Diablo III: CEO Blizzard conferma nuovi obiettivi per i personaggi di massimo livello

Diablo III: CEO Blizzard conferma nuovi obiettivi per i personaggi di massimo livello

Mike Morhaime, CEO e co-fondatore di Blizzard, in una lettera alla community, parla di "esperienza non perfetta" con Diablo III, anche se continua a pensare che il requisito di internet always-on è "più di una protezione antipirateria".

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:51 nel canale Videogames
BlizzardDiablo
 

Blizzard ha confermato di essere al lavoro su nuovi contenuti per i personaggi di massimo livello di Diablo III. Avviene attraverso una lettera alla community scritta da Mike Morhaime, CEO e co-fondatore di Blizzard, e pubblicata sul forum di Battle.net. Morhaime ha scritto la lettera dopo che Blizzard aveva già ammesso di aver fallito nel mantenere i suoi giocatori coinvolti in Diablo III nel lungo periodo per via della mancanza di contenuti nell'end-game (vedi qui).

Diablo III

"Stiamo lavorando su un sistema di gameplay che fornirà ai giocatori con personaggi di massimo livello nuovi obiettivi in modo da offrire un'alternativa alla caccia continua agli oggetti rari", scrive Morhaime. "Non siamo ancora in grado di divulgare le specifiche, ma stiamo tenendo in considerazione il vostro feedback nel pianificare il futuro del gioco".

Secondo il CEO di Blizzard i primi risultati di questo lavoro saranno evidenti già con la patch 1.0.3, mentre l'aggiornamento 1.0.4 apporterà ulteriori miglioramenti. "Dal punto di vista degli equilibri di gioco, il prossimo aggiornamento conterrà cambiamenti pensati per promuovere la diversità e la varietà nel gameplay, soprattutto nell'uso di buff spesso trascurati e delle abilità di classe maggiormente sottodimensionate".

"Un altro argomento che sta molto a cuore ai nostri giocatori riguarda la necessità di avere più oggetti Leggendari, maggiormente distintivi. Siamo d'accordo con questa critica. Con la patch 1.0.4 introdurremo nuovi oggetti Leggendari che saranno più interessanti, più potenti e più epici in dei modi che probabilmente non vi aspettate".

Blizzard sta lavorando anche su miglioramenti all'interfaccia, soprattutto sul piano sociale, visto che i giocatori potranno verificare con più facilità quali achievement sono stati sbloccati dagli amici, entrare più facilmente nelle sessioni di gioco multiplayer e comunicare tra di loro con maggiore efficienza.

Morhaime parla anche della necessità di avere la connessione a internet sempre attiva mentre si gioca a Diablo III e dei problemi che sono nati da questo requisito indispensabile. Per il CEO questo sistema è ben più che una misura contro la pirateria e il cheating. "Non abbiamo mai detto che questo sistema ci avrebbe messi al sicuro dal cheating o dai crack, ma in definitiva ci ha aiutato anche in questo senso. Ad esempio, fino a oggi non ci sono modi per crackare il nostro gioco. La cosa più importante è che questo requisito è determinante per l'integrità dell'esperienza di gioco nel lungo periodo".

Morhaime riconosce che ci sono molti giocatori che preferiscono giocare da soli, ma ribadisce che Diablo III è stato pensato per essere giocato con gli amici. "Diablo III è stato strutturato sin dall'inizio per essere giocato con gli amici e il requisito always-online è il miglior modo per supportare questa struttura", conferma.

"L'efficacia di molti elementi online - come le liste amici e le comunicazioni cross-game, il matchmaking co-op, i personaggi persistenti e il PvP - oltre che il nostro servizio di assistenza e le componenti di sicurezza, è legata direttamente alla natura online del gioco. Queste e altre feature online-enabled sono essenziali per la struttura che abbiamo deciso di avere con Diablo III".

"Detto questo, ci sono ancora dei miglioramenti da fare per espandere l'esperienza di gioco online e offrire più ricompense per il gioco in co-op. Questa è una delle priorità per noi. Anche se questa struttura comporta alcuni aspetti negativi nel momento in cui si affronta il gioco da soli, credo ancora che sia la migliore decisione per il futuro del gioco".

