panorami mozzafiato e altre immagini positive. Tutti i materiali dovranno essere inviati entro il 20 novembre 2010 e quelle selezionate saranno incluse nel livello finale di Child of Eden.

Child of Eden

"Speranza e felicità sono le tematiche principali di Child of Eden e voglio che i giocatori si sentano felici ogni volta che giocano", ha dichiarato Tetsuya Mizuguchi, fondatore di Q Entertainment e direttore creativo di Child of Eden. "Mi serve il vostro aiuto per trasmettere queste emozioni positive, perciò inviateci tutte le vostre immagini più belle e felici per includerle nel finale del gioco".

Child of Eden conduce il giocatore al centro di un conflitto per salvare il Progetto Lumini, ovvero il tentativo di ricreare un'entità vivente all'interno di Eden, l'archivio di tutti i ricordi umani. Mentre il progetto si avvia alla conclusione, l'archivio viene attaccato da un virus sconosciuto. La missione del giocatore sarà quella di salvare Eden dal virus, riportando la pace e la speranza. Sotto la supervisione del celebre game designer Tetsuya Mizuguchi (Sega Rally, Rez, Lumines, Ninety-Nine Nights), Child of Eden è uno sparatutto multisensoriale che immerge i giocatori in un mix caleidoscopico di musica, ritmo e grafica di nuova generazione.

Child of Eden

Child of Eden è ispirato da Rez: il giocatore deve sparare a vari oggetti che compaiono sullo schermo mentre il movimento del suo alter ego è predeterminato e si svolge su binari. Ogni distruzione produce un effetto musicale.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ubro9230 Settembre 2010, 19:35 #1
Un po ipocrita l'obbiettivo del progetto del gioco e il fatto che non sia fatto su pc...anche se non mi sembra una bran perdita...
jägerfan01 Ottobre 2010, 08:36 #2
perché ipocrita?

Quando vidi il trailer di presentazione di questo gioco rimasi estasiato, pura arte.
jestermask01 Ottobre 2010, 09:53 #3
Sul sito ci sono bei trailer (http://child-of-eden.it.ubi.com/). Secondo me sono eccellenti espressioni artistiche ma inadatte per un videogioco.
Ubro9203 Ottobre 2010, 08:44 #4
Originariamente inviato da: jä
perché ipocrita?

Quando vidi il trailer di presentazione di questo gioco rimasi estasiato, pura arte.


Ipocrisia non sta nel gioco o nel progetto che ha dei bei presupposti ma nel fatto che tutti possono inviare foto anche da pc e quindi "contribuire" ma poi ne limitano lo sviluppo sul terzo formato...
Anche questa frase mi fa un po ridere:

"Speranza e felicità sono le tematiche principali di Child of Eden e voglio che i giocatori si sentano felici ogni volta che giocano"ha dichiarato Tetsuya Mizuguchi (destinato solo a xbox360 e ps3)

Non so della serie i giocatori pc possono anche morire...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^