Ecco come Rovio ha trasformato Angry Birds in un film

Ecco come Rovio ha trasformato Angry Birds in un film

In occasione del lancio del film, Rovio vuole che il merchandising su Angry Birds sia presente in Italia come all'estero: più di 300 licenziatari a bordo, con particolare attenzione ai prodotti di alta qualità, partnership a lungo termine e una forte offerta regionale

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:31 nel canale Videogames
 

In un evento stampa tenutosi oggi a Milano Rovio ha annunciato accordi con 300 licenziatari per promuovere il film di Angry Birds in uscita nelle sale italiane il 16 giugno e per diffondere il marchio in Italia così come all'estero. Partner a livello globale comprendono nomi d’eccezione come LEGO che ha prodotto un set di sei edifici ispirati al film e H&M che ha creato una linea di abbigliamento per bambini.

Angry Birds

L'obiettivo è lanciare i prodotti a marchio Angry Birds in concomitanza con l'uscita del film. È quindi in costante sviluppo una vasta gamma di licenze che coinvolgono aziende leader nel proprio settore e in diverse categorie merceologiche tra cui: Academia, Admiranda, Worldcart, Fabbri Editori, Grani & Partners, Mondo, Multiprint, Premium Toys Limited, Ravensburger, International Games Trade spa, Pea & Promoplast, Jaxo, Joker, Perletti, Preziosi Food, Modecor, Walcor, Pengo, Sicem e Siggi.

"Il motivo per cui lanciamo questi oggetti di merchandising ora e non prima è legato al fatto che adesso abbiamo una serie di partnership con firme importanti", ci ha detto Joseph Knowles, PR Manager di Rovio, che abbiamo avuto modo di intervistare in occasione dell'evento di Milano. "LEGO, Spin Master e H & M sono alcuni dei grossi brand che ci daranno supporto a livello internazionale e che ci consentiranno di vendere questi oggetti in qualsiasi luogo del mondo, in Italia come negli Stati Uniti. Il nostro obiettivo principale è quello di creare prodotti di qualità di cui la gente ha effettivamente bisogno".

L'originale videogioco della linea Angry Birds uscì nel 2009 ed era inizialmente giocabile solo sugli smartphone con sistema operativo iOS e Android: come tutti sanno, fu artefice di un successo fenomenale che portò alla creazione di una serie di spin-off e sequel oltre che di oggetti di merchandising, serie televisive e molto altro ancora.

Ma il film di Angry Birds è un passo ancora più importante per Rovio, anche perché frutto di un investimento iniziato quattro anni fa. Rovio vuole usare il film per raccontare l'origine della storia degli uccellini protagonisti della serie, spiegare come sono diventati amici e perché si trovano a combattere con i malefici porcellini verdi. Si tratta quindi di riprogettare i personaggi, ma allo stesso tempo di dar loro nuovo slancio visto che erano un po' "compressi" per via della struttura dei giochi di cui sono protagonisti.

Angry Birds

Rovio ha collaborato con l'ex-direttore di Marvel Studios, David Maisel, per individuare una strategia che le consentisse di produrre il film facendo affidamento solo sulle proprie risorse. Anche John Cohen, produttore di Cattivissimo Me, ha fornito degli utili suggerimenti.

Nonostante tutto questo, il film di Angry Birds restava un progetto a rischio, perché per la prima volta un gioco mobile viene trasposto sul grande schermo. I registi Clay Kaytis e Fergal Reilly hanno grande esperienza nella realizzazione di film d'animazione, e secondo Rovio sono le persone giuste per realizzare l'idea che è alla base di questo film, ovvero grandi personaggi con personalità speciali.

I protagonisti del film sono, infatti, gli iconici personaggi Red, Chuck e Bomb. Red è stato sempre preso in giro fin da quando era bambino e questo lo ha reso molto irritabile; Chuck, invece, è un gran chiacchierone che si ficca spesso nei guai; e Bomb ha un piccolo grosso problema: letteralmente non riesce a smettere di esplodere. A causa di questi difetti, vengono confinati e costretti a fare una terapia per il controllo della rabbia. Ma, nel frattempo, arrivano i Maiali, capitanati da Leonard. Red dubita della loro gentilezza e assieme a Chuck e Bomb va alla ricerca della Grande Aquila per scoprire che cosa vogliono questi maiali verdi.

Qualche anno fa, Kaytis, mentre lavorava sulla serie della Disney Tangled, è diventato dipendente di Angry Birds, e quindi ha potuto sfruttare questa esperienza di gioco per rifinire alcuni aspetti visivi del film. Ma Rovio ci tiene a sottolineare di non aver chiesto al cast artistico una riproduzione fedele del videogioco, quanto uno scenario che potesse sussistere indipendentemente. Rovio ha prodotto per conto suo il film e quindi non ha dovuto sottostare alle richieste di un comitato esecutivo o di un consiglio di amministrazione: ha potuto orchestrare i lavori come meglio ha creduto.

