Gearbox acquisisce la proprietà intellettuale di Homeworld

Gearbox acquisisce la proprietà intellettuale di Homeworld

L'azienda fondata da Randy Pitchford si è aggiudicata i diritti e punta al rilancio della serie.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 10:41 nel canale Videogames
 

Gearbox Software, casa di sviluppo di Brothers in Arms e Borderlands, ha annunciato l’acquisizione delle proprietà intellettuale di Homeworld, strategico di Relic rimasto ‘senza casa’ dopo la chiusura di THQ, avvenuta nello scorso mese di febbraio.

Tramite un post comparso sul sito ufficiale della compagnia, Gearbox ha dichiarato di voler rilanciare sia Homeworld che Homeworld 2 “con l’intento di renderli accessibili alle principali piattaforme digitali del giorno d’oggi”. Il COO Brian Martel è tra i principali fautori di questa acquisizione e non ha nascosto “grande amore e rispetto per i giochi brillanti, divertenti e innovativi di Relic”.

Nei giorni scorsi la software house texana aveva chiesto ai fan di visitare il forum ufficiale ed esprimere un’opinione su cosa avrebbero voluto vedere in futuro per questa serie, ma non solo. In seguito è infatti stato pubblicato un annuncio per la ricerca di soggetti interessati a collaborare nel progetto.

L’acquisizione dell’IP dovrà passare al vaglio di una corte e, se tutto va secondo le dovute procedure, l’operatività sul progetto sarà possibile già dal mese di maggio. In queste ultime settimane il team indipendente Pixel aveva lanciato una campagna di raccolta fondi per cercare di accaparrarsi i diritti, ma è stata scavalcata con un’offerta più elevata da parte della casa fondata da Randy Pitchford.

Contestualmente al fallimento di THQ gli sviluppatori di Relic Entertainment sono stati acquisiti da SEGA. Nella giornata di ieri il game director Quinn Duffy aveva dichiarato che gli sarebbe piaciuto vedere la serie ritornare nelle mani del suo studio.

“Penso che sarei contrariato se andasse da qualunque altra parte”, ha commentato. “E’ come se appartenesse a Relic”. Peraltro, per ammissione dello stesso Duffy, il team attuale è per larga parte successivo allo sviluppo dei primi due capitoli della serie.

“Non so come potrebbe apparire Homeworld oggi”, ha proseguito. “Questo gioco quando è uscito , dodici anni fa? Come sarebbe in questo momento? E’ difficile dirlo. E’ stato uno dei primi titoli che ho portato sul mercato e non lo ritenevo particolarmente profondo: le razze RTS sono praticamente identiche. Ma era incredibile ed è un’esperienza degna di nota; per aver a che fare con questa serie bisogna capire che si tratta di più un’esperienza che di un gioco, e regolarsi di conseguenza”.

Il primo episodio di Homeworld venne lanciato su PC nel 1999, seguito da un’espansione dodici mesi più tardi e da un sequel nel 2003. Successivamente Relic si è dedicata alla creazione di Warhammer 40.000: Dawn of War e Company of Heroes.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
taleboldi23 Aprile 2013, 11:33 #1
Speriamo speriamo speriamo speriamo ...
Perseverance23 Aprile 2013, 12:52 #2
HomeWorld è stato una pietra miliare nel mondo dei videogiochi, felice di possederne una copia originale (e non ha nemmeno la protezione anticopia). L'ho giocato ed esplorato molte volte e mi piace ancora oggi e faceva figo all'epoca per la grafica in OpenGL e l'antialias a manetta ^^ Davvero un grande titolo.
Tututa23 Aprile 2013, 12:56 #3

La mia serie preferita in assoluto.

Mia al Day One! ^_^

walk on
ttt
DevilTyphoon23 Aprile 2013, 13:17 #4
Felice Possessore di tutte e tre le copie originali scatolate di Homeworld. L'unico a cui non ho mai giocato molto è stato Homdworld 2 che era fottutamente difficile.
merlino7223 Aprile 2013, 13:21 #5

homwworld

anche io ho gli originali... c'è il modo di rivederli sui pc moderni? io ho un portatile con win7 e una Geforce M330 (un vaio)...cosa darei per rigiocarci al primo homeworld...
v1doc23 Aprile 2013, 14:03 #6
Ricordo che stiamo palando della famigerata Gearbox autrice di “perle” quali Halo versione PC, Aliens: Colonial Marines e Duke Nukem Forever.
E' quindi una software house specializzata nel creare letame partendo da serie leggendarie.
Prevedo tempi bui per Homeworld.
Custode23 Aprile 2013, 14:07 #7
Da un lato sono molto felice.
Dall'altro molto dubbioso.

Felice del fatto che l'ip non sia andata persa e si pensi a un rilancio degli originali su piattaforme digitali -penso soprattutto a GoG e Steam-.

