I 6 trucchi psicologici alla base del successo di Angry Birds e Candy Crush

I 6 trucchi psicologici alla base del successo di Angry Birds e Candy Crush

Il Guardian ha preparato un interessante articolo sul successo di Angry Birds e di Candy Crush Saga sulla base delle spiegazioni di uno psicologo.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:31 nel canale Videogames
 

È molto difficile spiegare perché giochi apparentemente molto semplici, come Angry Birds e Candy Crush Saga, abbiano un successo così virale. Si tratta molto spesso di prodotti che differiscono da titoli già esistenti solo per piccoli particolari, il che rende ancora più difficile non solo capire perché ottengano così tanto successo ma anche determinare in fase di pre-produzione quali debbano essere gli elementi vincenti sui quali costruire le caratteristiche di gioco.

Angry Birds e Candy Crush, come alcuni giochi Supercell, sono però delle vere e proprie macchine da soldi, che hanno consentito ai loro produttori di quotarsi in borsa e di ottenere utili importantissimi, a fronte anche di investimenti irrisori. Il solo Candy Crush, ad esempio, ha generato oltre 1,5 miliardi di dollari nel 2013.

Il Guardian ha cercato di capire questi fenomeni interpellando lo psicologo Simon Moore, insieme agli sviluppatori Steve Stopps, Nic Williams e Jonathan Evans di Lumo Developments, esperti di regole nascoste nel design di gioco dei titoli casual.

Accettare un ruolo subordinato - "Quando costruisci un gioco basato su sessioni brevi devi innanzitutto lasciare da parte il tuo ego", ha detto al Guardian Williams. I migliori designer di casual game non danno mai per scontato che le attenzioni dei giocatori siano completamente focalizzate sul gioco, perché durante il gameplay si possono trovare nella metro o indaffarati nelle mansioni quotidiane. "Quando progetti il gioco devi tenere conto di questo livello di attenzione parziale. Il giocatore deve essere in grado di interagire con una sola mano".

Secondo Moore, gli sviluppatori di giocatori casual potrebbero richiedere ai giocatori una sorta di pre-customizzazione che possa aiutare a profilarli meglio. "Sarebbe importante fornire informazioni personali che possano consentire agli sviluppatori di personalizzare il gioco su misura in modo da incrementare l'engagement. Ad esempio, si potrebbe adattare il colore di certe location di gioco per riflettere meglio la personalità del giocatore. In questo modo, inoltre, gli sviluppatori si mostrerebbero interessati ai gusti dei giocatori", conclude Moore.

Abile uso del colore - "Varie combinazioni di colore possono avere effetti diversi sull'esperienza di gioco e sul comportamento dei giocatori", dice Moore. "La ricerca psicologica si sta concentrando in particolar modo sugli effetti che hanno i colori sulle nostre vite. La ricerca, ad esempio, ci dice che la gente mangia meno se il cibo si trova su un piatto blu piuttosto che su un piatto bianco. Sappiamo anche che la gente trova più sexy un esponente del sesso opposto che si trova a ridosso di un muro rosso".

"Sappiamo che una persona estroversa risponde in maniera diversa rispetto a una persona introversa alle diverse combinazioni di colori negli ambienti. Abbiamo notato, ad esempio, che alcuni giocatori di rpg fantasy spendono più moneta in-game quando si trovano all'interno di location con particolari combinazioni di colore".

Evitare contenuti troppo emozionanti - I giocatori casual non hanno la stessa propensione dei giocatori hardcore, spiega ancora il Guardian, e non si fanno coinvolgere come questi ultimi o nelle stesse situazioni. Moore sostiene che per uno sviluppatore di giochi casual sarebbe meglio concentrarsi su quelle che definisce "emozioni positive di basso livello".

"Creare giochi troppo eccitanti a volte è controproducente", spiega Moore. "Porta a spendere molta energia, sia fisica che psicologica, mentre periodi di coinvolgimento prolungati producono stanchezza e fatica. Per i casual gamer sono più indicate quelle esperienze che li fanno sentire sicuri, felici e soddisfatti". Devono insomma ottenere dei risultati facili senza esporsi e faticare troppo. "Non dico che i videogiochi non debbano essere emozionanti, ma che quelli troppo adrenalinici rischiano di allontanare psicologicamente i giocatori dall'esperienza".

Invertire il flusso - Un'altra regola fondamentale per i ragazzi di Lumo Developments riguarda un processo che definiscono "inversione del flusso". "La classica dottrina dei videogiochi vuole che i giocatori si impegnino in una sfida, e ottengano la giusta ricompensa, ma noi abbiamo ribaltato questo concetto", ha detto Stopps al Guardian. "Nel nostro gioco si parte subito con una ricompensa, anche se il giocatore non ha ancora fatto nulla".

Attingere dal conscio e dall'inconscio - "Usiamo due sistemi decisionali", dice Moore. "Il primo è subconscio e intuitivo (rapido) e il secondo è più metodologico e ragionato (lento). I giochi che incorporano entrambi i sistemi offrono l'esperienza di gioco migliore, secondo me, in quanto rispecchiano il modo in cui il giocatore si approccia cognitivamente con il mondo reale".

"Così, decisioni rapide come 'resistere e combattere o correre e nascondersi?' sono tipiche del primo sistema, mentre quelle che includono domande del tipo: 'come farò a guadagnare abbastanza soldi per comprare quell'elmo cornuto tempestato di gioielli?' ci danno un senso di finalità e realizzazione, e sono tipiche del secondo sistema. Skyrim è un ottimo esempio, così come World of Tanks".

