Crytek fa finalmente chiarezza sulla sua salute finanziaria

Crytek fa finalmente chiarezza sulla sua salute finanziaria

Fino a oggi, l'azienda con sede a Francoforte si è rifiutata di riconoscere la verità dei report sulle sue difficoltà finanziarie.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:31 nel canale Videogames
 

Lo studio tedesco, che è responsabile dei giochi della serie Crysis oltre che degli strumenti di sviluppo CryEngine, si è ritrovato al centro di una serie di speculazioni sulla sua salute finanziaria. Adesso, ammette di stare attraversando una "fase di transizione" e di aver ricevuto un finanziamento da una società esterna.

Crysis

Per il momento, però, non vengono comunicati i dettagli sul finanziamento, né la sua entità né da quale gruppo proviene. "Nelle ultime settimane si sono diffuse diverse voci sui problemi finanziari di Crytek", si legge nel comunicato ufficiale. "Avendo già informato il nostro staff circa la situazione, siamo ora in grado di condividere i particolari con la stampa e il pubblico".

"Internamente, abbiamo riconosciuto di non aver informato per tempo e nella maniera opportuna i nostri dipendenti, ma speriamo che si comprenda che non è facile comunicare certi dettagli pubblicamente".

"Così come l'industria dei videogiochi nel suo complesso, Crytek si trova in una fase di transizione. La nostra evoluzione da studio di sviluppo tradizionale a publisher online ci ha richiesto una rifocalizzazione delle risorse. Tutto questo ci ha indotto ad aumentare il capitale a disposizione".

"Ora possiamo concentrarci sulla direzione strategica a lungo termine di Crytek e sulle nostre competenze di base. Chiediamo gentilmente la vostra comprensione, anche se non rilasceremo pubblicamente altri dettagli".

"In definitiva, a livello di organizzazione, capitalizzazione, portafoglio e tecnologie, abbiamo gettato le basi per garantire il futuro di Crytek, non solo nel breve periodo, ma anche nel lungo".

I rumor sulle difficoltà finanziarie di Crytek hanno iniziato a circolare nello scorso giugno. Si era detto che la software house tedesca avesse difficoltà a retribuire i suoi dipendenti e che fosse stata costretta a cancellare il progetto Ryse 2. Pare, inoltre, che alcuni dipendenti di Crytek UK, al lavoro su Homefront The Revolution, abbiano lasciato l'azienda.

In un primo momento, Crytek aveva negato di trovarsi in una situazione finanziaria instabile.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier220428 Luglio 2014, 17:28 #1
[B][U]Adesso, ammette di stare attraversando una "fase di transizione" e di aver ricevuto un finanziamento da una società esterna.[/U][/B]

..sento odore di Merkel e aiuti di stato...
moicano6829 Luglio 2014, 15:50 #2
e quale sarebbe il futuro ?? i giochini casual e tablet? ben gli
stà ai fratelly yerly..avete voltato le spalle al PC e consolizzato e rovinato Crysis, mo ciucciate!!
aled197429 Luglio 2014, 18:06 #3
Originariamente inviato da: Pier2204
..sento odore di Merkel e aiuti di stato...


beh sarebbe peggio se l'odore fosse quello di Activision o di EA, no? Anche perchè si parla di "società esterna"

ciao ciao
Boscagoo05 Agosto 2014, 14:41 #4
Crysis su consolle ha rovinato questa società...mi dispiace dirlo ma è così.
Sealea05 Agosto 2014, 15:25 #5
Originariamente inviato da: Boscagoo
Crysis su consolle ha rovinato questa società...mi dispiace dirlo ma è così.


bha... il 3 in se è uno schifo... indipendentemente da console o pc... ci hanno messo del loro, diciamo...
Pier220405 Agosto 2014, 15:49 #6
Originariamente inviato da: aled1974
beh sarebbe peggio se l'odore fosse quello di Activision o di EA, no? Anche perchè si parla di "società esterna"

ciao ciao


Società esterna vuol dire investimenti privati e va bene, gli aiuti di stato che tanto osteggia il signor Tedesco Shultz e che nello statuto della UE sono vietati, in particolare quando si parla di Italia, valgono anche per i crucchi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^