In UK giro di vite per gli inserzionisti che chiedono visibilità agli Youtuber

In UK giro di vite per gli inserzionisti che chiedono visibilità agli Youtuber

L'Authority britannica sulla pubblicità vuole analizzare meglio come i grossi brand stanno lavorando con gli Youtuber e i blogger per promuovere i loro prodotti e i loro servizi.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:31 nel canale Videogames
 

Durante l'annuale conferenza dell'ISBA (Incorporated Society of British Advertisers), Guy Parker, CEO della Advertising Standards Authority (ASA), ha rivelato che il consiglio del regolatore sulla pubblicità discuterà a breve il problema dell'apparizione dei prodotti legati ai grandi brand all'interno dei video su Youtube o di altri contenuti di tipo video blog.

Il caso è partito dopo l'incessante pubblicità fatta da Oreo, la multinazionale dei biscotti, che ha chiesto ad alcuni celebri Youtuber di far apparire i suoi prodotti all'interno dei video. La Asa si è espressa su questa situazione, dicendo che non era stato chiaramente indicato che quelle apparizioni erano in realtà una forma di pubblicità retribuita.

"Gli Youtuber stanno collaborando con noi", ha detto Parker. "Vogliono stabilire un confine il più netto possibile tra ciò che è pubblicità e ciò che non lo è". Youtuber e vlogger in realtà stanno chiedendo un aiuto contro quelle società e quelle PR che fanno pressioni affinché si mostrino prodotti brandizzati all'interno dei video, sostiene l'Authority.

Queste PR, infatti, forniscono gratuitamente prodotti in cambio di visibilità e continuano a farlo se i vlogger e i giornalisti ne parlano bene, sfumando in maniera fin troppo eccessiva il confine tra recensione e pubblicità. Ma il vlogging è sottoposto alle norme sulla pubblicità del Regno Unito e quindi a indagini su eventuali pagamenti e controllo sui contenuti da parte degli inserzionisti.

Solamente nel 2014, l'Authority sostiene di aver ricevuto oltre 37 mila denunce sulla pubblicità non regolamentata sui video blog. E questo la spinge a prendere una decisione netta sul problema, con una prima discussione prevista per venerdì.

Naturalmente si tratta di un problema molto ampio che riguarda in grande misura il mondo di internet e il settore dei videogiochi, dove gli Youtuber hanno acquisito un ruolo rilevante. Con la risalita recente dei vlog e con l'importanza sempre maggiore che stanno acquisendo Youtuber e affini diventa sempre più urgente una presa di posizione da parte delle istituzioni, con la necessità di avere leggi chiare in proposito esattamente come le si hanno per la TV.

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
joethefox12 Marzo 2015, 09:37 #1

Non ci posso credere!!!

Ma dai è uno scherzo!! Esattamente come avviene in alcune testate giornalistiche online che spacciano la pubblicità ad Amazon come se fosse una news.... ahahah
Akus12 Marzo 2015, 10:57 #2
Originariamente inviato da: joethefox
Ma dai è uno scherzo!! Esattamente come avviene in alcune testate giornalistiche online che spacciano la pubblicità ad Amazon come se fosse una news.... ahahah


Colpito e affondato
cm0s12 Marzo 2015, 11:05 #3
Originariamente inviato da: joethefox
Ma dai è uno scherzo!! Esattamente come avviene in alcune testate giornalistiche online che spacciano la pubblicità ad Amazon come se fosse una news.... ahahah


ahahahah
sbudellaman12 Marzo 2015, 11:14 #4
Originariamente inviato da: joethefox
Ma dai è uno scherzo!! Esattamente come avviene in alcune testate giornalistiche online che spacciano la pubblicità ad Amazon come se fosse una news.... ahahah


GRANDE!!!
s0nnyd3marco12 Marzo 2015, 11:40 #5
Originariamente inviato da: joethefox
Ma dai è uno scherzo!! Esattamente come avviene in alcune testate giornalistiche online che spacciano la pubblicità ad Amazon come se fosse una news.... ahahah


EPIC
iorfader12 Marzo 2015, 12:00 #6
si ma non è solo questo sito, c'è l'hardware di tom che ora col restyle del sito, mettono pubblicità nel titolo di ogni notizia vecchia!!! roba da farsi venire l'orticaria, ho smesso di andarci. andassero a vancouver loro e chi li ha messi li a credere di essere + furbi di me
Stevejedi12 Marzo 2015, 12:28 #7
Originariamente inviato da: joethefox
Ma dai è uno scherzo!! Esattamente come avviene in alcune testate giornalistiche online che spacciano la pubblicità ad Amazon come se fosse una news.... ahahah


Medaglia Subito.
koni12 Marzo 2015, 15:19 #8
hahha se lo fanno da noi su ogni pagina devono mettere la scritta " articolo sponsorizzato"
alex912 Marzo 2015, 18:33 #9
Originariamente inviato da: iorfader
si ma non è solo questo sito, c'è l'hardware di tom che ora col restyle del sito, mettono pubblicità nel titolo di ogni notizia vecchia!!! roba da farsi venire l'orticaria, ho smesso di andarci. andassero a vancouver loro e chi li ha messi li a credere di essere + furbi di me


su tom il livello è ormai MOLTO più basso che qui... al confronto Nino è un vate del giornalismo italiano
sbazaars12 Marzo 2015, 19:07 #10
E purtroppo c'è anche questo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^