Il 70% degli sviluppatori non è soddisfatto da pubblicità e marketing per le app

Il 70% degli sviluppatori non è soddisfatto da pubblicità e marketing per le app

I risultati emergono da un sondaggio realizzato da Papaya Mobile, che offre il servizio AppFlood per promuovere mobile game e app.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 15:21 nel canale Videogames
 

L'indagine mostra come la maggior parte degli sviluppatori non creda ai vantaggi dei canali di marketing nel contesto mobile. In particolare, non si fida dei fornitori di reti pubblicitarie.

Papaya Mobile

Papaya Mobile, una società con sede a Pechino, ha contattato più di mille sviluppatori di tutte le dimensioni per ottenere una panoramica sullo stato della promozione delle app e la loro monetizzazione. Il corollario al suo studio, secondo Papaya, è che serve ancora più esperienza in questo settore, in modo da promuovere i nuovi prodotti nella maniera giusta.

L'indagine ha rilevato che il costo non è il fattore più importante nella scelta di un partner pubblicitario. Il costo figura al terzo posto di questa graduatoria, scelto dal 37% degli intervistati. Il fattore più importante per la metà degli sviluppatori riguarda il rapporto con questi partner, ovvero se sia possibile fidarsi di loro ed ottenere risultati efficaci ad un prezzo ragionevole. Gli sviluppatori del mondo mobile, infatti, hanno a disposizione così tante opzioni da essere confusi su quale sia l'approccio migliore.

Il 48% degli sviluppatori sostiene, inoltre, che il costo per l'acquisizione di nuovi utenti sia ancora troppo alto. Coloro che sembrano più insoddisfatti sono i team di sviluppo con 15 o meno impiegati, che chiaramente hanno maggiori difficoltà a emergere. Il 53% di questi sviluppatori ha risposto che l'acquisizione degli utenti è troppo costosa, percentuale che scende fino al 33% nel caso di software house con 50 dipendenti o più.

Circa il 71% degli sviluppatori si dichiara non soddisfatto dalle richieste dei gestori di reti pubblicitarie in termini di eCPM. Si tratta della stima del costo di mille letture del messaggio pubblicitario. Fra tutte, soprattutto le software house di medie dimensioni non sono contente dei costi a questa voce. Circa il 70% dei piccoli sviluppatori e il 60% dei grandi sviluppatori hanno condiviso questo punto di vista.

Il budget per il marketing del 78% degli sviluppatori è inferiore ai 5 mila dollari. Mentre il 12% delle software house può vantare un budget per il marketing che si aggira tra i 5 e i 10 mila dollari e solo il 10% degli sviluppatori può spendere più di 10 mila dollari per sostenere il lancio delle loro app.

Secondo la maggior parte degli sviluppatori è più proficuo un approccio "fai da te", con il 73% che preferisce acquistare da sé i media per veicolare le campagne, piuttosto che assegnare queste competenze a specialisti della pianificazione pubblicitaria.

Nella fase in cui stabiliscono quale rete pubblicitaria adottare o quale servizio di marketing usare, il 26% dei piccoli sviluppatori, il 19% degli sviluppatori di medie dimensioni e il 12% dei grandi grandi sviluppatori valutano cosa hanno da offrire le società come Papaya.

Si Shen, amministratore delegato di Papaya Mobile, commenta così questi dati: "Gli sviluppatori istintivamente gravitano verso le grandi reti pubblicitarie e i fornitori di servizi di un certo blasone perché sentono di potersi 'fidare' di questi grandi marchi nell'ottenimento di un buon servizio di marketing per le loro app. Tuttavia, il fatto che la stragrande maggioranza degli sviluppatori - soprattutto quelli di piccole dimensioni - siano insoddisfatti dei risultati conseguiti in rapporto ai costi suggerisce un divario nelle aspettative rispetto ai fornitori dei servizi".

"Per guadagnare oggi la fiducia degli sviluppatori attenti ai costi, per i quali la priorità sono i risultati positivi e un ritorno in confronto all'investimento fatto, i fornitori di reti pubblicitarie devono essere pronti a essere più trasparenti nelle loro offerte di marketing per le app, soprattutto in fatto di pianificazione della campagna, reporting e misurazione".

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
II ARROWS04 Luglio 2013, 11:18 #1
Il 70%?
Ma tu guarda, proprio la percentuale delle applicazioni orribili, buggate e inutili!

Poi ci sono quelle fatte male, quelle solo inutili, quelle senza una logica nell'interfaccia grafica, quelle che richiedono permessi che non hanno assolutamente bisogno...

Cominciassero a farle sul serio queste applicazioni, allora vedono come trovano clienti...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^