Crytek si sposta su free-to-play e tecnologia mobile

Crytek si sposta su free-to-play e tecnologia mobile

Il modo di distribuire i prodotti tecnologici sta cambiando, secondo Carl Jones di Crytek, soprattutto in considerazione dell'emergere del mercato dei giochi free-to-play.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:05 nel canale Videogames
 

"Il modo di distribuire i prodotti tecnologici sta cambiando", ha detto Carl Jones, il direttore della divisione global business development per CryEngine, a Edge. "Quando sviluppi giochi meno complessi, solitamente sei obbligato a fornire nuovi contenuti periodicamente per tutti il ciclo vitale del prodotto".

Warface

"Se hai come obiettivo quello di rilasciare nuovi contenuti su base settimanale, che è molto spesso necessario per i giochi free-to-play, mobile o casual, la pipeline di sviluppo deve essere molto rapida e robusta. Crytek si sta concentrando pienamente su questo aspetto".

Crytek sta collaborando con MindArk per il suo free-to-play Entropia Universe, che sarà basato su tecnologia CryEngine, mentre sta sviluppando internamente lo shooter Warface, costruito intorno proprio al modello di business free-to-play.

Warface comprende un universo di gioco PvE, in cui si acquisisce esperienza uccidendo i nemici gestiti dall'intelligenza artificiale. Ci sono missioni da affrontare in cooperazione, e ogni giocatore può scegliere la propria classe di appartenenza. Si può anche giocare in PvP, affrontando altri giocatori. È sviluppato con CryEngine 3.

"Naturalmente non arrestiamo lo sviluppo dei nostri strumenti più avanzati", riprende Jones. "Ci sono dei grandi studio che continuano a produrre giochi consistenti, sostenuti da tecnologia di ultima generazione, ma alla fine sono costretti a chiudere perché i costi per fare questo tipo di giochi sono troppo alti. Ormai tutto questo è insostenibile, fatta eccezione per un piccolo numero di giochi all'anno".

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tacito7721 Dicembre 2011, 12:11 #1
Cavolo da Crysis a angry birds, che bel passo avanti!
Aenil21 Dicembre 2011, 12:47 #2
Originariamente inviato da: tacito77
Cavolo da Crysis a angry birds, che bel passo avanti!


e dire che erano partiti bene con far cry ed il primo crysis.. vabbè amen basta non comprare più i loro prodotti e lasciarla in balia dei casual gamers

certo che angry birds con il cryengine dovrebbe spaccare
Giustaf21 Dicembre 2011, 13:05 #3
Originariamente inviato da: Aenil
e dire che erano partiti bene con far cry ed il primo crysis.. vabbè amen basta non comprare più i loro prodotti e lasciarla in balia dei casual gamers

certo che angry birds con il cryengine dovrebbe spaccare


da me non avranno più un euro!
ice_v21 Dicembre 2011, 13:13 #4
Originariamente inviato da: Giustaf
da me non avranno più un euro!


idem!
Elnotaro21 Dicembre 2011, 13:16 #5
La Crytek era partita con un certo target e ora vuole dirigersi dalla parte esattamente opposta. Lo stesso errore che ha fatto Square Enix con FFXIII e che si appresta a fare Acer, da sempre sinonimo di prodotti a buon mercato, nel tentativo di inseguire Apple nel mercato del lusso. Queste aziende, secondo me, non avranno vita lunga.
קñåkê×21 Dicembre 2011, 13:31 #6
l'inizio della fine, alla fine il male ha trionfato, ma io non cederò al lato oscuro, nessuno mi vedrà mai giocare con un iphone a crysis3, MAI!
gaxel21 Dicembre 2011, 17:53 #7
Originariamente inviato da: ×
l'inizio della fine, alla fine il male ha trionfato, ma io non cederò al lato oscuro, nessuno mi vedrà mai giocare con un iphone a crysis3, MAI!


Infatti non dovrai mai giocarci... loro han deciso di fare giochi free2play perché è un modello più economico e redditizio, ma continueranno a sviluppare la loro tecnologia da vendere a chi ha i soldi e le capacità di sviluppare certe tipologie di giochi.

Il futuro poi non sarà Crysis 3 su iPhone, ma Crysis 3 su qualunque piattaforma, intercambiabile... nel senso che ci giochi sul PC, poi accendi la console e ti ritrovi la partita dove l'avevi lasciata, poi accendi il cellulare e idem... chiaramente, il gioco lo compri solo una volta (come succede ora con Steam) e viene downgradato visivamente e modificato come interfaccia e sistema di controllo, in base al device.

Vorrei ricordare che Microsoft sta creando un unico sistema di furizione/sviluppo, basato su interfaccia Metro, che girerà su diversi dispositivi, il tutto integrato nell'account Live e col Cloud i SkyDrive... in pratica Metro è studiato per essere utilizzabile dal pad, da mouse e tastiera, da uno schermo multitouch o da Kinect, indifferentemente... quindi uno sviluppatore farà un app Metro e potrà portarla su Windows 8, Windows Phone e Xbox360 senza fare modifiche, e quello che l'utente memorizzerà, se lo ritroverà su un altro dispositivo grazie a SkyDrive.

Anche i giochi probabilmente andranno questa direzione...
DarthFeder21 Dicembre 2011, 18:15 #8
Il lato positivo della cosa è che se si lanceranno su questo tipo di mercato almeno la smetteranno di parlare come se fossero i salvatori del gaming su pc
gaxel21 Dicembre 2011, 18:25 #9
Originariamente inviato da: DarthFeder
Il lato positivo della cosa è che se si lanceranno su questo tipo di mercato almeno la smetteranno di parlare come se fossero i salvatori del gaming su pc


Anche

Va bè che a me non è piaciuto Far Cry, Crysis l'ho trovato noioso, così come Warhead, e Crysis 2 devo ancora iniziarlo... però, se dovessi indicare qualche "salvatore" del gaming su PC direi Steam, quindi Valve.
tbs21 Dicembre 2011, 18:26 #10
Originariamente inviato da: gaxel
Il futuro poi non sarà Crysis 3 su iPhone, ma Crysis 3 su qualunque piattaforma, intercambiabile... nel senso che ci giochi sul PC, poi accendi la console e ti ritrovi la partita dove l'avevi lasciata, poi accendi il cellulare e idem... chiaramente, il gioco lo compri solo una volta (come succede ora con Steam) e viene downgradato visivamente e modificato come interfaccia e sistema di controllo, in base al device.


Sei sicuro che i giochi verrebbero downgradati per girare sui dispositivi "inferiori"?
O meglio, resterebbe qualcosa da downgradare?

Se il rapporto fosse 1 pc ogni 10 cellulari, non credo che perderebbero troppo tempo a pompare graficamente un titolo che deve girare in prevalenza su piattaforme con hw inferiore a quello del pc.
Si sono buttati sul f2p perchè è effettivamente più redditizio, anche perchè raggiunge la quasi totalità dei pc, data la minore richiesta di potenza grafica di questi giochini. Quindi scordiamoci già da ora che possano continuare a guidare il progresso dei motori grafici.

Originariamente inviato da: DarthFeder
Il lato positivo della cosa è che se si lanceranno su questo tipo di mercato almeno la smetteranno di parlare come se fossero i salvatori del gaming su pc


Quotone.
Che sviluppino dove gli pare, la qualità resta su pc; e non aumenta in proporzione ai miglioramenti grafici.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^