Diablo III: la modalità RetroVision cita visivamente il Diablo originale

Diablo III: la modalità RetroVision cita visivamente il Diablo originale

Blizzard ha rivelato i dettagli della patch 2.4.3 che, tra le altre cose, riporta i contenuti più memorabili del primo Diablo all'interno di Diablo III.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:58 nel canale Videogames
BlizzardDiablo
 

La nuova patch di Diablo III non introdurrà solamente l'evento del ventesimo anniversario di Diablo, ma aggiornerà diverse classi e completi, apporta miglioramenti ai Varchi Maggiori e introdurrà la modalità RetroVision, che darà ai giocatori la sensazione di giocare al primo indimenticabile Diablo come viene spiegato nel video che riportiamo in questa pagina.

Il Signore Oscuro, uno dei boss a cui i fan di Diablo sono più affezionati, arriva in Diablo III grazie all'evento L'Oscuramento di Tristram. La patch, che arriverà nel corso di gennaio, riporterà in vita diversi elementi del Diablo originale, da nemici familiari a oggetti ormai famosi, grazie alla modalità RetroVision, già annunciata allo scorso BlizzCon. RetroVision attiverà un filtro a effetto pixel, sposterà la telecamera, cambierà le animazioni e ripristinerà gli 8 gradi di rotazione proprio allo scopo di citare il primo Diablo.

Diablo III

Inoltre, la patch 2.4.3 aggiorna diversi oggetti leggendari e completi e apporta una migliore distribuzione dei mostri all'interno della nuova revisione dei Varchi Maggiori. Non mancano aggiornamenti vari come la possibilità di uccidere direttamente in aria diversi tipi di nemici come assassini alati, punitori, lacuni e saltatori dei cunicoli. Ci sono cambiamenti agli affissi, mentre le tinture vengono adesso gestite da Myriam la mistica.

Diablo III

Per tutti i dettagli vi rimandiamo al sito ufficiale.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^