"È molto difficile prevedere quanti giocatori avrai al lancio", continua Morhaime. "Anche con World of Warcraft abbiamo avuto delle difficoltà a soddisfare la domanda iniziale quando lo abbiamo lanciato nel 2004, e quel debutto riguardò solo il Nord America. Non eravamo abituati a gestire di colpo 6 milioni di giocatori tra i vari continenti con un gioco nuovo. Per stabilire il tipo di supporto necessario con Diablo III, abbiamo verificato le vendite storiche dei giochi Blizzard e guardato i numeri di pre-order di altri giochi per PC campioni di incasso. Abbiamo sovradimensionato le nostre stime per assicurarci di avere capacità addizionale. Alla fine, semplicemente non era abbastanza, e questo è qualcosa su cui dovremo ulteriormente lavorare per i rilasci futuri".

Morhaime sostiene che questo difetto di valutazione sul traffico che ci sarebbe stato al lancio è stato alla base del verificarsi dell'Errore 37, circostanza che si innesca quando il client di gioco non riesce a connettersi correttamente ai server. "Ormai le cose stanno procedendo senza intoppi da diverse settimane, anche se altri problemi possono nascere in qualsiasi momento, come quello della latenza che riguarda alcuni di voi. Mentre cerchiamo di risolvere i problemi, è sempre possibile che si presentino altri tipi di malfunzionamenti. Speriamo che il modo in cui abbiamo agito nel passato dimostri che innanzitutto siamo impegnati a fornire un'esperienza di gioco gratificante, e speriamo che continuerete ad avere fiducia sul nostro impegno al fine di porre rimedio ai problemi nella maniera più veloce".

Morhaime ammette che l'esperienza "non è stata perfetta". Ma aggiunge che Blizzard "sta lavorando duramente per migliorare gli equilibri di gioco, sviluppare ulteriormente l'idea che sta alla base di Diablo III e ascoltare i giocatori per rendere Diablo III il miglior gioco possibile".

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AnonimoVeneziano20 Luglio 2012, 10:09 #1
Sul thread ufficiale di D3 l'avevo detto che sarebbe successo
tribalspirit20 Luglio 2012, 10:40 #2
Originariamente inviato da: AnonimoVeneziano
Sul thread ufficiale di D3 l'avevo detto che sarebbe successo


Del 3d ufficiale qui a hwu alla blizzy gliene frega poco, anche se alcuni utenti si sono rivelati profetici.
Più che altro si preoccupavano del fatto che la gente invece di giocare passa il tempo a tempestarli di critiche e insulti nei forum ufficiali, per il fatto che il gioco alla maggiore difficoltà non è stato testato.
Lo hanno ammesso da loro stessi, loro hanno testato l'ultima difficoltà e tanto per rendere le cose più divertenti, hanno raddoppiato la difficoltà e poi hanno rilasciato il gioco. Professionali, senza ombra di dubbio.
Chi è andato avanti ci è riuscito a forza di bug, exploit,semplice fortuna sfacciata, oppure speculazione intelligente in asta (un utente ha realizzato 80-100 milioni in 15 giorni senza quasi giocare, quando utenti normali faticano a mettere insieme un milione in 10 ore di gioco).Tutti gli altri sono rimasti al palo, alla perenne e frustrante ricerca di oggetti che permettessero di affrontare zone più avanzate
Il problema che questi oggetti sono rarissimi da trovare, e una parte di questi (i leggendari) avevano caratteristiche pressochè inutili rispetto alla rarità con cui si droppavano.
La maggior parte di quello che si trova è pressochè inutile e il crafting non risolve il problema, basandosi su un sistema molto vicino al gioco d'azzardo.
Questo è l'endgame attuale di diablo 3, una slot machine.

