Greenpeace boccia Nintendo e Microsoft

Greenpeace boccia Nintendo e Microsoft

Nel rapporto sullo stato dell'elettronica verde, Nintendo e Microsoft vengono sonoramente bocciate dall'autorevole organizzazione non governativa.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:40 nel canale Videogames
MicrosoftNintendo
 
Il rapporto sullo stato dell'elettronica verde viene stipulato ogni tre mesi da Greenpeace e attribuisce una valutazione alle aziende più grandi in fatto di smaltimento dei rifiuti elettronici e di utilizzo di sostanze pericolose nei componenti elettronici. Nell'ultimo resoconto, per la prima volta, sono stati inseriti nel rapporto i produttori di TV, PC, telefoni cellulari e console.

Nintendo e Microsoft risultano sonoramente bocciate. A Nintendo viene attribuita una valutazione di 0/10: è la prima società che riceve un voto così radicale. Questa decisione è dovuta al disinteresse che la società nipponica ha mostrato in fatto di riciclaggio, nel fornire informazioni sui prodotti censurati, nella comunicazioni sul modo di funzionare della catena di produzione e nell'attuazione di politiche sull'uso del vinile. Greenpeace, sostanzialmente, considera "infiniti" i progressi che Nintendo può compiere.

Microsoft si trova in una posizione solo leggermente migliore rispetto a quella di Nintendo. La valutazione che le attribuisce Greenpeace è di 2,7/10. Microsoft supera Nintendo perché ha avviato politiche per il trattamento dei prodotti chimici e per il piano di ritiro graduale del cloruro di polivinile (PVC). Per il resto, si segnalano le medesime mancanze riscontrate nel caso di Nintendo.

Sony riceve una valutazione più lusinghiera, precisamente di 7,3/10. In questo caso, tuttavia, è stata considerata l'intera azienda, e non solamente la divisione videogiochi. Sony viene premiata soprattutto perché ha da tempo escluso il PVC dalla propria catena di produzione. Comunque, nel resoconto di Greenpeace non viene citata esplicitamente PlayStation 3. Si fa menzione, invece, dei prodotti delle serie VAIO e Walkman.

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zeropitone28 Novembre 2007, 08:55 #1
Ah si, ora si che esiste una vera motivazioni per prendersi il mattone nero...proprio!!!
**Maffatemilpiacere**
jcannatella28 Novembre 2007, 09:02 #2
Qui non si parla di qualità finale dei prodotti, di potenza e performance, ma si parla del nostro pianeta che va rispettato e protetto!!! E poi la PS3 non è stata menzionata da Greenpeace, ma la Sony in genere. Vista la mole di produzione di queste aziende sarebbe giusto avere catene di produzione che cerchino di rispettare il più possibile l'ambiente!
Cialtrone28 Novembre 2007, 09:12 #3
Non è solo una questione ambientale..Dato che i costi dello smaltimento rifiuti li paghiamo tutti, mi sembrerebbe giusto che chi li produce si occupasse di questo problema..Se per esempio mettessimo una tassa sui prodotti venduti proporzionale alla quantità di rifiuti che si sono già prodotti e che si produceranno, le aziende guarderebbero di più queste cose, anche noi, ci sarebbe più concorrenza e a beneficiarne sarebbe sia l'ambiente che il nostro portafogli..
Paganetor28 Novembre 2007, 09:12 #4
be', un momento: Nintendo non è tenuta a comunicare a Greenpaece cosa fa per lo smaltimento dei rifiuti. Questo non significa, però, che non stiano facendo le cose nel modo corretto!

Idem le altre aziende...

A volte quelli di Greenpeace mi sembrano un po' troppo "saccenti" nel voler per forza giudicare cose e persone!
Crisa...28 Novembre 2007, 09:13 #5
ma piu che altro mi pare che il voto basso di nintendo e microsoft sia dato non dai veri demeriti loro, ma dal fatto che non hanno fornito informazioni, prendendosi uno "zero" in molte categorie


come quando fecero la classifica delle citta' dove si vive meglio... ultima arrivò L'Aquila... citta' bellissima e vivibilissima, solo che l'impiegato comunale dimentico' di mandare i dati e quindi prese un voto basso


se poi le due compagnie hanno qualcosa da nascondere sono comunque un altro paio di maniche...
Sabata28 Novembre 2007, 09:14 #6
Originariamente inviato da: zeropitone
Ah si, ora si che esiste una vera motivazioni per prendersi il mattone nero...proprio!!!
**Maffatemilpiacere**


Io invece ritengo molto importante informare il pubblico sulle politiche "ambientali" dei vari colossi industriali (anche elettronici) e, per quanto mi riguarda, valuto le scelte di acquisto anche in base a questo parametro.
die8128 Novembre 2007, 09:17 #7
se non ne parlano evidentemente non hanno nulla di cui andar fieri..mi sembra ovvio..altrimenti sarebbe valore aggiunto all immagine aziendale
Marcko28 Novembre 2007, 09:28 #8
Vorrei aggiungere che probabilmente andrebbero fieri anche del fatto di essere riusciti a far risparmiare l'utente finale di un nichelino perchè magari hanno usato plastica riciclata o ricavato corrente dai loro rifiuti.
Comunque mi chiedo se in primis non sono le aziende a rispettare principi elementari di ecologia come possono i cittadini del pianeta fare qualcosa?
Sicuramente se il nostro apporto fosse maggiore qualcosa cambierebbe ma ci sono alcune ciminiere che sembrano vomitare nell'ambiente cose indicibili!E in quei casi noi cosa possiamo fare?Non comprare i loro prodotti? Non so se ridere o piangere!!
Joe Falchetto28 Novembre 2007, 09:34 #9
già me li vedo tutti i naturalisti buttare via il loro ds comprato per giocare solo a nintendogs
ramarromarrone28 Novembre 2007, 09:49 #10
mi piacciono tutti questi commenti da nerds contro greenpeace ( non che su hwupgrade ultimamente si leggano gran commenti eh..) che invece fa un lavoro utile e importante. i problemi ambientali ci sono, sono seri e vanno affrontati, sopratutto dalle grandi multinazionali...
ma voi continuate pure a giocare a super mario galaxy che tanto molto di + nella vostra vita non sapete fare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^