Hacker Xbox Live e Psn prendono di mira agenzia di intelligence britannica

Hacker Xbox Live e Psn prendono di mira agenzia di intelligence britannica

Questo team di hacker aveva già fatto parlare di sé per gli attacchi al sito di Lenovo e soprattutto per l'attacco congiunto a Xbox Live e PlayStation Network del natale 2014.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:41 nel canale Videogames
 

Lizard Squad colpisce ancora, stavolta la National Crime Agency, l'FBI britannica nata nel 2013 per contrastare la criminalità nel Regno Unito. La NCA è stata vittima di un attacco ti dipo distributed denial-of-service (DDoS) perpetrato dagli hacker che agiscono sotto l'insegna di Lizard Squad. Questo ha reso irraggiungibile il sito dell'NCA per circa un'ora.

L'attacco è arrivato dopo che sei ragazzi residenti nel Regno Unito sono stati arrestati dalle forze dell'ordine con l'accusa di aver acquistato lo stesso tool usato da Lizard Squad nel celebre attacco a Xbox Live e PlayStation Network del natale 2014. In quel caso Lizard Squad riusciva a mettere KO i servizi digitali alla base del funzionamento delle due più importanti console presenti sul mercato, creando una serie di disagi ai giocatori.

Da quel natale l'FBI ha incessantemente investigato sulla rete criminale che opera online, portando a compimento diversi arresti tra cui un ventiduenne residente a Londra e un minorenne di Liverpool. Evidentemente non è bastato, perché la rete criminale sembra coinvolgere un più alto numero di hacker, probabilmente dislocati in varie parti del mondo.

Alla base di un attacco DDoS c'è una moltitudine di richieste di connessione allo stesso server che mira all'esaurimento delle risorse del bersaglio dell'attacco. Lizard Squad ha rivendicato l'attacco tramite il proprio profilo Twitter come vedete in questa stessa pagina.

La sincronia tra l'attacco e l'ultima ondata di arresti evidenzia come le intenzioni di Lizard Squad siano quelle di scoraggiare le autorità a continuare le indagini sull'attacco a Xbox Live e Psn più volte menzionato.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
robbybby01 Settembre 2015, 21:15 #1
perpetuato dagli hacker
Perpetuato? Perché, è da tempo immemore che questo crimine viene perpetrato?
bio.hazard02 Settembre 2015, 07:05 #2
Ma certo, di attacchi DDOS se ne parlava già nell'antica Grecia.
Erodoto li cita spesso, se ben ricordo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^