Ex dittatore di Panama fa causa ad Activision per via di Call of Duty

Ex dittatore di Panama fa causa ad Activision per via di Call of Duty

L'ex dittatore militare panamense Manuel Noriega ha già combattuto con il governo degli Stati Uniti. Ma forse potrebbe non aver ancora affrontato la sfida più difficile: ovvero gli avvocati di un publisher di videogiochi.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 17:01 nel canale Videogames
ActivisionCall of Duty
 

Manuel Antonio Noriega ha citato Activision, il publisher di Call of Duty, per lo sfruttamento non consentito della propria immagine all'interno del videogioco Call of Duty Black Ops II. L'ex-generale accusa Activision di aver ottenuto vantaggi economici, nello specifico "aumentato le vendite e le royalties" grazie al fatto di essersi rifatta ad avvenimenti effettivamente avvenuti nella realtà.

Manuel Antonio Noriega

Manuel Antonio Noriega

Noriega ha deciso di ricorrere alle vie legali perché ha ritenuto che Black Ops II lo descriva in accezione negativa. Sappiamo bene che la serie Call of Duty ha molto spesso fatto riferimento a famosi personaggi politici e a fatti militari del mondo reale per rendere ancora più avvincenti le sue storie, ma Noriega è il primo a reagire in questo modo.

"L'uso che è stato fatto da Activision dell'immagine di Noriega ha causato danni al querelante", si legge nella denuncia presentata alla Corte Superiore della California. "Il querelante è stato interpretato come un antagonista e raffigurato come il colpevole di numerosi efferati delitti immaginari, creando la falsa impressione che gli imputati sono autorizzati ad usare indiscriminatamente l'immagine del querelante e le sue sembianze fisiche. Questo ha consentito agli imputati di ottenere profitti che altrimenti non sarebbero stati in grado di ottenere".

Secondo l'accusa, Noriega verrebbe dipinto come un "rapitore, assassino e nemico dello Stato", al punto che all'interno di Black Ops II c'è una missione per catturarlo.

Nella realtà, Noriega è stato condannato negli Stati Uniti e in Francia per crimini di guerra. In una prima fase ha collaborato con la CIA, dal 1950 al 1980, ma nel 1983 con un colpo di stato si è assicurato il potere a Panama, che ha governato come dittatore fino al 1989. In quell'anno l'esercito americano invase Panama per spodestarlo. Rimane famosa la tattica adottata dai militari statunitensi, i quali suonarono musica rock a un volume molto alto mentre si trovavano nel nascondiglio di Noriega, fin quando quest'ultimo decise di abbandonare il rifugio.

Nel 1992, Noriega ha affrontato un processo a Miami, quando fu condannato per traffico di droga, racket e riciclaggio di denaro. Ha ottenuto una pena detentiva di 40 anni che è stata poi ridotta a 30 anni. Nel 2007, gli Stati Uniti hanno concesso il via libera all'estradizione in Francia, dove ha ricevuto una nuova condanna a sette anni per traffico di droga e riciclaggio di denaro.

Jas Purewal, avvocato della difesa, ha detto alla BBC che in realtà Noriega si arroga diritti che normalmente si applicano solo ai cittadini statunitensi. "Noriega non è né cittadino degli Stati Uniti né residente. Per questo non è chiaro su quale base giuridica possa effettivamente fare causa ad Activision".

Attualmente, Noriega sta scontando a Panama una pena di 20 anni per violazione dei diritti umani.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej17 Luglio 2014, 18:43 #1
BARBARI !!! In Italia sarebbe stato già fuori ! ... e graziato!
alex917 Luglio 2014, 19:31 #2
Cioè uno condannato da regolari tribunali per crimini di guerra salta fuori a lamentarsi perchè in un videogame è ritratto come un cattivo? Cioè, questo bastardo (perchè uno condannato per crimini di guerra come lo vuoi chiamare?) doveva forse pensarci prima... e magari dovremmo chiedere alle famiglie delle vittime cosa ne penano di questa iniziativa legale...
jined17 Luglio 2014, 23:20 #3
Ormai è diventata una moda quella di personaggi più o meno noti di tentar di dare una spremutina alla zinna delle grandi mucche dell'intrattenimento digitale che di tanto in tanto pescano un pò di ispirazione dal mondo reale..
AleLinuxBSD18 Luglio 2014, 07:06 #4
Originariamente inviato da: alex9
Cioè uno condannato da regolari tribunali per crimini di guerra salta fuori a lamentarsi perchè in un videogame è ritratto come un cattivo?

Proprio senza pudore.
Londo8318 Luglio 2014, 08:20 #5
Secondo me, se ci stringiamo, almeno un posto da ministro glielo troviamo qui in Italia.....
Quiro18 Luglio 2014, 09:07 #6
AHAHAHHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAH.....

Scusate


AHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHHAHAH.....
Wonder18 Luglio 2014, 12:41 #7
Copia gratuita del videogioco ai famigliari delle vittime, altro che causa
Krusty18 Luglio 2014, 12:55 #8
ha ragione il dittatore.

comunque non mi è chiaro questo:
"Jas Purewal, avvocato della difesa, ha detto alla BBC che in realtà Noriega si arroga diritti che normalmente si applicano solo ai cittadini statunitensi. "Noriega non è né cittadino degli Stati Uniti né residente. Per questo non è chiaro su quale base giuridica possa effettivamente fare causa ad Activision".

cioè se non sono statunitense/residente negli usa, non posso fare causa ad un'azienda americana?
Boscagoo19 Luglio 2014, 10:38 #9
Ahahaha! Dai, smettetela con sto CoD...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^