Tuttavia, mi soffermo anche a pensare chi è e cosa a fatto Gearbox in questi anni:
tralasciando i due Borderlands, gli unici prodotti di merito della soft house, Gearbox ha cercato di rilanciare Duke Nukem Forever ripescandolo dalle ceneri, ma proponendo un gioco da minimo sindacale e che basa tutto il suo appeal sull'essere Duke Nukem Forever.
Tolto il nome e l'hype generato attorno, DNF si è dimostrato essere nulla più che una riuscita operazione commerciale, comprato da molti sull'onda della nostalgia e del blasone, schifato quasi da tutti una volta visto che cosa ne era uscito fuori -e io sono uno di quelli che tutto sommato lo ha apprezzato-.
Vogliamo parlare di Aliens Colonial Marines?
Anche qui, hanno riesumato un brand forte, giocando sulla nostalgia e l'hype, ma i risultati sono stati ben più disastrosi, con tutto l'internet drama e gli altarini che ne sono conseguiti.
Un gioco da dimenticare.

Ed ora?
Ed ora a me sembra la storia stia per ripetersi: questi vanno a caccia di brand nostalgici, creano hype e aspettative ergendosi a salvatori del Gameplay che fu, e poi ti sparano fuori il solito gioco lasciato a metà, che molti comprano per il nome, e poi quasi tutti schifano per l'esecuzione.

Randy Pitchford ho imparato a conoscerlo ormai:
è un gran furbacchione e sa vendersi bene, salvo sparire o far finta di nulla quando le acque diventano torbide e ricomparire magicamente con news come questa.
Pur se l'associazione è molto forte e pur se alla fine non commette alcunchè di illegale, a me ricorda quei truffatori dell'America che fu.
michael1one23 Aprile 2013, 14:38 #8
Originariamente inviato da: DevilTyphoon
Felice Possessore di tutte e tre le copie originali scatolate di Homeworld. L'unico a cui non ho mai giocato molto è stato Homdworld 2 che era fottutamente difficile.


hai fatto male...

Originariamente inviato da: merlino72
anche io ho gli originali... c'è il modo di rivederli sui pc moderni? io ho un portatile con win7 e una Geforce M330 (un vaio)...cosa darei per rigiocarci al primo homeworld...


A me funzionano senza problemi.

Originariamente inviato da: Custode
Da un lato sono molto felice.
Dall'altro molto dubbioso.

Felice del fatto che l'ip non sia andata persa e si pensi a un rilancio degli originali su piattaforme digitali -penso soprattutto a GoG e Steam-.

Tuttavia, mi soffermo anche a pensare chi è e cosa a fatto Gearbox in questi anni:
tralasciando i due Borderlands, gli unici prodotti di merito della soft house, Gearbox ha cercato di rilanciare Duke Nukem Forever ripescandolo dalle ceneri, ma proponendo un gioco da minimo sindacale e che basa tutto il suo appeal sull'essere Duke Nukem Forever.
Tolto il nome e l'hype generato attorno, DNF si è dimostrato essere nulla più che una riuscita operazione commerciale, comprato da molti sull'onda della nostalgia e del blasone, schifato quasi da tutti una volta visto che cosa ne era uscito fuori -e io sono uno di quelli che tutto sommato lo ha apprezzato-.
Vogliamo parlare di Aliens Colonial Marines?
Anche qui, hanno riesumato un brand forte, giocando sulla nostalgia e l'hype, ma i risultati sono stati ben più disastrosi, con tutto l'internet drama e gli altarini che ne sono conseguiti.
Un gioco da dimenticare.

Ed ora?
Ed ora a me sembra la storia stia per ripetersi: questi vanno a caccia di brand nostalgici, creano hype e aspettative ergendosi a salvatori del Gameplay che fu, e poi ti sparano fuori il solito gioco lasciato a metà, che molti comprano per il nome, e poi quasi tutti schifano per l'esecuzione.

Randy Pitchford ho imparato a conoscerlo ormai:
è un gran furbacchione e sa vendersi bene, salvo sparire o far finta di nulla quando le acque diventano torbide e ricomparire magicamente con news come questa.
Pur se l'associazione è molto forte e pur se alla fine non commette alcunchè di illegale, a me ricorda quei truffatori dell'America che fu.


Concordo, mi sa che per ora continuo a giocare con i mod di Homeworld2....(purtroppo abbandonati a loro stessi)
DevilTyphoon24 Aprile 2013, 13:03 #9
Originariamente inviato da: michael1one
hai fatto male...



A me funzionano senza problemi.



Concordo, mi sa che per ora continuo a giocare con i mod di Homeworld2....(purtroppo abbandonati a loro stessi)


Dimmi tu cosa devo fare...perchè non riuscivo a superare nemmeno il secondo livello.....i primi due li ho finiti con difficoltà.....ma li ho finiti.
michael1one24 Aprile 2013, 15:37 #10
Originariamente inviato da: DevilTyphoon
Dimmi tu cosa devo fare...perchè non riuscivo a superare nemmeno il secondo livello.....i primi due li ho finiti con difficoltà.....ma li ho finiti.


La IA dinamica e sempre un'pò difficile d'affrontare perché avrà sempre un numero maggiore di unita e risorse, i consiglio che ti posso dare per affrontare le missioni è mantenere un equilibrio con i vari tipi di nave in questo modo il nemico non potrà sfruttare nessun punto debole, i cacci e le corvette sono sempre i più importanti, in alcune missioni si deve attaccare subito, ultimo consiglio sfrutta al massimo le fregate marine.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^