I videogiochi violenti sono i più venduti

I videogiochi violenti sono i più venduti

È quanto si apprende dal report pubblicato dalla società di ricerche Electronic Entertainment Design and Research (EEDAR). Fornisce statistiche anche sull'attuale situazione nel mercato delle console di nuova generazione.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:40 nel canale Videogames
 
Electronic Entertainment Design and Research (EEDAR) ha pubblicato il suo primo report di una certa consistenza, analizzando alcuni parametri del settore videoludico come le vendite negli Stati Uniti, la media voto, le funzionalità online, la classificazione ESRB, le caratteristiche di base del gameplay.

Si prendono in esame le tre piattaforme di riferimento in ambito console, PlayStation 3, XBox 360 e Wii, dal momento del loro ingresso nel mercato all'1 giugno 2007. Sono stati presi in considerazione 219 videogiochi venduti attraverso le normali procedure retail e 187 titoli scaricabili dai corrispettivi servizi online delle console di nuova generazione.

Il dato più interessante riguarda i videogiochi classificati come "M" - mature. I prodotti che rientrano in questa classificazione costituiscono il 10% di tutti i titoli esaminati, ma sono anche i più venduti nei negozi degli Stati Uniti. Inoltre, ottengono le migliori valutazioni dalla critica del settore, secondo le medie fornite da Metacritic. EEDAR conclude che è un fenomeno di un certo rilievo se si considera che negli Stati Uniti i giochi classificati come "M" non sono venduti dalle principali catene commerciali a coloro che hanno meno di 17 anni.

Quanto alle altre statistiche fornite da EEDAR, può sorprendere il dato riguardante i giochi che comprendono una modalità multiplayer online. Il 45% dei titoli esaminati, infatti, non ha alcuna modalità di questo tipo. Se si prende in considerazione la sola piattaforma Nintendo Wii, questo valore sale addirittura al 98%.

Nintendo si rifà in fatto di numero di giochi distribuiti in questi primi sette mesi del ciclo vitale di Wii. I titoli per Nintendo Wii immessi sul mercato sono il doppio rispetto a quelli destinati a PlayStation 3 e XBox 360.

Infine, i giochi che hanno una media valutativa superiore al 90% sono i più venduti. Le vendite di questi titoli sono superiori del 531% rispetto alle vendite dei giochi con valutazioni più basse. D'altronde, i titoli con valutazioni superiori al 90% costituiscono solamente il 2% di tutti i prodotti videoludici commercializzati.

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gabi.243712 Settembre 2007, 10:45 #1
Scoperta dell'acqua calda?
Redvex12 Settembre 2007, 10:49 #2
Ultimamente c'è da dire che vengono creati giochi violenti per sopperire alla mancanza di un background (o storia) degna. Cito per esempio manhunt che ha venduto più per le censure che per il valore intrinseco del prodotto
Bluknigth12 Settembre 2007, 10:53 #3
Credo valga anche per i film e i libri....

Se poi ci mettono il sesso...

E' inutile, anche se ci siamo evoluti gli istinti di base sono quelli che ci guidano e "loro" lo sanno....
Fl1nt12 Settembre 2007, 10:53 #4
E ci voleva un'indagine?
Stigmata12 Settembre 2007, 10:55 #5
Meglio sfogarsi così (giocando) che non in altri modi più pericolosi
gasparirob12 Settembre 2007, 11:03 #6
Originariamente inviato da: Redvex
... Cito per esempio manhunt che ha venduto più per le censure che per il valore intrinseco del prodotto


Personalmente a me Manhunt è piaciuto per il valore intrinseco del prodotto, piu che per le censure...

Che mito di gioco... proprio ultimamente me lo son reinstallato... e ri-finito in una settimana...

per la cronaca: non ho mai ucciso nessuno! dirò di più: non ho mai fatto a botte!! son sempre riuscito a distinguere il gioco dalla realta! se uno, giocando, viene spinto a fare qualcosa "di strano", il problema non sta nel gioco! il problema sta nella persona!!

scusate lo sfogo...
Freisar12 Settembre 2007, 11:04 #7
Originariamente inviato da: Stigmata
Meglio sfogarsi così (giocando) che non in altri modi più pericolosi


Esatto e per i minori sono i genitori che devono darsi una svegliata non censurare come fanno in germania....



Nevermind12 Settembre 2007, 11:06 #8
Non è tanto la violenza in se è al qualità del titolo, è questa la caratteristica principale.....Mafia è stato uno dei giochi + belli di sempre ma non certo per via del sangue ma per la storia fantastica e il gameplay.
Stigmata12 Settembre 2007, 11:10 #9
Originariamente inviato da: Freisar
Esatto e per i minori sono i genitori che devono darsi una svegliata non censurare come fanno in germania....





Il fatto è che fa comodo avere dei capri espiatorii ai quali dare la responsabilità del marciume che c'è nella società odierna, e un capro espiatorio che non può protestare (e che è oltretutto esterno alla società stessa... perchè i cattivoni non abitano certo in casa nostra e non fanno parte del nostro ristretto cerchio di vita) fa sempre comodo.

Personalmente questo atteggiamento lo chiamo salame sugli occhi, non so voi...
demon7712 Settembre 2007, 11:13 #10
Beh.. penso sia per lo stesso motivo che in videonoleggio vanno via più copie di Sin City che dei Teletubbies..

Credo non ci sia niente di male nel gioco o nel film violento, nessuno dotato di normale intelligenza ne trae danno o cerca di emulare ciò che vede..

Chiaro che se uno è metalmente inferiore il discorso cambia.. ma sono problemi suoi, non certo colpa dei videogiochi..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^