Dear Esther arriverà anche su console nel corso del 2016

Dear Esther arriverà anche su console nel corso del 2016

Dopo l'esordio avvenuto su PC nel 2012, The Chinese Room e Curve Digital hanno confermato che l'opera giungerà anche su PlayStation 4 e Xbox One.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 09:01 nel canale Videogames
 

The Chinese Room e Curve Digital hanno confermato che Dear Esther, originariamente pubblicato su PC nel 2012, arriverà anche su PlayStation 4 e Xbox One nel corso dei mesi estivi.

Il titolo è da considerarsi il prequel spirituale di Everybody’s Gone To The Rapture, singolare esperienza in prima persona lanciata nell’estate dello scorso anno. Parliamo di un'avventura dal gameplay minimale, fortemente incentrata sulla narrazione e nella quale i giocatori devono esplorare una remota isola nell’arcipelago scozzese delle Ebridi, cercando di ricostruire la catena di eventi che ha spinto la moglie del protagonista verso la morte.

Nome immagine

Le versioni console conterranno una nuova modalità di gioco, grazie alla quale sarà possibile consultare un commentario realizzato dal game director. Al fine di migliorare la resa del gioco agli occhi del pubblico console sono state inoltre introdotte alcune modifiche al comparto grafico e al sistema di controllo.

“Abbiamo sempre saputo che Dear Esther avrebbe proseguito la propria avventura, e siamo lieti di aver scritto questa storia con la collaborazione di Curve Digital”, ha dichiarato Dan Pinchbeck di The Chinese Room. "Dear Esther è un titolo estremamente importante per noi, pertanto è una buona cosa sapere che è in mani capaci. Siamo impazienti di vedere le reazioni dei giocatori PlayStation 4 e Xbox One.”

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Madcrix07 Aprile 2016, 12:19 #1
Anche i consolari devono soffrire, giusto che tocchi pure a loro avere a che fare con questo gioco... anche se magari hanno sentito di che si tratta e magari a differenza di noi, schivano il proiettile.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^