Criterion: basta con i giochi di guida

Criterion: basta con i giochi di guida

Criterion Games smentisce le voci che la volevano al lavoro sul remake di Need for Speed Underground. Anzi, si sposterà su un genere di gioco completamente diverso.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Videogames
 

Il boss di Criterion Games, Alex Ward, ha fatto sapere che il suo studio lavorerà su qualcosa di completamente diverso da un gioco di guida, genere sul quale il team che ha ideato Burnout si è specializzato nel corso degli anni. Criterion ha innanzitutto smentito le voci sul remake di Need for Speed Undeground, che erano state alimentate dalla diffusione sulla rete di un logo sospetto.

Need for Speed Most Wanted

Il nuovo Underground avrebbe ripreso lo scenario di Bayview e si sarebbe focalizzato sul tuning delle auto. Ma lo stesso Ward ha smentito tutto con questo tweet.

Poi ha continuato a rivelare informazioni sul futuro di Criterion, sempre su Twitter, facendo sapere che la software house di Burnout abbandonerà il genere dei giochi di guida, che ne ha decretato il successo insieme alla piattaforma RenderWare, di cui è diretta responsabile.

"Alcuni giocatori sono eternamente delusi. Non c'è niente che noi possiamo fare a riguardo. Riceviamo tanti tweet con cui si chiede un nuovo Burnout. Altrettanto numerosi tweet che invece chiedono un nuovo Need for Speed. Alcuni chiedono anche Road Rash. Amiamo tutti questi giochi, ma personalmente non sto lavorando su nessuno di essi".

"Dopo un decennio in cui ci siamo occupati esclusivamente di giochi di corse è arrivato il momento di fare qualcosa di nuovo", scrive ancora Ward. "Abbiamo iniziato da poco quindi non abbiamo ancora niente da annunciare e niente su cui vale la pena parlare".

Ward ha poi ringraziato i fan per il loro sostegno e ha spiegato di essere orgoglioso della serie Burnout. "Quando sentiremo che sarà il momento giusto, ne faremo un altro. Siamo persone creative".

Al momento non è dato conoscere i dettagli sul nuovo progetto di Criterion, ma Ward ha promesso ai suoi fan che non rimarranno delusi e che dettagli concresti saranno disponibili a breve.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lino P16 Aprile 2013, 11:20 #1
finalmente lo hanno capito. Sia lodato il celo.
Therock270916 Aprile 2013, 11:27 #2
BELLA notizia!!
gd350turbo16 Aprile 2013, 11:30 #3
Quoto in pieno...

Se dovete rovinare anche underground, Potete andare a coltivare la terra, farete più bella figura !
Phenomenale16 Aprile 2013, 11:35 #4
Meno male !!!
Lino P16 Aprile 2013, 11:43 #5
Originariamente inviato da: Therock2709
BELLA notizia!!


Originariamente inviato da: gd350turbo
Quoto in pieno...

Se dovete rovinare anche underground, Potete andare a coltivare la terra, farete più bella figura !


Originariamente inviato da: Phenomenale
Meno male !!!


Opossum2716 Aprile 2013, 14:18 #6
perchè, quelli che hanno fatto erano pure giochi di guida?
Lino P16 Aprile 2013, 14:27 #7
Originariamente inviato da: Opossum27
perchè, quelli che hanno fatto erano pure giochi di guida?


giochi no, ma giocuncoli si. Tutto sta nella giusta misura, per molti di essi bastava un lancio a max 20 euro al day one per renderli appetibili.
NOn dico che fossero scarti videoludici, bastava solo proporli al prezzo giusto.
Del resto un gioco non maxabile al day one con una piattaforma da 2500 euro, e con una grafica di 7 anni fa com mw2, è imho un gioco incompleto, ergo non puoi venderlo a 50 euro.
futu|2e16 Aprile 2013, 14:52 #8
Finally, a good news.
jackslater16 Aprile 2013, 16:03 #9
Ottimo!


Se proprio devono tornino a fare Burnout, e lascino perdere Underground e la serie Nfs.

E speriamo lo lasci perdere anche EA, che con il suo attuale andazzo tirerebbe fuori un'altra schifezza ingiocabile.
Defragg17 Aprile 2013, 02:31 #10
Black 2, ora.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^