Dipendenza da videogiochi come disturbo mentale?

Dipendenza da videogiochi come disturbo mentale?

L'Associazione Medica Americana sarebbe in procinto di riconoscere la dipendendenza da videogiochi come un disturbo mentale.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 17:02 nel canale Videogames
 
L'introduzione della dipendenza da videogiochi nel "Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders" equivale a riconoscere questo tipo di dipendenza come disturbo mentale. E' su questa possibilità che alcuni esperti del settore stanno dibattendo, in relazione alla decisione che potrebbe prendere, da qui a breve, l'Associazione Medica Americana (AMA) e che riguarda proprio il riconoscimento della dipendenza da videogiochi come disordine mentale.

Un resoconto del dottor Mohamed K. Kahn esplora i possibili pericoli dell'esposizione prolungata ai videogiochi, appoggiando la decisione che l'AMA starebbe per prendere. Secondo Kahn sarebbe da intendersi come dipendenza l'uso di videogiochi per più di due ore al giorno. Suggerisce una classificazione formale, un miglioramento del sistema ESRB, l'introduzione di raccomandazioni ufficiali che disincentivino l'uso di videogiochi e di televisione per più di una o due ore per i bambini.

Il dottor Kahn, inoltre, incoraggia le istituzioni come il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ad avviare ricerche accurate sul fenomeno, con particolare riferimento agli effetti dei videogiochi sui bambini. E' possibile leggere l'intero resoconto a questo indirizzo.

Nel resoconto del dottore Kahn si dà la seguente definizione di giocatore:

Giocatore è un termine usato per descrivere una persona che utilizza giochi. Storicamente, un giocatore è qualcuno che si dedica ai giochi di ruolo o ai giochi di guerra, ma recentemente il termine ha incluso anche i videogiochi. Sebbene il termine faccia riferimento anche a coloro che non si considerano giocatori (ad esempio, i casual gamer), è comunemente usato come termine colloquiale per indicare le persone che spendono molto del loro tempo libero per giocare o leggere materiale riguardante i giochi. Il videogaming è stata tradizionalmente un'esperienza sociale, e molti videogiochi possono essere giocati contemporaneamente da più di una persona. I giochi multiplayer possono essere affrontati in maniera co-operativa o competitiva usando più di un dispositivo di input, o tramite 'hotseating'.

Ulteriori dettagli sul resoconto qui analizzato sono disponibili su Spong.

E' ovvio che una decisione del genere muterebbe il quadro giuridico in fatto di crimini che si presume dipendano da un'eccessiva esposizione al mezzo videoludico. Potrebbe, inoltre, indirizzare le compagnie farmaceutiche nella ricerca di possibili cure e nella loro commercializzazione.

112 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
_Menno_15 Giugno 2007, 17:13 #2


"E' ovvio che una decisione del genere muterebbe il quadro giuridico in fatto di crimini che si presume dipendano da un'eccessiva esposizione al mezzo videoludico. Potrebbe, inoltre, indirizzare le compagnie farmaceutiche nella ricerca di possibili cure e nella loro commercializzazione."

allora vediamo, quanti di voi passano più di 2 ore a giocare? io non gioco tutti i giorni, ma se una sera non ho un cazzo da fare, al computer ci gioco pure per 3-4 ore...

questa notizia mi lascia piuttosto allibito... posso capire la presenza di un videogame in un bambino nella fase di crescita, ma se io che lavoro, una o due sere alla settimana le passo al pc a giocare (3-4 ore) sono ritenuto un disturbato mentale???

omg
nonikname15 Giugno 2007, 17:13 #3
Arrivo a 37 anni in piena salute ... e solo ora scopro di essere un "tossico" , con dipendenza da video giochi....

P.S. oltre a giocare + di 2 ore , per notte , li vendo anche !!! quindi sono anche un pusher!!!
kuru15 Giugno 2007, 17:16 #4
io avrei più paura a dare la patente ad un bambino cresciuto giocando a GTA
TheZeb15 Giugno 2007, 17:18 #5
Originariamente inviato da: nonikname
Arrivo a 37 anni in piena salute ... e solo ora scopro di essere un "tossico" , con dipendenza da video giochi....

P.S. oltre a giocare + di 2 ore , per notte , li vendo anche !!! quindi sono anche un pusher!!!


io ne ho 34, ho provato a smettere di giocare per un paio di mesi.. mi è diminuita la concentrazione al lavoro e i riflessi alla guida in macchina.. non scherzo..
Manwë15 Giugno 2007, 17:22 #6
LOL ...
Freisar15 Giugno 2007, 17:24 #7
Sono fatti miei quanto ci sto posso starci anche 10 ore di fila ma non aver nessuna dipendenza, il problema sono i bambini / ragazzi che non sanno gestirsi ma li i responsabili sono sempr ei genitori.
guerret15 Giugno 2007, 17:24 #8
Solitamente sono contrario a queste str****te.

Devo però riconoscere che, sotto certe "dosi", si può effettivamente parlare di "dipendenza da videogiochi" come disturbo.

Certo è che fare una suddivisione così netta (e restrittiva) come quella delle due ore è idiota. Soprattutto per chi non ci gioca regolarmente (magari perché lavora), mi pare ovvio che quando trova una serata libera anche 3-4 ore ce le dedica. Forse sarebbe più ragionevole pensare in termini settimanali, e comunque NON 14 ore la settimana.

Non posso però non pensare che, se uno ci passa 40 ore la settimana, qualche problemino ce l'ha (oltre a non avere un cacchio da fare).
jacky214215 Giugno 2007, 17:25 #9
Sono proprio americani!!!
Chi altro potrebbe dire tutte queste idiozie oltre gli americani???
Se cose del genere verranno messe in atto allora i disturbati di mente aumenteranno sproporzionatamente, così giocando per più di due ore al giorno mi farò fare la pensione di invalidità
demon7715 Giugno 2007, 17:26 #10
In effetti vista così mi pare un po' grossa...

Io sono appasionato di videogiochi anche se di sicuro non ci gioco due ore al giorno ma bisogna ammettere che ci sono persone talmente prese da giochi di ruolo da diventarne seriamente dipendenti!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^