Facebook vs Google + passa anche dal controllo di Zynga

Facebook vs Google + passa anche dal controllo di Zynga

Un emendamento alla documentazione depositata da Zynga in occasione dell'offerta pubblica iniziale rivela i profondi legami con Facebook. Google, d'altra parte, si rivela investitore in Zynga.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:14 nel canale Videogames
Google
 

Zynga nella sostanza controllata da Facebook e Google investitore in Zynga. È quanto emerge da un emendamento alla documentazione a corredo dell'offerta pubblica iniziale dei titoli di Zynga con la quale per la prima volta il colosso del social gaming si quota in borsa. L'emendamento si può leggere nella sua interezza a questo indirizzo.

Dal documento diventa chiaro come i legami tra Zynga e Facebook siano estremamente rigidi, al punto che diventa lecito pensare che la seconda controlli la prima. "Tutti i giochi prodotti da Zynga che includono l'integrazione con Facebook o dati di Facebook devono girare esclusivamente su Facebook per tutto il periodo di tempo previsto dall'accordo tra le due parti", si legge nel documento.

"Zynga deve comunicare i nuovi giochi a Facebook almeno una settimana prima del lancio". Inoltre, "Facebook aiuterà Zynga a raggiungere il numero minimo di utenti mensili previsto, e condividerà parte delle entrate permesse dai giochi Zynga con Zynga stessa". Gli accordi tra le due società impongono a Zynga di rilasciare giochi in esclusiva per Facebook, rendendole impossibile la pubblicazione di contenuti su social network rivali.

Zynga ha libertà nella veicolazione di contenuti pubblicitari, ma è Facebook che decide quando deve lanciare i giochi. Stabilisce, inoltre, il tipo di visibilità che questi devono avere. Da quanto si legge nella documentazione, quindi, sembra che Facebook non offra lo stesso tipo di visibilità a tutti i produttori di videogiochi per il social network e che Zynga mantenga dunque un notevole vantaggio di tipo barriera all'entrata.

Da questi accordi, si evince come Zynga sia in realtà una sorta di sussidiaria di Facebook specializzata nella realizzazione di videogiochi per il social network. Se si considera che le applicazioni Zynga come CityVille ed Empires & Allies sono in assoluto quelle più usate su Facebook, diventa evidente come il fattore gaming sia fondamentale nel successo di una piattaforma sociale.

Proprio la documentazione che stiamo prendendo a riferimento, inoltre, rivela che Google è tra gli investitori di Zynga. L'interesse del colosso di Mountain View nel campo social evidentemente è legato proprio a Google +, la piattaforma social lanciata recentemente proprio con l'obiettivo di ridurre il gap con Facebook.

Per il momento Google non comunica pubblicamente i suoi piani in fatto di gaming su Plus. In passato, sono state notate delle offerte di posizioni lavorative proprio per lo sviluppo di applicazioni videoludiche per la "nuova piattaforma sociale di Google". Alcuni rumor parlavano addirittura di una collaborazione con Zynga che, alla luce di quanto stiamo riportando in questa news, potrebbe essere impossibile.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
filippo198020 Luglio 2011, 10:44 #1
Spero che Google+ non diventi esattamente come Facebook... Se vogliono mettere dei giochi tanto piacere, ma spero ci siano limitazioni su:
- Richieste di amicizie (è impossibile che ci siano persone con 1000 amici di cui conosciuti personalmente meno della metà;
Gruppi a cui si fa' finta di partecipare;
e soprattutto ad app inutili tipo "Quale super eroe sei?"
Ovviamente questa è la mia opinione, ma se sarà esattamente come Facebook farà presto la sua stessa fine (pur essendo iscritto da diversi anni se ci vado una volta al mese è tanto).
A questo punto mi ispira di più il social network degli Anonimous... almeno lì potrei finalmente togliermi qualche dubbio senza correre il rischio di ban...
devbeginner20 Luglio 2011, 11:32 #2
sfugge il problema e la dimensione della rivalità che sta montando tra Google e Facebook.

Il social network è solo una faccia della medaglia.
Quel su cui si stanno misurando per davvero è la mole di dati sensibili immagazzinati nei loro server e su cui possono crearsi al momento ma ancor di più in futuro.
Pubblicità ad hoc, profilazioni...

Facebook non è più un social network, è una piattaforma che fornisce tot servizi e su cui le terze parti possono sviluppare.
Posso cercare persone, aziende, interessi, gruppi, dal punto di vista semantico non è molto diverso da quel che fanno i tradizionali motori di ricerca.


E questo lo fa entrare in competizione diretta con chi la leadership nel settore la detiene da anni.
geko11920 Luglio 2011, 12:54 #3

@devbeginner

be non proprio... anzi è totalmente impossibile che facebook sostituisca un normale motore di ricerca...
per andare su altri siti stra popolatissimi li cerchi con google non con facebook.
cmq considerato il successo di google + .....secondo me facebokk perderà moltissimi utenti...
devbeginner20 Luglio 2011, 14:10 #4
Originariamente inviato da: geko119
be non proprio... anzi è totalmente impossibile che facebook sostituisca un normale motore di ricerca...
per andare su altri siti stra popolatissimi li cerchi con google non con facebook.
cmq considerato il successo di google + .....secondo me facebokk perderà moltissimi utenti...


leggi bene, non ho detto che sostituisce il motore di ricerca, ho detto che dal punto di vista semantico (web semantico) sta diventando sempre più simile.
Occhio perché non è l'unico esempio, Twitter è un altro caso emblematico.


Il punto è la piattaforma, i servizi che ci puoi costruire sopra, l'enorme mole di dati sensibili reali su cui poter creare nuovi business model e far lavorare gli attuali.
Stiamo parlando di un valore in termini monetari difficile da quantificare tale la portata e l'importanza di quei dati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^