Come i bot di Unreal Tournament hanno superato il test di Turing

Come i bot di Unreal Tournament hanno superato il test di Turing

Dei bot preparati per l'occasione, durante la competizione BotPrize Unreal Tournament, sono riusciti a convincere i loro avversari in carne ed ossa di essere umani.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:02 nel canale Videogames
 

Se un bot non fosse più riconoscibile come struttura basata su intelligenza artificiale e invece avesse un comportamento scambiabile per quello di un essere umano, potrebbe essere considerato intelligente? Avrebbe superato il test di Turing, proprio perché capace di imitare il comportamento umano?

È quello che si sono chiesti un professore dell'Università del Texas e due studenti che fanno il dottorato di ricerca, i quali hanno realizzato un bot per Unreal Tournament in maniera specifica per essere scambiato per essere umano. Il bot è stato utilizzato nella competizione BotPrize Unreal Tournament, dove ha partecipato a delle sessioni di gioco insieme ad altri giocatori in carne ed ossa.

Il modo migliore per raggiungere l'obiettivo di far scambiare per essere umano un bot a un essere umano è far sì che il bot imiti in tutto e per tutto i comportamenti dell'uomo. Nel video qui sotto uno dei giudici della competizione, “Miguel”, combatte con il bot allestito dal team universitario, “Ty”. Quest'ultimo ripete fedelmente i movimenti del primo, fino a fraggarlo.

Nel round finale del torneo quattro esseri umani hanno sfidato quattro bot, ma nel match c'erano altri sei bot che cercavano di mascherarsi da esseri umani. Oltre alle armi tradizionali, ciascun personaggio disponeva di una "judging gun" attraverso la quale poteva valutare se lo sfidante era un essere umano o un bot. Due dei combattenti digitali, alla fine della sessione di gioco, hanno ottenuto un "human rating" del 52%, un risultato superiore a quello ottenuto dagli altri giocatori in carne ed ossa. Insomma, questi due bot sono apparsi più umani degli umani.

Alan Turing nel 1950 non poteva certamente prevedere tali sviluppi nell'applicazione dell'intelligenza artificiale nel campo dell'intrattenimento elettronico. Benché il suo test fosse largamente teorico, questi bot hanno dimostrato sul campo di essere basati su una sofisticata intelligenza artificiale.

Risto Miikkulainen, docente dell'Università del Texas, e due suoi studenti, Jacob Schrum e Igor Karpov, hanno creato uno dei due bot che hanno vinto il BotPrize, UT^2. Il team universitario ha considerato la competizione come "un test di Turing per i game bots". Possono considerare, dunque, il test superato?

Per capirlo dobbiamo fare un passo indietro, e vedere in cosa consiste il test di Turing, che ricordiamo essere stato formulato nel 1950 (anche se era già stato teorizzato addirittura da Cartesio nel Discorso sul metodo del 1637).

Turing parla di "gioco dell'imitazione" e prevede la compartecipazione di tre soggetti: un uomo A, una donna B e un terzo soggetto C. Quest'ultimo, lontano dagli altri due, attraverso una serie di domande deve individuare qual è l'uomo e qual è la donna. Nel processo, A deve ingannare C, mentre B deve aiutarlo. Le risposte alle domande di C devono essere dattiloscritte, in modo da non fornirgli aiuti.

Nel test di Turing, il matematico inglese presuppone che una macchina si sostituisca ad A. Se la percentuale di volte in cui C indovina chi sia l'uomo e chi la donna è simile prima e dopo la sostituzione di A con la macchina, allora la macchina stessa dovrebbe essere considerata intelligente, perché il suo comportamento risulterebbe dunque indistinguibile da quello dell'uomo.

"È mia opionione che fra 50 anni sarà possibile programmare i computer con una capacità di memorizzazione di 10^9 e questo consentirà loro di partecipare al gioco dell'imitazione così bene che un interrogante medio non avrà più del 70 per cento di probabilità di distinguere tra uomo e macchina dopo 5 minuti dal momento in cui ha iniziato a fare le domande", scriveva Turing nel 1950.

Diceva anche che entro il 2000 si sarebbe potuto parlare di "macchine pensanti". Siamo in ritardo di 12 anni, ma abbiamo superato finalmente il test di Turing, sostiene Miikkulainen. "Fino a qualche anno fa il tipo di potenza di calcolo necessario a vincere il BotPrize non era disponibile", conclude il docente.

Se l'obiettivo, dunque, è ingannare l'interrogante, o il giocatore in questo caso, ad accettare una costruzione artificiale come reale, allora UT^2 ha superato il test di Turing.

Miikkulainen e il suo team hanno impiegato 5 anni per programmare UT^2, durante i quali hanno diffusamente investigato la natura umana. La gente è testarda, irrazionale e inefficiente: "Gli esseri umani non sono ottimizzati come un computer", dice Miikkulainen. Mentre si gioca a uno sparatutto in prima persona, si compiono tante scelte irrazionali, soggettive e difficilmente prevedibili. Si perseguono delle vendette inutili ai fini del punteggio, si tende ad usare le armi più potenti anche quando inadeguate e si fanno molti errori.

