Ecco come questa ragazza di 14 anni è riuscita a rilasciare il suo gioco su Android

Ecco come questa ragazza di 14 anni è riuscita a rilasciare il suo gioco su Android

Lucia Sanchez è una quattordicenne come tante altre: studia, va a scuola, ma nel tempo perso sviluppa giochi per Android

di Nino Grasso pubblicata il , alle 17:01 nel canale Videogames
Android
 

Crazy Block è un gioco come tanti altri sul Google Play Store e non vanta nemmeno un grande successo. La sua peculiarità è data dalla sua sviluppatrice, Lucia Sanchez, ragazza spagnola residente ad Alicante di appena quattordici anni. Armata di Stencyl, kit semplificato per lo sviluppo di videogiochi, Lucia ha iniziato a sviluppare non appena i genitori le hanno regalato un computer.

Crazy Block Crazy Block

"Avevo letto su internet di un ragazzo di quattordici anni che aveva creato un gioco scaricato un milione di volte, così ho pensato che sarebbe stato fantastico provare a fare qualcosa del genere di mio", ha dichiarato la ragazza durante un'intervista con VentureBeat. Sanchez ha scelto Stencyl per la sua semplicità, anche se lo sviluppo di un gioco, precisa Lucia, non è affatto semplice in alcun caso.

Soprattutto se sei da solo: "In realtà non ho avuto alcun aiuto", ha sottolineato la quattordicenne. "Gli unici aiuti che ho avuto provenivano da internet o da video su YouTube". Nonostante le difficoltà iniziali, Lucia Sanchez non ha mollato e ad aiutarla è stato l'obiettivo che aveva chiaro in mente: rilasciare un videogioco su smartphone. Un processo che ha richiesto due anni, con la parte migliore, secondo la ragazza, relativa alla progettazione dei livelli.

Crazy Block non è di certo un prodotto di grande successo. Al momento in cui scriviamo è stato scaricato poche centinaia di volte e, nonostante il gioco sia supportato economicamente da banner pubblicitari, la ragazza precisa che non sta riscuotendo alcun guadagno. Ma l'esperienza è stata senza dubbio positiva per Lucia Sanchez: "Credo che quello che abbia imparato in questi anni abbia un valore maggiore dei soldi".

"Realizzare Crazy Block è stata per me una grande esperienza", ha detto la giovane sviluppatrice. "Quando ho iniziato a lavorarci è stato molto difficile per me visto che non avevo alcuna esperienza con la programmazione. Ogni volta che appariva un errore non sapevo cosa fare. Una volta volevo arrendermi, ma guardando tutorial e con l'aiuto di internet alla fine sono riuscita a rilasciare il mio Crazy Block".

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dr.strange18 Marzo 2015, 19:21 #1
Come mai questa pubblicità gratuita per questo gioco?
[K]iT[o]18 Marzo 2015, 19:57 #2
denunciatela! boh così per dire.
sciacallo01018 Marzo 2015, 20:06 #3
Non per dire, ma sviluppare un gioco con Stancyl è una minchiata, se il gioco non ha neanche un successo particolare che senso ha fare un articolo?
Se la ragazza parla di un altro 14enne che ha fatto un gioco di molto maggior successo non avrebbe più senso fare un articolo su di lui?
Frinck18 Marzo 2015, 21:19 #4
io apprezzo, questo sta a significare come l'impegno non conti un cazzo e per quelle cose ci vuole culo ebbasta, come quella cazzata di flappy birt che ha condannato milioni di persone all'inferno per ingiurie divine. Il mondo è popolato da mentecatti e la gente di "successo" sono i loro rappresentanti.
omerook18 Marzo 2015, 22:17 #5
Originariamente inviato da: dr.strange
Come mai questa pubblicità gratuita per questo gioco?


magari è una marchetta alla piattaforma e dubito che sia aggratise!
Zenida18 Marzo 2015, 22:57 #6
LOL e per un'applicazione per niente particolare e scaricata giusto un centinaio di volte oggi si fa una recensione??

Cioè io pure ho sviluppato software che sarà stato usato da qualche centinaio di persone... eppure nessuno e venuto ad intervistarmi

PS: anch'io ho iniziato a 14... ma mica con stencyl
david-119 Marzo 2015, 01:21 #7
Mah, un articolo per una merdata.... sarà nipote di Corsini
piererentolo19 Marzo 2015, 09:50 #8
Eddajeeeee!!!! Sempre che vi lamentate
Io a 14 anni sapevo giusto caricare i giochi sul C64 (o forse inserire le cartucce nel megadrive).
Voi non avete idea di che gioventù ignorante ci sia al giorno d'oggi, nonostante computer/smartphone/tablet siano in possesso di tutti (prima ancora che imparino a leggere) sanno giusto scaricarlo dallo store un videogioco... figuriamoci farlo.
!fazz19 Marzo 2015, 10:56 #9
Originariamente inviato da: piererentolo
Eddajeeeee!!!! Sempre che vi lamentate
Io a 14 anni sapevo giusto caricare i giochi sul C64 (o forse inserire le cartucce nel megadrive).
Voi non avete idea di che gioventù ignorante ci sia al giorno d'oggi, nonostante computer/smartphone/tablet siano in possesso di tutti (prima ancora che imparino a leggere) sanno giusto scaricarlo dallo store un videogioco... figuriamoci farlo.


sarò vecchio io ma io ho iniziato a programmare sui 10 anni (anche perchè se volevi giocare con lo zx dovevi passarti ore a riscrivere il codice dai manuali prima di riversarli sulla cassetta) e da li si imparava

comunque ricordo l'articolo di un ragazzo italiano poco più grande che aveva sviluppato quel gioco dei numeri
Ork19 Marzo 2015, 11:22 #10
Originariamente inviato da: !fazz
sarò vecchio io ma io ho iniziato a programmare sui 10 anni (anche perchè se volevi giocare con lo zx dovevi passarti ore a riscrivere il codice dai manuali prima di riversarli sulla cassetta) e da li si imparava

comunque ricordo l'articolo di un ragazzo italiano poco più grande che aveva sviluppato quel gioco dei numeri


amen

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^