EA: azioni in rialzo dopo dimissioni Riccitiello

EA: azioni in rialzo dopo dimissioni Riccitiello

Su Twitter molti hanno rivolto insulti a Electronic Arts e al CEO dimissionario. Ma esponenti illustri dell'industria del gaming difendono Riccitiello.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 15:56 nel canale Videogames
Electronic ArtsTwitter
 

Twitter, lo sappiamo ormai, non perdona: dopo le dimissioni di John Riccitiello dalla carica di CEO di EA, sono piovuti sul noto social network diversi insulti rivolti alll'ex-dirigente e alla stessa Electronic Arts. Kotaku li ha ripresi in un articolo intitolato 'Le migliori prese in giro a John Riccitiello che offre Twitter', scatenando le reazioni di alcuni illustri esponenti dell'industria del gaming.

Peter Moore

"Kotaku non si rende conto che è un giorno molto triste per tutto il settore, che oltretutto è la piattaforma che gli consente di fare soldi", dice Peter Moore, chief operating officer di Electronic Arts e pretendente più accreditato alla posizione che è stata di Riccitiello, secondo i rumor.

Moore, lo ricordiamo, ha raggiunto Electronic Arts nel 2007, dopo essere stato supervisore della divisione Xbox and Windows Games. Adesso la carica di CEO di EA è affidata ad interim a Larry Probst, ma il produttore statunitense annuncerà a breve un nuovo nome per il ruolo di CEO della compagnia.

"John non solo ha indirizzato la nostra azienda e il mondo dell'intrattenimento elettronico verso nuove esperienze, ma ha contribuito a invogliare milioni di persone a diventare giocatori, mentre la sua leadership alla ESA ha fatto sì che la nostria industria non facesse la fine dell'industria musicale".

"Non credo che possiamo essere in grado di gridare più forte dei male informati, ma ne vale la pena", aggiunge l'ex-CEO di Epic Games Mike Capps. Riccitiello ha risposto brevemente su Facebook, ringraziando tutti coloro che lo hanno difeso e sostenuto.

Ma, subito dopo l'annuncio delle sue dimissioni, il titolo in borsa di EA è cresciuto del 2,6%. Oltre a quello di Moore, si fa anche il nome di Frank Gibeau come possibile sostituto di Riccitiello.

Le dimissioni di John Riccitiello arrivano in un momento molto critico per EA. Nei giorni scorsi ha dovuto risolvere le grane legate al lancio di SimCity, che ha scatenato le proteste dei giocatori per via delle difficoltà ai server di gioco. Il fatto che ci sia una fase ad interim e non ancora il nome del nuovo CEO definitivo può far pensare che si sia trattata effettivamente di una situazione non preventivabile, probabilmente dovuta proprio al tumulto generato dal lancio di SimCity.

Inoltre, ci troviamo in un periodo di forte transizione per EA, con l'annuncio a breve di Battlefield 4 e alla vigilia del lancio della next-gen.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Obelix-it19 Marzo 2013, 16:21 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
"Kotaku non si rende conto che è un giorno molto triste per tutto il settore, che oltretutto è la piattaforma che gli consente di fare soldi", dice Peter Moore,

E Peter Moore non si rende conto che non e' stato Kotaku a scrivere quei twit, ma gli utenti EA. Il che dimostra lo 'scollegamento' dalla realta' dei manager EA.

"Qualcuno vuole per favore spiegare a questo ........ twitter??' (cit.)

Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
mentre la sua leadership alla ESA ha fatto sì che la nostria industria non facesse la fine dell'industria musicale

Cioe', non fare causa ai propri clienti e sperperasse milioni di USD in cause frivole ???
Fos19 Marzo 2013, 19:33 #2
Originariamente inviato da: Obelix-it
E Peter Moore non si rende conto che non e' stato Kotaku a scrivere quei twit, ma gli utenti EA. Il che dimostra lo 'scollegamento' dalla realta' dei manager EA.
Forse sottointende che Kotaku non avrebbe dovuto dare adito... Come dire: La censura (infima) non passa mai di moda.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^