Governo cinese ancora più severo con i giochi online stranieri

Governo cinese ancora più severo con i giochi online stranieri

Ancora non c'è il via libera per la commercializzazione di Wrath of the Lich King nella Repubblica Popolare.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 17:42 nel canale Videogames
 
Il governo della Cina ha pianificato l'introduzione di nuove misure per contenere la commercializzazione di giochi online di provenienza straniera. Il nuovo piano è stato annunciato dall'ufficio General Administration of Press and Publication e i dettagli verranno comunicati prossimamente.

Saranno irrigiditi i criteri necessari per ottenere la licenza per la vendita di questo tipo di giochi nella Repubblica Popolare. Le nuove misure vengono ufficialmente prese per proteggere il business interno dei giochi online, ma è chiaro che la Cina vuole innanzitutto preservare i propri giovani dalle influenze provenienti dalle culture straniere.

La seconda espansione di World of Warcraft, Wrath of the Lich King, non è stata ancora distribuita in questo territorio (mentre in occidente è in commercio dallo scorso novembre) perché la società che lo distribuisce in Cina, The9, non ha ancora ottenuto l'autorizzazione.

Le nuove misure, insomma, arrivano proprio in concomitanza con l'arrivo dell'espansione di quello che risulta essere uno dei videogiochi più diffusi in assoluto in Cina. Secondo dati forniti da Blizzard, circa il 40% dei giocatori totali di World of Warcraft proviene proprio dalla Cina.

72 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
realista18 Marzo 2009, 17:44 #1
in cina so proprio sfruttatori del kakkio. governo in primis.
omega72618 Marzo 2009, 17:45 #2
E poi ci lamentiamo noi....
In confronto qui è il paradiso...
gefri18 Marzo 2009, 17:51 #3
è assurdo però, il nostro mercato manda in fallimento aziende, non ponendo dazi su oggettistica cinese e rendendo il confronto impari, mentre i cinesi si possono permettere di non importare beni stranieri. boh
Manwë18 Marzo 2009, 17:58 #4
beh si portano avanti così anche il governo italiano avrà uno spunto in più per "migliorare" la qualità di internet
p4dr1n018 Marzo 2009, 18:00 #5
Originariamente inviato da: omega726
E poi ci lamentiamo noi....
In confronto qui è il paradiso...


si ma rispetto l'america e altri paesi siamo come minimo al purgatorio!
Haran Banjo18 Marzo 2009, 18:04 #6
Preservare i propri giovani dalle influenze provenienti dalle culture straniere"

Io sapevo che, per ammazzare la cultura straniera, la Cina ammazza direttamente i bimbi occidentali fornendogli pennarelli cancerogeni, giochi e abbigliamento che liberano formaldeide in misura superiore al 900% del consentito, bacchette destinate a ristoranti cinesi già usate.

Ops... una volta si son sbagliati, e con il latte han fatto fuori i loro!
nikkesan18 Marzo 2009, 18:13 #7
Originariamente inviato da: realista
in cina so proprio sfruttatori del kakkio. governo in primis.


Sai, quando si esprimono certi pareri sarebbe giusto documentarsi o andare li per verificare che quello che dici e' vero, e' come se un italiano avesse accesso solo al Tg di Fede, sicuramente avrebbe una visione non distorta ma comunque molto condizionata di cio' che accade nel nostro paese. Per quanto riguarda lo sfruttamento forse hai ragione ma riportando un dato...il nostro governo costa circa il doppio (60.000.000 popolazione) di quello cinese (1.500.000.000 popolazione), ricordate la famosa battuta di beppe grillo sui socialisti...
Wolfhask18 Marzo 2009, 18:26 #8
ritengo che stiano favorendo il proprio mercato e le loro abitudini all'interno del proprio paese ma vogliono esportare le loro mercanzie qui da noi e senza dazi, copiando e stracopiando direi...trovo ingiusta questa cosa perchè così facendo ci rimettiamo noi in primis
leviathan8318 Marzo 2009, 18:28 #9
Mah... Dato l'obiettivo del governo cinese di preservare i giovani dalle influenze straniere... sia benedetta la Pirateria: almeno se una cosa non la commercializzano in cina, possono sempre scaricarla dalla rete (almeno spero possano farlo, e non abbiano castrato del tutto questa possibilità.
ptstony18 Marzo 2009, 18:39 #10
@nikkesan: non so te, ma tra sentire solo il tg4 in tv e trasferirmi in Cina io saprei cosa scegliere...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^