una superficialita sull'endgame veramente imbarazzante considerando il livello della casa sviluppatrice, che si è più preoccupata di fare funzionare l'asta a soldi ingame e reali invece di fornire un gioco divertente
hanno cominciato a chiamarla ActiBlizzard proprio in questa occasione
Kumalo20 Luglio 2012, 10:50 #3
Originariamente inviato da: tribalspirit
Del 3d ufficiale qui a hwu alla blizzy gliene frega poco, anche se alcuni utenti si sono rivelati profetici.
Più che altro si preoccupavano del fatto che la gente invece di giocare passa il tempo a tempestarli di critiche e insulti nei forum ufficiali, per il fatto che il gioco alla maggiore difficoltà non è stato testato.
Lo hanno ammesso da loro stessi, loro hanno testato l'ultima difficoltà e tanto per rendere le cose più divertenti, hanno raddoppiato la difficoltà e poi hanno rilasciato il gioco. Professionali, senza ombra di dubbio.
Chi è andato avanti ci è riuscito a forza di bug, exploit,semplice fortuna sfacciata, oppure speculazione intelligente in asta (un utente ha realizzato 80-100 milioni in 15 giorni senza quasi giocare, quando utenti normali faticano a mettere insieme un milione in 10 ore di gioco).Tutti gli altri sono rimasti al palo, alla perenne e frustrante ricerca di oggetti che permettessero di affrontare zone più avanzate
Il problema che questi oggetti sono rarissimi da trovare, e una parte di questi (i leggendari) avevano caratteristiche pressochè inutili rispetto alla rarità con cui si droppavano.
La maggior parte di quello che si trova è pressochè inutile e il crafting non risolve il problema, basandosi su un sistema molto vicino al gioco d'azzardo.
Questo è l'endgame attuale di diablo 3, una slot machine.

una superficialita sull'endgame veramente imbarazzante considerando il livello della casa sviluppatrice, che si è più preoccupata di fare funzionare l'asta a soldi ingame e reali invece di fornire un gioco divertente
hanno cominciato a chiamarla ActiBlizzard proprio in questa occasione



Ti quoto in tutto, per il gioco in se e' PATETICO. Se la casa sviluppatrice fosse stata un altra molto meno conosciuta e il gioco non si chiamasse Diablo i server sarebbero gia' morti d aun pezzo e non dovremmo ogni 2 giorni leggere una notizia su questo catrame di gioco.

I peggio 50€ della mia vita.....Mafia 2 in confronto e' statao un Best Buy per me
Ataraxy20 Luglio 2012, 11:26 #4
Molte degli errori della Blizzard sono già stati trattati fino alla nausea quindi rimarro breve.

Mi fa molto piacere vedere che la blizzard si sia accorta che qualcosa non và e che stia cercando di risolvere (non che il suo sia un gesto puramente dedicato agli utenti, visto che il loro margine di profitto và ancora pari passo con il successo del gioco) e onestamente sono il primo a volere che il gioco migliori per potermici divertire come mi sarei immaginato dalla Beta e dalla "notevole" pubblicità fatta dalla Blizzard

Onestamente comunque credo che il caso Diablo 3, che venga aggiustato o no, rimarrà per molto molto tempo come la barzelletta in voga tra i gamer.
Dopo averlo letto in un forum, io e un paio di amici abbiamo iniziato a usare la frase: "Ma da Diablo a 10 quanto ti è piaciuto?"
hedgefox20 Luglio 2012, 12:00 #5
Divertente vedere come tempo fa, scrivendo sui forum ufficiali che il gioco non aveva futuro perchè troppo limitato, la Santa Inquisizione dei Fanboy bruciò al rogo gli eretici dicendo "Il gioco inizia a lvl 60!" e "Il vero divertimento c'è ad Inferno!"

Come avevo stimato, ho finito il gioco a Hello (Abisso in Italiano) mi sono rotto di spendere tempo inutile alla fine del primo atto di Inferno.

Complice anche la storia ideata dalla Blizzard, piena di falle e pessimamente strutturata. Prenderò l'espansione solo se mi fanno rivedere qualche siparietto di Imperious, vero comic relief involontario del gioco.
Apace20 Luglio 2012, 12:01 #6
La quantità di critiche ricevuta da 'sto gioco è impressionante.
Il problema secondo me è che dà dipendenza. La maggior parte dei commenti negativi sono di persone che dicono cose del tipo "ho giocato +250 ore e il gioco fa schifo"...
nickmot20 Luglio 2012, 12:03 #7
Originariamente inviato da: hedgefox
Divertente vedere come tempo fa, scrivendo sui forum ufficiali che il gioco non aveva futuro perchè troppo limitato, la Santa Inquisizione dei Fanboy bruciò al rogo gli eretici dicendo "Il gioco inizia a lvl 60!" e "Il vero divertimento c'è ad Inferno!"

