Il gamer non è più maschio: giocano più donne che ragazzi

Il gamer non è più maschio: giocano più donne che ragazzi

Le videogiocatrici adulte superano in numero gli adolescenti sotto i 18 anni, i numeri degli studi di settore

di Nino Grasso pubblicata il , alle 09:31 nel canale Videogames
 

Sebbene fino a pochi anni fa lo stereotipo del videogiocatore fosse indubbiamente di genere maschile, ad oggi risulta difficile tracciare un distinguo così netto. Secondo un nuovo studio operato da Entertainment Software Association (ESA), il 48% dei videogiocatori statunitensi è donna mentre, fra i gamer, sono più numerose le donne adulte che i minorenni maschi, da tempo ritenuti dagli sviluppatori come il target di massa a cui destinare i propri prodotti.

Un trend che hanno visto crescere progressivamente anche le software house: "Abbiamo visto un grande e rapido aumento dei giocatori di sesso femminile, su tutti i generi", ha detto Fredrik Rundqvist, produttore presso Massive Entertainment di Ubisoft SA. La società ha di recente dovuto eliminare la possibilità di giocare con un personaggio femminile su Assassin's Creed Unity, decisione che ha ricevuto non pochi dissensi da parte del pubblico femminile.

Si tratta solamente di un esempio che mostra come le donne e le loro richieste non possano più essere escluse in fase di sviluppo di un nuovo titolo, in quanto occupano una parte assolutamente corposa dell'intero mercato. Un altro sondaggio operato da Nielsen di recente specifica che le gamer preferiscono giocare su personal computer, dispositivi mobile e sulla console Nintendo Wii.

Statistiche ESA, videogiocatori e videogiocatrici

All'interno della documentazione dell'ESA troviamo ulteriori numeri interessanti del mercato: basandosi su rilevazioni condotte su 2.200 famiglie americane, il 44% degli intervistati gioca sul proprio smartphone e il 33% su un "dispositivo wireless". Su mobile dominano i generi casual, che occupano il 46% delle preferenze, mentre il 31% sono puzzle e giochi da tavolo. Solamente il 15% dei giocatori preferisce giochi d'azione, sportivi, di ruolo e MMO su mobile.

I videogiocatori più incalliti probabilmente vorrebbero disquisire sulla definizione di "gamer", ritenendo poco opportuno inserire sotto l'etichetta qualcuno che gioca esclusivamente via mobile. Tuttavia, statistiche di questo tipo considerano gamer chiunque abbia a che fare con un videogioco e, letteralmente, non hanno tutti i torti, sebbene siano preferibili statistiche separate per le diverse categorie.

Riportiamo di seguito gli altri numeri del report dell'ESA: il giocatore ha una media di 31 anni, e il 39% degli intervistati ne ha oltre 36. Dal 2012 al 2013 sono cresciute del 32% le donne videogiocatrici oltre i 50 anni e, complessivamente, il gamer medio utilizza videogiochi da 14 anni.

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marok26 Agosto 2014, 09:38 #1
I casual game io non li chiamerei giochi.
La maggior parte sono con acquisti in-app che creano una sorta di circolo vizioso tale e quale a quello del gioco d'azzardo, per cui in realtà non sono giochi.
E la maggior parte delle donne giocano a queste macchinette camuffate da videogame.
iorfader26 Agosto 2014, 10:11 #2
beh io da progamer, devo dire che le ragazze giocano ai videogiochi, ma quelle che giocano davvero sono 1/5 di quella percentuale, la maggiorparte gioca a giochi inutili, oppure gioca a wow ma a modo suo...
Portocala26 Agosto 2014, 10:27 #3
Ma per favore ... Chi gioca a candy crush saga o farmville non si può considerare GAMER!!!!
Microfrost26 Agosto 2014, 10:30 #4
certo che giocano piu donne, gli uomini hanno da lavorà
Balthasar8526 Agosto 2014, 10:33 #5
Il Mondo gira ancora in senso antiorario..



CIAWA
ThePonz26 Agosto 2014, 10:55 #6
spero che lo studio abbia contato anche tutti quelli che al lavoro aprono il solitario di Windows
Goofy Goober26 Agosto 2014, 10:56 #7
Originariamente inviato da: Portocala
Ma per favore ... Chi gioca a candy crush saga o farmville non si può considerare GAMER!!!!


puoi anche chiamarli gamer, ma allora anche mio nonno che gioca a cirulla nel circolo diventa un gamer...

il problema di queste statistiche è che non prendono in considerazione un semplice fattore, ossia che chi "gama" (orribile lo so :asd per definizione sa prendere in mano una periferica, o più periferiche (nel caso di mouse e tastiera), e mettersi a giocare su per giù a tanti tipi di gioco diversi senza molti, o cmq particolari, problemi.

qua sembra che si dica che chi fa scoppiare pallette colorate toccando col dito uno schermo touchscreen è un videogiocatore, anche se, magari, quando gli viene dato in mano un controller non sa manco che pesci pigliare...

non so, è come dire che tutti quelli che guidano uno scooter sono capaci di andare in pista con una moto, o quelli che guidano una macchina sono in grado a fare un rally....
gd350turbo26 Agosto 2014, 11:15 #8
Non fate la statistica di quante donne giocano, ma dite a cosa giocano...
Fate la statistica di quante donne giocano ad esempio a BF3/4 su pc...
Secondo me, è un numero talmente basso da essere perfino difficile rappresentare con una percentuale !
Goofy Goober26 Agosto 2014, 11:16 #9
Originariamente inviato da: gd350turbo
Fate la statistica di quante donne giocano ad esempio a BF3/4 su pc...
Secondo me, è un numero talmente basso da essere perfino difficile rappresentare con una percentuale !


e meno male

ci manca che pure loro si mettono a giocare agli spara-spara-rispara-sparaancoraunpo' e poi il gaming sarà definitivamente morto e sepolto
mattxx8826 Agosto 2014, 11:22 #10
Originariamente inviato da: Goofy Goober
e meno male

ci manca che pure loro si mettono a giocare agli spara-spara-rispara-sparaancoraunpo' e poi il gaming sarà definitivamente morto e sepolto

http://battlelog.battlefield.com/bf...ELEVATE-Melisa/
Questa dà m****a tranquillamente a qualunque player uomo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^