Gioco su suicidio bannato dall'App Store

Gioco su suicidio bannato dall'App Store

Apple ha bannato un videogioco dall'App Store citando quattro punti dei termini di servizio. Il videogioco è realizzato dall'italiana Molleindustria.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 14:46 nel canale Videogames
Apple
 

Phone Story, controverso videogioco realizzato dalla italiana Molleindustria, ha avuto una vita su App Store di sette ore prima di essere bannato da Apple. Tra i contenuti sopra le righe, include anche un mini-gioco con impiegati dell'azienda multinazionale Foxconn che si suicidano.

Basta fare un giro sul sito di Molleindustria per capire le intenzioni di questo gruppo di sviluppatori. Il loro motto è: "Radical games against the dictatorship of entertainment", giochi radicali contro la dittatura dell'intrattenimento.

Il gioco di Molleindustria segue quattro delle fasi della creazione degli iPhone, ovviamente riviste dalla prospettiva radicale che contraddistingue questo gruppo. In uno dei mini-giochi bisogna impersonare le guardie che continuano a puntare i fucili contro i minatori per obbligarli a lavorare e a estrarre le materie prime.

In un altro mini-game, invece, bisogna acchiappare gli operai di Foxconn che si buttano nel vuoto dal palazzo in cui lavorano. In Obsolescence, invece, i giocatori devono imprigionare dentro i negozi i clienti che si fiondano a comprare i nuovi iPhone al day one. Infine, eWaste prevede di passare componenti elettronici pericolosi per la salute ai lavoratori della fabbrica.

Apple ha citato quattro punti dei termini di servizio di App Store per dare motivazione alla sua decisione. Il punto 15.2 sostiene che le applicazioni che dipingono violenza o abusi sui bambini vengono respinte. Il 16.1, invece, impone il rifiuto per i contenuti particolarmente crudi e oggettivamente deplorevoli.

Le applicazioni che prevedono donazioni a organizzazioni di carità riconosciute devono poi essere gratuite, secondo il punto 21.1. La raccolta delle donazioni, infine, deve essere fatta tramite sito web o SMS stando al punto 21.2.

Molleindustria è attaccata da Apple con gli ultimi due punti perché ha promesso di donare una parte degli introiti ottenuti tramite App Store alle "organizzazioni che combattono gli abusi delle multinazionali", ma in realtà pare che all'interno dell'applicazione non ci fosse alcun meccanismo per ottenere donazioni.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sesshoumaru14 Settembre 2011, 15:20 #1
eh eh, non male, carina come idea.

E brava Molleindustria, bella provocazione.
JDM7014 Settembre 2011, 15:22 #2
Originariamente inviato da: sesshoumaru
eh eh, non male, carina come idea.

E brava Molleindustria, bella provocazione.


Quoto
predator8714 Settembre 2011, 15:23 #3
un'idea che mette in risalto tutto quello che c'è dietro un iphone? (e comunque dietro il progresso tecnologico attuale?)
Capozz14 Settembre 2011, 15:25 #4
Originariamente inviato da: sesshoumaru
eh eh, non male, carina come idea.

E brava Molleindustria, bella provocazione.


Quoto anche io.
Amsirak14 Settembre 2011, 21:43 #5
D.O.S.14 Settembre 2011, 22:16 #6
e gli impiegati della Apple se ne sono accorti dopo 7 ore dalla commercializzazione su Appstore ?
CYRANO14 Settembre 2011, 22:25 #7
" gioco su suicidio " ???



cmkdmdmd
lonewo|_f15 Settembre 2011, 01:19 #8
direi più "Phone Story is an educational game about the dark side of your favorite smart phone."

gioco educativo/informativo, e molto critico nei confronti di apple e dei suoi parthner.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^