Capire le differenze culturali - Secondo Moore, ci sono differenze nel modo in cui nazionalità diverse si confrontano con i giochi casual. Se lasciati liberi in un gioco senza indicazioni, giocatori inglesi e giapponesi tendono a spostarsi secondo una direzione oraria, mentre gli americani si spostano in senso antiorario.

"Fra l'occidente e l'oriente ci sono grosse differenze", dice Moore. "Giochi di squadra e a clan sono molto più poolari in oriente, che in occidente. Sappiamo anche che quando i giochi hanno modalità multiplayer online, la maggior parte dei giocatori occidentali continuano a giocare in maniera individuale all'interno della squadra (mostrano un comportamento più egoista), mentre i giocatori orientali cercano di compiere azioni a beneficio dell'intera squadra, anche se questo conduce ad una sconfitta personale".

"Sappiamo anche che la gente identificabile gioca in maniera diversa rispetto alla gente che resta anonima. Ciò è particolarmente vero per le giocatrici - una ricerca suggerisce che le donne che giocano giochi fantasy o first-person shooter si comportano in maniera aggressiva come uomini quando è loro permesso di rimanere anonime, ma quando sono identificate come donne tornano ad operare con comportamenti meno rischiosi".

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
hexaae28 Giugno 2014, 11:18 #1
Ah ah ah ah ah ahha ahah ah...
Come dite? Era serio lo psicologo?
Ah ah ah ah ah ahha ahah ah ah ah ah ah ahha ahah ah...
beppe9028 Giugno 2014, 11:20 #2
Sicuramente ci sono degli aspetti psicologici che catturano la persona e questo vale non solo nei videogames (se così possiamo definire angry birds ecc....) ma anche nella TV e nella pubblicità (che sia digitale o meno).

Fatto sta che comunque molti di questi giochini dopo 1 mese che li giochi (quasi sempre in bagno ) stufano e iniziano a lasciare il tempo che trovano perché sono monotoni e non aggiungono niente di niente, dopo aver fatto le prime 2 partite solitamente hai già visto tutto. Anche grossi esponenti del genere più action come Infinity Blade dopo i primi 2 livelli non hai più un gran ché da vedere e da fare, se non occupare il tempo in qualche modo. Spero solo che gli sviluppatori di videogames non pensino che ormai gli unici a spendere soldi siano quelli che si intontiscono 10 minuti davanti a questi giochini, ma c'è gente che vuole di più, che vuole un esperienza lunga ed appagante, e che vuole che i Videogames siano un mezzo di intrattenimento come un film o un libro non un mero passatempo da metropolitana. Anche se a vedere molti titoli di recente uscita sembra che molte SH non la pensino proprio come me e molti altri videogiocatori.
X360X28 Giugno 2014, 11:35 #3
Originariamente inviato da: beppe90
Sicuramente ci sono degli aspetti psicologici che catturano la persona e questo vale non solo nei videogames (se così possiamo definire angry birds ecc....) ma anche nella TV e nella pubblicità (che sia digitale o meno).


come sempre, e se trovi il giusto mix hai vinto al lotto.

tipo peppa pigs, roba carente sotto tutti i punti di vista, ma che ha "ipnotizzato" un numero infinito di bambini.

i "trucchi" psicologici sono studiati a tavolino da chi ha successo (dubito sia solo fortuna), a cominciare dalla politica fino ad Angry Birds.
omerook28 Giugno 2014, 11:37 #4
Originariamente inviato da: hexaae
Ah ah ah ah ah ahha ahah ah...
Come dite? Era serio lo psicologo?
Ah ah ah ah ah ahha ahah ah ah ah ah ah ahha ahah ah...



ce poco da ridere! questi ti spengono il cervello senza manco troppo impegno!

io per quanto possibile mi tengo alla larga da certe trappole mentli!
Avatar028 Giugno 2014, 11:42 #5
Più che un gioco, è un trattato di psicologia su come "piallarti" il cervello

"emozioni positive di basso livello" (cit.)

PRRR !
randorama28 Giugno 2014, 11:50 #6
Originariamente inviato da: hexaae
Ah ah ah ah ah ahha ahah ah...
Come dite? Era serio lo psicologo?
Ah ah ah ah ah ahha ahah ah ah ah ah ah ahha ahah ah...


a chi le risate, a chi i soldi a palate.
tu continua pure a ridere
Italia 128 Giugno 2014, 11:54 #7
Secondo me i giochi che buttano tutto sulla grafica lasciano alle spalle giocabilità e divertimento. Giochi da 20-30 GB per 6 ore di gioco e grafica sparata al massimo per vedere i fiori in mezzo al campo ?? Ma farla full hd massimo e 50 ore continue no eh ?
TigerTank28 Giugno 2014, 12:16 #8
Basta non cascare nelle insidie dello spendere soldi per bonus o per proseguire quando finiscono le vite o ai "blocchi a tempo"...ed ecco che candy crush, bubble witch 2, farm heroes e compagnia bella diventano dei semplici passatempi divertenti portatili come ce ne sono sempre stati fin dagli anni 80
doctor who ?28 Giugno 2014, 12:22 #9
In poche parole deve essere mediocre
*Pegasus-DVD*28 Giugno 2014, 12:50 #10
solo a me questi giochi fanno schifo ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^