I classici LucasArts approdano su Steam

I classici LucasArts approdano su Steam

Dopo aver creato hype su Twitter, LucasArts annuncia un accordo di collaborazione con Valve per la distribuzione dei suoi classici su Steam.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:51 nel canale Videogames
SteamTwitter
 
LucasArts e Valve annunciano un accordo per la distribuzione dei classici LucasArts attraverso la piattaforma online Steam. Gli appassionati delle avventure grafiche degli anni '90 hanno sperato nell'annuncio di un nuovo episodio di una di quelle serie, dopo l'hype che è stato creato su Twitter con una serie di criptici messaggi.

A partire dalla giornata di domani sarà possibile scaricare da Steam i seguenti giochi: Armed and Dangerous, Indiana Jones and the Fate of Atlantis, Indiana Jones and the Last Crusade: The Graphic Adventure, LEGO Indiana Jones: The Original Adventure, Loom, Star Wars Battlefront II, Star Wars Republic Commando, Star Wars Starfighter, The Dig, Thrillville: Off the Rails.

Si tratta solamente della prima serie di giochi LucasArts presente su Steam, in quanto il produttore americano rilascerà in futuro altri titoli attraverso la piattaforma online di Valve. Per il momento non viene annunciato il prezzo al pubblico di questi giochi.

"Intendiamo far conoscere ai nuovi giocatori i classici del passato", dice Darrell Rodriguez, presidente di LucasArts. "Pensiamo sia molto appagante tornare a giocare questi titoli visto che non sono presenti da diverso tempo sugli scaffali dei negozi. I nostri fan sono sicuramente curiosi di sapere cosa stiamo programmando per il futuro. Questo annuncio è solamente l'inizio". Con queste enfatiche espressioni, Rodriguez lascia ancora spazio per l'annuncio di un nuovo prodotto che in qualche modo riprenda una delle vecchie serie LucasArts.

Vengono confermati i prodotti precedentemente annunciati. Tales of Monkey Island (qui un video) è disponibile a partire da oggi sullo store di Telltale Games. Si tratta di un continuo alle vicende del primo storico capitolo della serie. La grafica è in tre dimensioni. Telltale ha coinvolto alcuni dei veterani che si sono occupati dei giochi originali come i game designer Dave Grossman e Mike Stemmle, il compositore Michael Land e la voce di Guybrush Dominic Armato. Se la versione PC è già disponibile, quella WiiWare arriverà nelle prossime settimane.

Infine, LucasArts conferma anche The Secret of Monkey Island: Special Edition, e annuncia che questo prodotto arriverà il 15 luglio su XBox 360 tramite XBox Live e su PC tramite Steam. LucasArts in questo caso ha pensato a un remake vero e proprio con grafica in due dimensioni e sensibilmente rivista rispetto al classico Monkey Island, colonna sonora rimasterizzata e il parlato dei personaggi.

80 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Manwë08 Luglio 2009, 09:20 #1
Il prezzo sarà ovviamente in linea Steam ovvero quanto il costo della versione con supporto ottico e manuale cartaceo. Ovviamente Steam ha prezzi più alti di quelli di play.com.
Masamune08 Luglio 2009, 09:23 #2
non vedo l'ora di pagare un prezzo esorbitante x un gioco di quasi 20 anni fa! ^^
ma sta gente nn si vergogna?
nn hanno mai sentito parlare di abandonware? O_o
maxix08 Luglio 2009, 09:30 #3
Originariamente inviato da: Masamune
non vedo l'ora di pagare un prezzo esorbitante x un gioco di quasi 20 anni fa! ^^
ma sta gente nn si vergogna?
nn hanno mai sentito parlare di abandonware? O_o


straquoto!
ReaToMe08 Luglio 2009, 09:31 #4
Originariamente inviato da: Manwë
Il prezzo sarà ovviamente in linea Steam ovvero quanto il costo della versione con supporto ottico e manuale cartaceo. Ovviamente Steam ha prezzi più alti di quelli di play.com.

Su Steam devi aspettare le offerte(ho comprato UT3 a 9.90) e puntare ai pack. Personalmente non mi dispiace.
JohnPetrucci08 Luglio 2009, 09:46 #5
Originariamente inviato da: Masamune
non vedo l'ora di pagare un prezzo esorbitante x un gioco di quasi 20 anni fa! ^^
ma sta gente nn si vergogna?
nn hanno mai sentito parlare di abandonware? O_o

Questi credono che basti la nostalgia per pagare salato qualcosa che dovrebbero fornire gratis.....
Cioè giochi vetusti, per quanto capolavori(e lo sono visto che all'epoca ci passai parecchie ore di passione) dovrebbero essere messi a disposizione di tutti, non sono mica album di musica immortale.....
Paganetor08 Luglio 2009, 09:49 #6
"abandonware" è un termine coniato per "addolcire" il termine pirateria...

se vuoi certi giochi, li devi ancora comprare. E comunque un gioco che girava su Dos non è detto che giri bene su windows (dosbox a parte), quindi probabilmente c'è dietro anche un lavoro di "conversione" per i vari XP/Vista...

bigboss888808 Luglio 2009, 09:51 #7
beh considerando che gli abandonware non sono propriamente legali....
Dott.Wisem08 Luglio 2009, 09:59 #8
Non ho capito una cosa: su Steam metteranno i classici Lucas "esattamente com'erano allora" ed emulati tramite dosbox, scumm e similari, oppure delle versioni rivedute e corrette in ambito grafico e sonoro?

Comunque Steam (e servizi similari), per me, è la morte del videogioco inteso come opera d'arte. Un bel videogioco, a maggior ragione se merita, va conservato nella sua confezione originale e tenuto orgogliosamente in una vetrinetta a fianco ad altre opere videoludiche di qualità.
Invece con Steam a cosa si riduce un gioco? Ad un numero seriale... Che tristezza!
yukon08 Luglio 2009, 10:02 #9
bha, le vecchie avventure grqafiche preferisco giocarle sullo scumvm, almeno posso regolare la risoluzione e aggiungere dei filtri, con un risultato decisamente piacevole...

a proposito di ScumVM, seguo da un pò hwupgrade e non ho mai visto una news su questo software che è piuttosto importante, mentre, ad esempio, la minima menata che riguarda facebook diventa subitio una news...
capitan_crasy08 Luglio 2009, 10:04 #10
Originariamente inviato da: Dott.Wisem
Non ho capito una cosa: su Steam metteranno i classici Lucas "esattamente com'erano allora" ed emulati tramite dosbox, scumm e similari, oppure delle versioni rivedute e corrette in ambito grafico e sonoro?

Comunque Steam (e servizi similari), per me, è la morte del videogioco inteso come opera d'arte. Un bel videogioco, a maggior ragione se merita, va conservato nella sua confezione originale e tenuto orgogliosamente in una vetrinetta a fianco ad altre opere videoludiche di qualità.
Invece con Steam a cosa si riduce un gioco? Ad un numero seriale... Che tristezza!


I giochi sono fatti per essere giocati; tutto il resto è secondario...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^