Dungeons & Dragons e i MMORPG

Dungeons & Dragons e i MMORPG

Turbine Entertainment annuncia l'entrata in masterizzazione di Dungeons & Dragons Online: Stormreach. Si tratta del debutto tra i MMORPG della diffusissima serie di giochi di ruolo.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:14 nel canale Videogames
 

Dungeons & Dragons Online: Stormreach è un attesissimo MMORPG per almeno due ordini di motivi. Innanzitutto, perché segna il debutto della serie Dungeons & Dragons tra i MMORPG e, secondariamente, per tutta una serie di caratteristiche che offre ai giocatori, le quali hanno già attirato l'attenzione della stampa specializzata.

Proprio oggi Turbine Entertainment ha annunciato che i lavori intorno al nuovo MMORPG sono finalmente conclusi e che il gioco sarà disponibile dal prossimo 28 febbraio. Turbine Entertainment ha già realizzato due MMORPG: si tratta dei due Asheron's Call, entrambi prodotti da Microsoft. Se il primo episodio ancora è in piena salute, invece, paradossalmente, il secondo è ormai un progetto concluso, visto che non esistono più server per il gioco.

Dungeons & Dragons Online: Stormreach

Coloro che effettueranno il pre-ordine di Stormreach avranno la possibilità di iniziare a giocare dieci giorni prima del lancio ufficiale del MMORPG. Le cifre riguardo il numero dei giocatori che hanno partecipato al beta test sono impressionanti, in quanto ben 300000 persone hanno aiutato Turbine Entertainment nell'affinamento delle varie caratteristiche di Stormreach.

Dungeons & Dragons Online: Stormreach è prodotto da Atari e, come abbiamo detto, sfrutta la licenza Dungeons & Dragons, il popolare gioco di ruolo da tavola prodotto da Wizards of the Coast, società facente parte di Hasbro.

Tra le caratteristiche del nuovo MMORPG segnaliamo, soprattutto, la possibilità di personalizzare il proprio alter ego fin nei minimi dettagli e la presenza di razze, abilità, magie, caratteristiche che rispettano pienamente le regole del mondo di Dungeons & Dragons. Interessante è anche il sistema di combattimento, il quale si libererà della staticità che purtroppo è carratteristica di altri giochi di ruolo. Adesso, da questo punto di vista gli scontri possono definirsi in tempo reale.

Dungeons & Dragons Online: Stormreach

Il nuovo gioco di Turbine Entertainment è già stato in grado di far esaltare la stampa specializzata che ha avuto modo di provarlo. Se a questo aggiungiamo il numero elevatissimo di giocatori che sono stati attirati dalle fasi di beta test (il quale terminerà il 20 febbraio), sembra proprio che ci troviamo dinnanzi ad uno dei migliori MMORPG del 2006. Per raggiungere il sito ufficiale di Dungeons & Dragons Online: Stormreach premete qui.

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fritzen14 Febbraio 2006, 16:17 #1
Sono quasi 16 giorni che ho ricevuto l'invito e sono quasi 15 giorni che non ci gioco piu, non mi è piaciuto.
Foglia Morta14 Febbraio 2006, 16:23 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upg
Le cifre riguardo il numero dei giocatori che hanno partecipato al beta test sono impressionanti, in quanto ben 300000 persone hanno aiutato Turbine Entertainment nell'affinamento delle varie caratteristiche di Stormreach.

si tratta di un errore e i beta tester erano 30.000 oppure non c' è nessun errore e sono proprio 300.000 ? A me sembrano un po troppi
Soul_to_Soul14 Febbraio 2006, 17:10 #3
Magari dico una castroneria, ma con le dovute (e pesanti) differenze nell'ambientazione, non mi sembra altro che un Guild Wars evoluto.
Niente a che fare con WOW, per intenderci.
MesserWolf14 Febbraio 2006, 17:34 #4
Originariamente inviato da: Soul_to_Soul
Magari dico una castroneria, ma con le dovute (e pesanti) differenze nell'ambientazione, non mi sembra altro che un Guild Wars evoluto.
Niente a che fare con WOW, per intenderci.


