Come i videogiochi migliorano l'intelligenza e altre abilità

Come i videogiochi migliorano l'intelligenza e altre abilità

Sono ormai diversi gli studi che confermano come i videogiochi migliorino le capacità delle persone anche nella vita reale. Eccone una rassegna.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:10 nel canale Videogames
 

Molti videogiochi sono progettati anche in maniera tale da comportare benefici educativi e fisici per i loro giocatori. Le azioni ripetitive, infatti, aiutano il cervello e i muscoli a svolgere meglio le attività, anche nella vita reale. Ormai diversi studi hanno confermato la concretezza di questi benefici.

Ad esempio, gli scienziati dell'Università di Rochester hanno dimostrato che i giochi d'azione aiutano a prendere le decisioni più rapidamente. Nello studio, infatti, coloro che hanno giocato Call of Duty 2 e Unreal Tournament si sono rivelati più veloci del 25% nel prendere decisioni rispetto a coloro che giocavano The Sims 2.

I videogiochi, poi, danno alle persone un maggior controllo sui sogni, riducendo gli incubi. È l'esito di una ricerca realizzata dalla Grant MacEwan University in Canada, descritta da LiveScience. Secondo i ricercatori, i giocatori sarebbero sognatori lucidi grazie ai continui contatti con le realtà alternative e alla loro manipolazione.

E, ancora, i giochi di strategia che richiedono molto ragionamento possono allenare a pensare prima di prendere le decisioni, e a comportarsi quindi con cognizione di causa. "I videogiochi introducono delle idee e delle riflessioni che possono essere poi sviluppate attraverso una conversazione riflessiva con gli altri", ha detto in proposito Scot Osterweil, direttore creativo del programma Education Arcade del MIT.

Sempre l'Università di Rochester ha dimostrato come i videogiochi migliorano la vista, rendendo i giocatori più sensibili alle diverse tonalità di colore, incrementando la sensibilità spettrale dell'occhio. Secondo la ricerca, coloro che hanno giocato titoli d'azione sono stati più abili a percepire le lievi differenze di contrasto, con risultati superiori del 58% rispetto a coloro che hanno giocato titoli strategici.

Uno studio pubblicato da Nature dimostra come un videogioco possa aiutare le persone anziane, in questo caso aumentare le loro abilità multi-tasking, oltre che la memoria a lungo e a breve termine. Diretto dal neuroscienziato Adam Gazzaley della University of California, lo studio ha dimostrato che il videogioco chiamato NeuroRacer non solo può aiutare gli anziani nelle loro attività multi-tasking, ma anche che gli effetti permangono a distanza di sei mesi e oltre. Lo studio dimostra che le attività cerebrali si modificano insieme al miglioramento delle abilità cognitive.

Secondo altri studi i chirurghi che hanno giocato con Nintendo Wii e il suo famoso telecomando hanno acquisito maggiori abilità nella cosiddetta chirurgia laparoscopica, una procedura che prevede l'inserimento di un sottile tubo con una telecamera all'interno dell'addome, in opposizione all'apertura della parete. Lo studio, pubblicato sulla rivista PLOS One, ha evidenziato come i medici che avevano dedicato un mese ai giochi Wii Tennis, Wii Table Tennis e High Altitude Battle avessero ottenuto risultati migliori nella coordinazione occhio-mano e nella precisione dei movimenti.

Un altro studio pubblicato dalla rivista Current Biology ha rilevato che i videogiochi d'azione aiutano i bambini affetti da dislessia a leggere più velocemente e con maggiore precisione. Dopo aver giocato per 12 ore, questi bambini leggevano più velocemente, senza commettere errori. Migliorando la loro capacità di attenzione, infatti, i videogiochi miglioravano anche la loro abilità nella lettura.

C'è anche uno studio della Deakin University che dimostra come le abilità motorie dei bambini che giocano a prodotti digitali diventino superiori rispetto a quelle dei bambini giocano in maniera tradizionale. Gli scienziati hanno dedotto che in questo caso i giochi digitali miglioravano la coordinazione occhio-mano.

I videogiochi, quindi, non hanno un mero scopo di intrattenimento. Possono anche "aiutare a risolvere sfide educative e scientifiche", ha detto il fisico dell'Università di Stanford Ingmar H. Riedel-Kruse, che ha usato un videogioco per spiegare ai suoi studenti alcuni processi biologici. Il gioco riproduceva una piccola scatola ripiena d'acqua al cui interno era stato collocato un organismo unicellulare, mentre i giocatori dovevano interagire con i parameci presenti nell'acqua attraverso i loro controller. "Individuare le strategie vincenti all'interno del videogioco motivava gli studenti a discutere e comprendere i fenomeni osservati", concludeva il professore, secondo quanto riportato da Lab on a Chip.

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
il_joe21 Settembre 2015, 16:45 #1
"Come i videogiochi migliorano l'intelligenza..." leggendo certe inutili diatribe su questo forum, direi proprio di no....
Madcrix21 Settembre 2015, 17:25 #2
Di norma queste ricerche hanno lo stesso spessore e la stessa valenza di quelle diametralmente opposte, che invece parlano di quanto male fanno i videogiochi.


Il tutto si riduce ad un nulla cosmico che produce click di plauso una volta e click d'indignazione l'altra.
Ci volevano i media di nuovo millennio per trasformare l'aria fritta in moneta sonante.
bobby1021 Settembre 2015, 18:24 #3
ma poi forse i vecchi giochi del passato , quando la grafica non contava ma avevano un certo spessore, magari miglioravano qualche capacità ma gli attuali rimbambiscono solo.

