I tumulti sul gioco d'azzardo online spingono le azioni di Zynga e di Glu

I tumulti sul gioco d'azzardo online spingono le azioni di Zynga e di Glu

Negli Usa si va verso la legalizzazione del gioco d'azzardo online, mentre Zynga raggiunge un accordo con Glu per un nuovo gioco mobile. Il Presidente Obama osserva la situazione con attenzione.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:58 nel canale Videogames
 

Il valore delle azioni di Zynga è cresciuto del 59% dall'inizio dell'anno, principalmente per il rinnovato impegno del colosso del social gaming nel settore del gioco d'azzardo online. Questo tipo di prodotto è quasi del tutto proibito su territorio statunitense, quindi fino a oggi Zynga ha dovuto rivolgersi ai mercati esterni agli Usa. Ma le cose sembrano destinate a cambiare.

Zynga

Zynga ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Glu Mobile per la produzione di uno slot game a valuta reale per dispositivi mobile. In seguito all'annuncio, anche le azioni di Glu, servizio gambling con sede a Londra, sono schizzate in alto, precisamente di 18 punti percentuali.

Il gambling online è legale nella maggior parte delle nazioni, Italia compresa, ma non negli Usa. Eppure, le azioni di Zynga e di Glu stanno acquisendo valore proprio in base ai tumulti che ci sono negli ultimi giorni negli Usa a proposito del gambling online, visto che la legalizzazione sembra vicina.

L'industria del gaming ha fatto pressioni sul Congresso in modo che ammorbidisca i divieti sul gambling online, sostenendo che giochi come il poker si basano sull'abilità dei giocatori piuttosto che sulla fortuna. È probabile che la legge federale cambi, anche perché Nevada, New Jersey e Delaware hanno recentemente legalizzato il gambling online.

"Siamo cautamente ottimisti riguardo il potenziale di Zynga nel settore del gambling online", dice Arvind Bhatia, analista di mercato di Sterne Agee. "Ma ci sono ancora molte incognite. Fino a quando non se ne saprà di più dal punto di vista legislativo, si tratta più di promesse che di realtà".

Nel momento in cui il gioco d'azzardo online diventerà legale negli Usa, Zynga dovrà trovare le giuste partnership e fissare dei prezzi adeguati per i suoi giochi, se vorrà conquistare la leadership anche in questo settore. Ma, sempre stando alle previsioni di Bhatia, non sarà scontato per Zynga trarre benefici immediati dalla legalizzazione del gioco d'azzardo online. "Bisognerà aspettare diversi esercizi fiscali per iniziare a vedere dei dati significativi", puntualizza Bhatia. "Probabilmente non vedremo miglioramenti nell'anno fiscale 2013, piuttosto nel 2014".

Le azioni di Zynga sono precipitate dell'80% nel 2012, per poi palesare i primi segnali di ripresa nello scorso dicembre, quando il produttore di social game ha inoltrato una domanda di licenza per un gioco di gambling online al governo del Nevada. Poche settimane prima, inoltre, Zynga aveva raggiunto un accordo con un altro operatore internazionale del settore, bwin. Grazie a questi accordi si intensificherà il numero di rilasci di giochi d'azzardo online da parte di Zynga nel Regno Unito.

Intanto, a Wall Street si specula di una possibile acquisizione di Zynga da parte di Yahoo. "Ci sono delle buone ragioni per fare questo tipo di speculazioni", ha detto Matthew Lynley, giornalista del Wall Street Journal. "È una società che opera in un segmento di mercato affine a quello di Yahoo, che potrebbe acquisirla a un prezzo ragionevole. Se non altro per poter disporre dell'esperienza degli ingegneri mobile di Zynga, risorsa che è considerata una priorità per Yahoo".

"L'acquisizione di Zynga da parte di Yahoo sarebbe una decisione terribile per entrambe le compagnie. Sono sicuro che nessuno dei due CEO è così stupido", twitta però l'analista Nicholas Lovell. Per il momento non ci sono ulteriori conferme.

Ma è una questione anche politica, visto che lo stesso Presidente Obama nella giornata di ieri ha twittato sul suo profilo ufficiale l'articolo che riporta dell'accordo tra Zynga e Glu. L'amministrazione Obama è da sempre stata favorevole alla legalizzazione, o perlomeno a una certa apertura, nei confronti del gambling online, mentre l'industria ha corso un serio pericolo, nello scorso novembre, se Romney avesse vinto le elezioni. I Repubblicani si sono mostrati diverse volte in Congresso ostili all'apertura verso questo genere di gioco, che può causare dipendenza e che per questo viene considerato illegale.

Dietro le posizioni di Romney c'erano anche gli interessi di Sheldon Adelson, il magnate dei casinò di Las Vegas che, per ovvi motivi, sostiene il gioco d'azzardo reale a discapito di quello virtuale da giocarsi su internet. Dunque, i provvedimenti dell'eventuale amministrazione repubblicana contro gambling e poker online, più volte paventati durante la campagna elettorale, non avrebbero sorpreso nessuno.

Il senatore democratico Harry Reid, da sempre favorevole al poker online negli Stati Uniti, ha promosso una legge restrittiva per l’e-gaming ad eccezione del poker, che non è considerato un gioco d’azzardo. Ma le prossime mosse spetteranno a Obama: Zynga, nel frattempo, si tiene pronta.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marezza13 Marzo 2013, 13:52 #1
Famiglie sul lastrico in 3....2....1....
maumau13813 Marzo 2013, 19:28 #2
Originariamente inviato da: marezza
Famiglie sul lastrico in 3....2....1....


Soprattutto se creeranno un gioco su Facebook, dipendenti dal gioco già a 10 anni.
Microfrost13 Marzo 2013, 19:57 #3
non capirò mai perchè in italia la prostituzione è illegale e le scommesse no

mah
Varg8713 Marzo 2013, 20:28 #4
Originariamente inviato da: Microfrost
non capirò mai perchè in italia la prostituzione è illegale e le scommesse no

mah


Link ad immagine (click per visualizzarla)

Pentiti e redimiti, figliolo.
m1kele13 Marzo 2013, 21:02 #5
Originariamente inviato da: Varg87
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Pentiti e redimiti, figliolo.


triste realtà

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^