Come avevo stimato, ho finito il gioco a Hello (Abisso in Italiano) mi sono rotto di spendere tempo inutile alla fine del primo atto di Inferno.

Complice anche la storia ideata dalla Blizzard, piena di falle e pessimamente strutturata. Prenderò l'espansione solo se mi fanno rivedere qualche siparietto di Imperious, vero comic relief involontario del gioco.


Guarda, che il gioco sia ripetitivo (4 volte le stesse cose!?!), gli atti corti, e le meccaniche di gioco abbastanza deumanizzanti sono daccordo... Però la trama in Diablo è sempre stata misera, non è il gioco ne il genere da comprare per la storia.
Ther020 Luglio 2012, 13:02 #8
Mah.. tutta la gente che continua a lamentarsi anche quando stanno arrivando miglioramenti mi sembra veramente assurda.

Voglio dire, nessuno di noi (credo) sarebbe disposto a dire che giochi come Starcraft o Warcraft 3 siano giochi brutti, tutt'altro direi.

Eppure Starcraft all'inizio (in multiplayer) era sbilanciatissimo, l'hanno patchato per quanto 10 anni per renderlo perfetto e a misura di tutti i giocatori ?

Non dico che non hanno sbagliato alla blizzard a far uscire un gioco con un palese "breve e\o poco soddisfacente end game". Però stanno cercando di migliorare e, quantomeno a quanto sta trapelando, pare stiano lavorando nella giusta direzione.

Come tutti anche io mi aspettavo qualcosa di più da Diablo 3 che non un mero farm o di oro o di oggetti, come mi aspettavo che almeno i leggendari\set fosser PER FORZA più forti dei rari, (diamine, non mi importa QUANTO possono diventare forti i rari, ma almeno i leggendari "di classe" devono essere cazzutissimi, poi possono essere più o meno cazzutissimi in base alla fortuna del random, ma come MINIMO devono essere meglio di qualunque altro oggetto giallo di classe. Per esempio delle Fist Weapon per monaco dovranno darmi uno sbarozzo di stamina ed agilità DI BASE, poi mi sta bene che nel random puoi avere la fortuna di trovare (per esempio) +50% attack speed, o la sfortuna di trovare +1hp per hit. Diamine, c'era in diablo 2, mettetelo pure qui, maledetti!!!) e tante altre cose.. però oh, ci stanno lavorando.


Io non sono "particolarmente intristito", ho altri giochi a cui giocare e di riprendere mano a diablo 3 a settembre, magari quando avranno aggiunto e bilanciato il pvp, perché no.
tribalspirit20 Luglio 2012, 13:27 #9
c'è parecchio da stare intristiti con una beta pagata 46 euro (e che io l'ho trovato a buon prezzo, molto pazzi lo hanno preso a 60€ secchi)
inoltre credo che a nessuno piace sentirsi come mucche da mungere perchè questa è l'attuale situazione

a loro favore c'è il fatto che hanno ammesso lo stato di incompletezza del gioco
a loro sfavore è che tutto sembra fatto apposta per spillare soldi con l'asta a soldi reale

chiaro che passerò ad altro, ma un fail simile non accade tutti i giorni
The_Real_Poddighe20 Luglio 2012, 13:35 #10
Originariamente inviato da: Ther0
Eppure Starcraft all'inizio (in multiplayer) era sbilanciatissimo, l'hanno patchato per quanto 10 anni per renderlo perfetto e a misura di tutti i giocatori ?


Non è vero, la più importante patch di balance per BW è uscita esattamente 2 anni e mezzo dopo l'espansione ed è la 1.8.
Blizzard sta floppando parecchio ultimamente, Diablo III a quanto pare fa ridere, Starcraft II si salva solo il multyplayer 1v1 il resto fa ridere, Battle.net 2.0 fa straridere (ed è up da due anni suonati), Myst of Pandarian ha tutte le carte in regola per fare ridere i pagliacci...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^