Gaikai su Native Client da Google I/O 2012

Gaikai su Native Client da Google I/O 2012

Gaikai ha usato il keynote di Google per mostrare la sua piattaforma di cloud gaming su Google Chrome.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 14:51 nel canale Videogames
Google
 

In occasione dell'evento Google I/O che si è tenuto qualche ora fa a San Francisco, Gaikai ha mostrato alcuni contenuti provenienti da videogiochi Tripla A come Bulletstorm all'interno di Google Chrome, in esecuzione su terminale Samsung Chromebox. Potete vedere la parte del keynote di Google dedicata a Gaikai nel video sottostante.

Gaikai ha sfruttato la tecnologia open source Native Client, che gli sviluppatori possono utilizzare per mettere a disposizione degli utenti contenuti più ricchi tramite applicazioni web, ad esempio grafica e audio di migliore qualità nei giochi.

La società che opera nel campo del cloud gaming sta ottimizzando la sua infrastruttura in modo da consentire l'esecuzione di videogiochi con grafica da console, processati in maniera istantanea dal cloud, sul browser Google Chrome o su Chrome OS senza l'installazione dei plug-in Flash o Java. Si potrà usare anche il gamepad e giocare in piena risoluzione.

Negli ultimi tre anni Gaikai ha costantemente evoluto il suo network per i videogiochi che processa da remoto le immagini, che quindi non richiedono ulteriori elaborazioni dai client locali.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pabloski29 Giugno 2012, 15:37 #1
Oh, finalmente qualcuno che usa native client.

Certo che se le performance sono quelle, mi sa che google aveva ragione quando parlava della possibilità di far girare tutte le applicazioni nel browser.

Interessante l'inizio del video, quando il tipo fa notare che non c'è bisogno d'installazione. Un miglioramento non da poco nell'esperienza d'uso per l'utente.
GiGBiG29 Giugno 2012, 23:11 #2
Seguo Gaikai da un po', ed era ora che uscisse una notizia simile! A quanto si sente dire in giro pero' l'Italia non ha ancora una rete adatta a quel servizio... sebbene io riesca a giocarci benissimo con un'ottima qualita' video.
Estwald29 Giugno 2012, 23:49 #3
Originariamente inviato da: pabloski
Oh, finalmente qualcuno che usa native client.

Certo che se le performance sono quelle, mi sa che google aveva ragione quando parlava della possibilità di far girare tutte le applicazioni nel browser.

Interessante l'inizio del video, quando il tipo fa notare che non c'è bisogno d'installazione. Un miglioramento non da poco nell'esperienza d'uso per l'utente.


As of current timings, the Native Client sandbox adds only about 5% overhead, which makes it possible to do serious rendering and serious number-crunching in the browser without a big performance hit.


Il problema, e se vogliamo il vantaggio, di Native Client è che si è costretti ad utilizzare Chrome.
pabloski30 Giugno 2012, 00:05 #4
Originariamente inviato da: Estwald
Il problema, e se vogliamo il vantaggio, di Native Client è che si è costretti ad utilizzare Chrome.


Il problema è proprio quello che ho detto prima e cioè che nessuno ci crede in NaCl.

Il codice è bsd e le specifiche sono aperte, per cui è implementabile in qualunque browser. Ma credo che apple non lo implementarà, ms lo stesso, mozilla ne parla male e dice che javascript è tutto quello di cui abbiamo bisogno.

In effetti non hanno tutti i torti e la fossa a NaCl gliel'ha scavata google, creando una vm jit per javascript ( v8 ) che lo porta ad avere performance di 3-5 volte inferiori al codice nativo, ma adeguate alla maggioranza dei casi ( visto pure quant'è potente l'hardware moderno ).
Estwald01 Luglio 2012, 09:27 #5
Originariamente inviato da: pabloski
Il problema è proprio quello che ho detto prima e cioè che nessuno ci crede in NaCl.

Il codice è bsd e le specifiche sono aperte, per cui è implementabile in qualunque browser. Ma credo che apple non lo implementarà, ms lo stesso, mozilla ne parla male e dice che javascript è tutto quello di cui abbiamo bisogno.

In effetti non hanno tutti i torti e la fossa a NaCl gliel'ha scavata google, creando una vm jit per javascript ( v8 ) che lo porta ad avere performance di 3-5 volte inferiori al codice nativo, ma adeguate alla maggioranza dei casi ( visto pure quant'è potente l'hardware moderno ).


NaCl è rivolto anche a chi ha già un'ampia base di codice C, C++ (e attualmente anche C#), quindi a diverse realtà che potrebbero preferirlo rispetto ad un passaggio a Javascript. Anche secondo me Apple e MS non lo implementeranno perché è una tecnologia che sembra portare sempre più il browser ad essere un sistema operativo dentro un altro sistema operativo. Per quanto riguarda Mozilla e Opera, nonostante NaCl venga rilasciato con licenza Bsd, hanno anche altri tipi di riserve legati alla sicurezza e alla natura "aperta" del web. Quindi, non c'è da restare sorpresi se una tecnologia di questo tipo non prende piede tanto rapidamente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^