Quoto, l'ho visto giocato (la beta) e mi parsa una brutta copia di wow (anche se ritengo che sia davvero dura fare di meglio! la Blizzard sa il fatto suo in fatto di giochi!).

Poi personalmente Adoro la grafica di wow e anche il suo stile cartonato.
Soul_to_Soul14 Febbraio 2006, 17:36 #5
Il punto è che non c'è una libertà in tempo reale come WOW, dove tutto il mondo è di tutti, ma come in Guild Wars ci si incontra da qualche parte e poi vengono generati sottomondi a richiesta del party.
Solo che in Guild Wars è gratis, qui si paga salato.
Th€@n14 Febbraio 2006, 17:48 #6
La questione e' che chi si aspetta un MMORPG nel senso del termine ne rimarra' deluso perche' non lo e', un po' come non lo sono Guild Wars e WoW. GW almeno e' definito dalla casa stessa un CORPG, cioè Competitive Online Role-Playing Game, e punta su un target un po' diverso dai classici MMORPG mentre su WoW meglio glissare o andrei troppo OT.

DDO non e' un MMORPG, punto. O meglio non e' un mondo persistente online. Ho fatto lo stress test (e' possibile che siano stati 300.000 i testers perche' per alcuni giorni lo stress test era aperto a tutti) ed in pratica il gioco si riduce alla ripetizione di Nmila quest. L'unico luogo comune sono le citta', poi si entra nei dungeons istanziati a uccidere mostri (che non danno exp immediata) ed una volta finita la quest si prende l'exp e si deve ritornare in taverna per un po' di tempo a recuperare forze.

Non c'e' PvP, non ci sono guerre di gilde o siege. Il gioco punta a formare i party finalizzati a fare le quest. La grafica sara' bella, i pg altamente personalizzabili ma a me un gioco cosi' non piace. E non trovo corretto definirlo MMORPG ma tant'e' ora con quella sigla si pensa di vendere di tutto grazie a WoW....
adynak14 Febbraio 2006, 18:06 #7
DDO è nato per tutti coloro che vogliono gustare il mitico gioco di ruolo pen&paper anche in una versione multiplayer online.
Gioco alla beta da ormai diversi giorni e devo dire che il gioco ha soddisfatto gran parte delle esigenze di tutti coloro che da anni giocano alla versione casalinga del più famoso GdR al mondo.
DDO non è nato per contrastare WOW: i due giochi sono generi diversi ... tutto qui.
WOW è un gran gioco, ma non si basa sulle regole del D&D.
DDO, invece, può vantare un sistema di regole solido e uno spirito di gruppo che raramente ho visto in altri giochi online.
Dal punto di vista della grafica, motore compreso, è molto accattivante.
Per il resto è questione di gusti.
Da giocatore (sono ormai 15 anni) di D&D classic sono più che soddisfatto del gioco e penso che questo sia sufficiente ... almeno per me.
Th€@n14 Febbraio 2006, 18:44 #8
Allora avrebbero dovuto chiamarlo MPPRPG multiplayer pen&paper rpg...

Scherzi a parte, di sicuro e' un gioco indirizzato agli amanti del genere e grazie alla licenza vendera' moltissimo. Ma chi ha giocato a DAoC, Everquest2 o EVE rimarra' deluso se si aspetta qualcosa di simile.
broly12345614 Febbraio 2006, 19:01 #9
Straquoto Th€@n e la sua precisazione sul vero significato di MMORPG!
DevilsAdvocate14 Febbraio 2006, 19:04 #10
Invece di migliorare WoW e proporlo ad un prezzo minore, questi hanno ricalcato
Guild Wars e lo hanno proposto al prezzo di WoW.
Non basta una grafica un filo piu' aggiornata e una licenza come questa, la
net-community ormai Wow lo ha visto e provato, per farci sborsare il canone
mensile devono sforzarsi di piu'....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^