Da quando non passo più ore e ore da solo davanti ai videogiochi la qualità della mia vita è migliorata parecchio.
gioiafilippo21 Settembre 2015, 18:29 #4
I videogiochi:

- migliorano i profitti delle multinazionali che li producono
- peggiorano la vista e di molto anche (ne sono stato io l'esempio)
- rendono stupidi e passivi
- rendono asociali e aspergeriani
- sottraggono tempo prezioso ad altre attività più redditizie come coltivare amicizie, relazioni sentimentali o sessuali
- producono dipendenza e alienazione dalla vita reale
- provocano un calo del desiderio (ne sono stato io l'esempio)
- sono un cospicuo ed improduttivo investimento economico nel tempo.

Uscite, uscite, uscite...andate a conoscere gente, spegnete quei maledetti giochini e quando uscite spegnete smartphones e tablet. Parlate con la gente e guardatela negli occhi, sorridete, siate vivi.
pWi21 Settembre 2015, 18:47 #5
Originariamente inviato da: il_joe
"Come i videogiochi migliorano l'intelligenza..." leggendo certe inutili diatribe su questo forum, direi proprio di no....


sono scritte da quelli che non giocano abbastanza
rattopazzo21 Settembre 2015, 18:54 #6
Originariamente inviato da: gioiafilippo
I videogiochi:

- migliorano i profitti delle multinazionali che li producono
- peggiorano la vista e di molto anche (ne sono stato io l'esempio)
- rendono stupidi e passivi
- rendono asociali e aspergeriani
- sottraggono tempo prezioso ad altre attività più redditizie come coltivare amicizie, relazioni sentimentali o sessuali
- producono dipendenza e alienazione dalla vita reale
- provocano un calo del desiderio (ne sono stato io l'esempio)
- sono un cospicuo ed improduttivo investimento economico nel tempo.

Uscite, uscite, uscite...andate a conoscere gente, spegnete quei maledetti giochini e quando uscite spegnete smartphones e tablet. Parlate con la gente e guardatela negli occhi, sorridete, siate vivi.


In effetti non è che ci vogliano degli scienziati per analizzare questi fatti
forse si potrebbe discutere solo sul calo del desiderio...non vedo cosa possa centrare con i videogiochi, forse chi gioca agli Hentai
TheDarkAngel21 Settembre 2015, 20:49 #7
Originariamente inviato da: gioiafilippo
Uscite, uscite, uscite...andate a conoscere gente, spegnete quei maledetti giochini e quando uscite spegnete smartphones e tablet. Parlate con la gente e guardatela negli occhi, sorridete, siate vivi.


Vai avanti tu che mi vien da ridere (cit lino)
gioiafilippo21 Settembre 2015, 22:46 #8
Originariamente inviato da: rattopazzo
In effetti non è che ci vogliano degli scienziati per analizzare questi fatti
forse si potrebbe discutere solo sul calo del desiderio...non vedo cosa possa centrare con i videogiochi, forse chi gioca agli Hentai


ricordo le oltre 200 ore incollato a Skyrim, abbandonai completamente la mia ragazza, non mi andava di uscire, di incontrare nessuno se non starmene incollato davanti al pc
-Maxx-21 Settembre 2015, 23:04 #9
Originariamente inviato da: pWi
sono scritte da quelli che non giocano abbastanza


Ti giuro che ho pensato la stessa cosa!

Originariamente inviato da: gioiafilippo
ricordo le oltre 200 ore incollato a Skyrim, abbandonai completamente la mia ragazza, non mi andava di uscire, di incontrare nessuno se non starmene incollato davanti al pc


Quello che sto per scrivere non lo faccio per mancarti di rispetto ma soltanto per esprimere il mio punto di vista sulla questione: penso che il problema stia in come si utilizza un determinato strumento.

La ripetizione compulsiva di un'attività non è altro che un modo per fuggire da qualcosa che ci tormenta nella vita quotidiana o un modo per smettere di pensare ad un evento particolarmente traumatico capitato nel passato e che viene rivissuto frequentemente.

Questo per dire che l'errore, secondo me, non sta nell'attività videoludica in sé ma in che maniera ci si pone.
bobby1021 Settembre 2015, 23:51 #10
Originariamente inviato da: gioiafilippo
I videogiochi:

- migliorano i profitti delle multinazionali che li producono
- peggiorano la vista e di molto anche (ne sono stato io l'esempio)
- rendono stupidi e passivi
- rendono asociali e aspergeriani
- sottraggono tempo prezioso ad altre attività più redditizie come coltivare amicizie, relazioni sentimentali o sessuali
- producono dipendenza e alienazione dalla vita reale
- provocano un calo del desiderio (ne sono stato io l'esempio)
- sono un cospicuo ed improduttivo investimento economico nel tempo.

Uscite, uscite, uscite...andate a conoscere gente, spegnete quei maledetti giochini e quando uscite spegnete smartphones e tablet. Parlate con la gente e guardatela negli occhi, sorridete, siate vivi.


il che detto in forum come questo è un sacrilegio.
Già intravedo un polverone di nerd in lontananza...

Scherzi a parte condivido e spero non le hai passate tutte.

Molto vero il fatto che stare parecchie ore davanti al pc significa sottrarre tempo ad altre cose/persone/attività. Tremendo quanto tempo sprecato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^