Angry Birds

"Con il lancio del film in contemporanea in tutto il mondo è scoppiata la Angry Birds Mania, i negozi sono pieni di prodotti, tutti di alta qualità, che renderanno felici i fan di tutte le età e contribuiranno a far crescere ulteriormente il nostro brand", afferma Alex Lambeek, Chief Commercial Officer di Rovio. "La nostra intenzione con tutti i licenziatari e con i partner commerciali è quella di costruire un rapporto di lunga durata fondato sulla condivisone della stessa filosofia e sulla primaria importanza data alla qualità dei prodotti".

Rovio ha visto un calo negli ultimi anni che ha provocato il licenziamento di 213 dipendenti in tutti i reparti eccetto quello che si sta occupando del film. Il progetto, infatti, è stato lanciato prima dei guai finanziari di Rovio e dei licenziamenti, e potenzialmente potrebbe riportare in segno positivo le finanze della società finlandese.

"È veramente difficile spiegare i motivi alla base di questo calo", ha continuato Knowles. "Quando abbiamo deciso di realizzare il film di Angry Birds abbiamo deciso di farlo autonomamente, finanziandone ogni componente. Tutti sanno che i precedenti film tratti dai videogiochi non sono stati un successo e quindi abbiamo cercato di capire come risolvere questo problema. Abbiamo capito che era necessario avere controllo totale sulla nostra storia e sul nostro brand, per assicurarci di offrire esattamente ciò che i fan avrebbero voluto vedere. Lavorare in questo modo richiede molto tempo, ed è per questo che abbiamo impiegato quattro anni per completare questo film. Questo ci ha sottratto risorse da una parte ma dall'altra ci assicura di prolungare la vita di Angry Birds e di rinforzare il brand. Detto questo, Angry Birds come IP videoludica resta un grande successo ed è tutt'oggi molto popolare. Quando il mobile gaming è esploso eravamo nel posto giusto nel momento giusto, ma oggi abbiamo sui vari market diversi titoli molto forti e apprezzati. Il mondo dei videogiochi è in continua crescita, anche se il mercato si ridefinisce continuamente. Il nostro compito è percepirne tutti i cambiamenti e rimodellare i nostri prodotti di conseguenza".

Abbiamo poi chiesto quali sono gli aspetti da curare maggiormente oggi quando si sviluppa un mobile game. "Un casual mobile game deve essere innanzitutto facile da imparare e molto difficile da padroneggiare", è stata la risposta. "Credo che sia questo il segreto: facile a dirsi, ma difficile a farsi. Allo stesso tempo stiamo verificando come stia crescendo il cosiddetto pubblico dei midcore gamer, che spesso giocano con iPad o altri tipi di tablet. I dispositivi diventano sempre più potenti e questo ci consente di sperimentare nuove forme di gioco per i midcore gamer, che siano più profonde e articolate".

Angry Birds Action!

Alla base della strategia che vede questo rinnovato sodalizio tra gaming e merchandising troviamo Angry Birds Action! Si tratta di un'app che usa un sistema simile ai codici QR per creare delle interconnessioni tra prodotti. Il sistema è definito BirdCodes e funziona attraverso codici inseriti in oggetti di merchandising come quelli messi a disposizione dai vari McDonald's, Pez, H&M, e Lego. Basta inquadrare questi codici con la fotocamera dello smartphone ed ecco che all'interno del gioco vengono sbloccate nuove esperienze ludiche.

Angry Birds Action!

BirdCode

I giocatori possono scansionare i codici ogni volta che vogliono accedere a queste esperienze rapide e concentrate, pensate appunto per essere vissute ovunque. Nei piani di Rovio è innanzitutto un incentivo per tornare negli store oppure per acquistare definitivamente il giocattolo su cui è posizionato il codice, e giocare così tranquillamente a casa.

"Agry Birds Action! riesce a creare una forte connessione tra l'esperienza di gioco e molti degli oggetti di merchandising che stiamo presentando oggi", continua Knowles. "I BirdCodes presenti nei giocattoli sbloccano mini-giochi aggiuntivi all'interno dell'app all'interno di un'esperienza di tipo realtà aumentata. Quando i giocatori completeranno i mini-giochi riceveranno bonus e power up da spendere nell'esperienza di gioco principale. È un modo per connettere il mondo virtuale con il mondo fisico dei prodotti, fonderli insieme e creare un'esperienza unica".

Angry Birds Action!

Giochi Spin Master

Inoltre Spin Master, azienda leader nell'industria del giocattolo e dell’intrattenimento per bambini, ha prodotto una vasta linea di giochi che spazia dai personaggi d’azione ai peluche, dai gadget ai playset. Hasbro, nota società per la creazione della miglior esperienza di gioco, ha creato edizioni speciali di alcuni giochi da tavola con i personaggi di Angry Birds. Amscan, azienda produttrice di decori e oggettistica per le feste, ha infine realizzato una linea di costumi per i più piccoli.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djfix1325 Maggio 2016, 12:12 #1
vogliono provare la strada dei Pokemon mah...sarà dura...i pokemon fanno leva sul carino e sulla potenza non sulla pazzia compressa in 3 personaggi con problemi personali.
al botteghino lo si vedrà comunque perchè è una novità e magari farà ridere ma non ci saranno successive versioni.
già i giochi sono ingodibili (parlo di Space) mille volte a provare la giusta traiettoria è frustrante e non divertente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^