I videogiochi PC sono destinati ad occupare solo una nicchia del mercato?

I videogiochi PC sono destinati ad occupare solo una nicchia del mercato?

Uno dei più importanti analisti del settore, Michael Pachter, formula questa allarmante tesi in un articolo apparso su Gamasutra.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:05 nel canale Videogames
 
Un interessante articolo su Gamasutra fa il punto della situazione riguardo al mercato dei videogiochi per PC e cerca di individuare gli elementi principali che lo caratterizzeranno nell'immediato futuro. L'articolo è impostato sulle dichiarazioni di tre analisti di mercato: Michael Pachter di Wedbush Morgan, Ed Barton di Screen Digest, David Cole di DFC Intelligence. La discussione verte su tre aspetti: situazione del mercato, pirateria, Windows Vista.

La dichiarazione più sorprendente è quella di Pachter: "Il mercato dei giochi PC sta diventando una nicchia. Ci saranno semre dei giochi PC, e i MMO rimaranno probabilmente basati sul PC a causa del fatto che richiedono una connessione ad internet. Ci sono altri giochi che ha un senso giocare sul PC come gli RPG, gli RTS e alcuni prodotti basati su puzzle".

In questo senso si rivela di fondamentale importanza l'apporto che può dare Windows Vista all'intera industria videoludica PC. Sempre secondo Pachter, "Microsoft sta tentando di rendere più semplice lo sviluppo dei videogiochi per PC e di facilitare la conversione dei giochi XBox 360. Vista sembra essere pensato in questa prospettiva, io penso che ciò aiuterà gli sviluppatori di giochi PC".

Un problema non secondario è anche quello che riguarda la pirateria e i servizi di distribuzione digitale del software. Barton, a tal proposito, sostiene che "ci sono pochi canali di distribuzione digitale che hanno la stessa portata della distribuzione tradizionale, specialmente in riferimento al target degli hardcore gamers. Steam e XBox Live (sebbene per il momento sia compatibile solo con le console XBox e Xbox 360, Microsoft ha già annunciato che Vista supporterà un sistema simile al Live) sono illustri eccezioni. Entrambi hanno dimostrato la vitalità della distribuzione attraverso micro-transazioni e del modello di distribuzione del software ad episodi".

"Una naturale evoluzione di questo business, popolare in Asia, è di affidarsi completamente alle micro-transazioni per i propri guadagni", continua Barton. "In Asia, dove la pirateria in ambito PC raggiunge livelli storicamente molto elevati, il software ha costi molto contenuti, mentre i guadagni sono generati da pagamenti sui tempi di gioco o dall'acquisto di oggetti in game".

Per leggere l'articolo completo premete qui.

96 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rutto14 Settembre 2006, 10:10 #1
beh, io che gioco solo ed esclusivamente a fps mi fa un po' ridere l'idea che:
1) smettano di farne pe PC
2) comincino ad affermarsi per console

boh.
la pirateria e' un bel cancro per le societa' di software, ok, ma la soluzione imho migliore NON e' questa!
ErminioF14 Settembre 2006, 10:14 #2
Sicuramente la pirateria pc, più diffusa che su console, ha il suo peso.
Così come l'ha il dover cambiare componenti per poter giocare ai titoli in uscita (una console non la cambi ogni 2 anni, il pc, per poter giocare a buoni livelli si, senza contare che c'è chi lo cambia ogni 6 mesi )
Però sicuramente giocare col pc ti dà sensazioni diverse rispetto le console, ti puoi personalizzare il gioco, ci sono trilioni di mod gratuiti, mappe, configurazioni possibili che le console non ti offrono
rutto14 Settembre 2006, 10:15 #3
RPG, gli RTS e alcuni prodotti basati su puzzle??

non si fa prima a dire TUTTI i giochi in prima persona e/o dove un mouse e' NECESSARIO?!
Nevermind14 Settembre 2006, 10:21 #4
Io vedo + probabile il contrario visto che su pc si pososno giocare tutti i titoli per console viceversa la vedo dura e limitativo.

A meno che non creiamo una console del tutto uguale ad un pc (e già non siamo tanto distanti da questo) e allora a sto punto è come pulirsi il culo coi coriandoli.
soft_karma14 Settembre 2006, 10:24 #5
Purtroppo agli editori non frega una emerita cippa di queste considerazioni, ma si buttano soltanto sul mercato dove c'è maggiore convenienza. La console al momento offre meno possibilità di contraffazione a fronte di un bacino di utenza elevato? Bene, ci si concentra sulle console. Microsoft sta cercando di portare il successo di Xbox Live! anche su PC, dove potrebbe cominciare a guadagnare ed a offrire un servizio che molti ritengono innovativo e molto interessante. Senza contare che se uno ha voglia di comprare qualche giochino "vecchio" su live lo può trovare a pochi spiccioli.

Il futuro dei giochi sarà sempre più la distribuzione elettronica, conveniente da ambo le parti e sempre meno ai negozi.

Giusto come nota comincio anche io ad essere stufo di cambiare il PC ad ogni nuovo gioco/sistema operativo.
LZar14 Settembre 2006, 10:24 #6
A me sembra un altro segnale che conferma che si va sempre di più verso la massificazione dei giochi.

Ormai l'importante è produrre giochi a basso costo di sviluppo, salvo poi farli costare comunque 60+ Euro all'utente finale.

Ben venga il PC come mercato "di nicchia" se questo vuol dire che i giochi per PC potranno avere un contenuto più complesso e più interessante rispetto alla produzione "di massa" che dovrebbe finire sulle console, se invece si va verso giochi per PC che altro non sono che una conversione di giochi per console, allora tanto vale evitare di spendere fior di soldi in schede video dell'ultima generazione ed ammenicoli vari (tipo schede per IA e fisica) e comprarsi una console, stesso risultato con una spesa inferiore.

E lo dico con un certo rammarico da giocatore PC di vecchia data, pensando ai bei tempi in cui giocavo a Rogue sul mio Amstrad 8086.
nonikname14 Settembre 2006, 10:27 #7
E' dalla commercializzazione del nintendo 16bit che sento questo ritornello , ripetuto ad ogni gen .. PS1 , PS2-XBOX , X360 e oggi , puntuale come un mal di pancia agli esami , all'uscita della PS3...
legno14 Settembre 2006, 10:27 #8
Ciao , questo signore non ha mai giocato a simulazioni di areri o di guida ? mi sembra molto limitativo il suo discorso per quanto riguarda l'HW. Ho poi una mia teoria riguardo alle console ed alla loro durata, queste ultime sono sempre durate alcuni anni anche perche' i giochi sono sempre stati programmati per risoluzioni ridicole ( quella del televisore, anche un pc con una 9600 base fa girare farcry a palla a 640x480 !!) ), ora con l'avvento dell'HD ( quando e se arrivera' ), sono proprio curioso di vedere se anche le console subiranno un veloce invecchiamento dell'hardware come su pc. ciao.
DarKilleR14 Settembre 2006, 10:28 #9
Con tutto il rispetto per la pirateria, è vero che è un grande problema.

Però iniziassero a fare i giochi decenti, o quantomento a farli pagare un prezzo decente, vedrete che la pirateria diminuirebbe tantissimo.

Io tutto i giochi che potevano essere definiti capolavori degli ultimi 2/3 anni li ho comprati...e AHIME non ammontano a più di 4/5
ErminioF14 Settembre 2006, 10:28 #10
xbox live su pc sarebbe inutile, steam è uguale e gratuito, per gli altri giochi ci sono 1000 programmi free tra cui scegliere per fare le stesse cose del live (server browser? kquery e xfire; comunicazione vocale? ventrilo, teamspeak; chat? mirc, messenger etcetc).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^