La squadra ha quindi dovuto creare delle reti neurali per ricostruire questi comportamenti. Le reti neurali non si possono programmare, ma la loro formazione avviene attraverso un meccanismo di apprendimento, spiega Miikkulainen. I bot devono imparare, insomma, una sorta di processo di valutazione che li porti a concepire la realtà come "sopravvivenza del più forte". Il modo consueto di comportarsi di un robot è freddo perché basato su calcoli precisi, e questo ha portato i ricercatori a ridurre il numero di risorse a disposizione dei bot.

Quando i tre hanno dato avvio ai loro test, i bot ottenevano un "human rating" tra 20 e 25, mentre al BotPrize è stato raggiunto il ragguardevole risultato di 52. Ce l'ha fatta UT^2, ma anche Mirrorbot, un altro bot realizzato con un procedimento simile, ha raggiunto il punteggio di 52.

Come è stato colmato il gap tra i 20 e i 52 punti? UT^2 non è in grado di imparare da altri comportamenti, e non riesce a improvvisare. "La rete neurale non è infinitamente adattabile, e ci vuole un po' di tempo per modificarla", spiega Miikkulainen. Piuttosto si può dire che "evolve". UT^2 si avvale, invece, di una semplice strategia: piuttosto che cercare l'approccio ottimale per ogni specifica situazione, imita le azioni dei suoi avversari.

Con questa scorciatoia, gli universitari sono riusciti a imitare i limiti umani e a consentire al bot di raggiungere l'obiettivo di superare il test di Turing. Riuscendo a imitare perfettamente il comportamento di un essere umano, UT^2 ha onorato lo spirito del test di Turing, al punto di essere indistinguibile da un essere umano in una situazione caotica come lo può essere un match multiplayer a Unreal Tournament. Per questi motivi costituisce un primo passo importante per lo sviluppo di sofisticati sistemi di intelligenza artificiale.

Il codice sorgente su cui è costruito UT^2 è disponibile liberamente a questo indirizzo.

Fonte: GamesBeat

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TENMA.SAN22 Ottobre 2012, 16:38 #1
OK ADESSO VOGLIO UT4
TENMA.SAN22 Ottobre 2012, 16:38 #2
E CHIARAMENTE IL SINGLE CON QUESTI BOT ^^
TecnologY22 Ottobre 2012, 16:45 #3
canne ed ossa


saranno anche apparsi umani, ma non lo sono, e non sono neanche artificialmente intelligenti (ancora per poco).... però è un buon risultato
NighTGhosT22 Ottobre 2012, 16:55 #4
Originariamente inviato da: TecnologY
canne ed ossa


saranno anche apparsi umani, ma non lo sono, e non sono neanche artificialmente intelligenti (ancora per poco).... però è un buon risultato


Se all'ennesimo HS subito non si mettono a whinare e spammare "cheaterrr!!!" in chat.....allora sono dei bot.
TecnologY22 Ottobre 2012, 17:07 #5
Originariamente inviato da: NighTGhosT
Se all'ennesimo HS subito non si mettono a whinare e spammare "cheaterrr!!!" in chat.....allora sono dei bot.


già ci vuol poco.... ahaha vero

però quei maledetti hanno l'aimbot se vogliono, ci fregano....
in quel caso noi spammeremmo nella chat e se loro non ci scrivessero di risposta: "STFU NOOB" allora capiremmo che sono sempre dei dannati bot
TheZioFede22 Ottobre 2012, 17:15 #6
Originariamente inviato da: TENMA.SAN
OK ADESSO VOGLIO UT4


Dubito che uscirà un ut4 a breve...il fatto è che anche ut2004 si sta spopolando

Originariamente inviato da: NighTGhosT
Se all'ennesimo HS subito non si mettono a whinare e spammare "cheaterrr!!!" in chat.....allora sono dei bot.


Beh mi è capitato di entrare in un server dove c'erano dei bot che "parlavano"...ci avrò messo tipo 5 minuti a capire che non erano umani , visto che avevano dei ping falsi invece del classico 0 per i bot normali
banryu7922 Ottobre 2012, 17:46 #7
Originariamente inviato da: TheZioFede
Beh mi è capitato di entrare in un server dove c'erano dei bot che "parlavano"...ci avrò messo tipo 5 minuti a capire che non erano umani , visto che avevano dei ping falsi invece del classico 0 per i bot normali

Che io sappia, botnet "chiaccherone" (tipo quelle per IRC) anche molto complesse esistono da anni... Però mi pare di aver capito che qui il test di Turing ha riguardato esclusivamente la performance in termini di meccaniche di gioco.

Sono andato a dare un'occhiata ai javadoc delle Progamut API... c'è un lavoro molto ampio dietro (intendo già solo per interfacciarsi ai server di UTurnament, non ho visto il codice del bot). Comunque ho letto che il bot è implementato come una rete neurale.
JackZR22 Ottobre 2012, 18:11 #8
Spero vivamente che in UT4 sfruttino questi studi, è odioso giocare contro dei bot freddi e precisi come delle macchine.
TheZioFede22 Ottobre 2012, 19:35 #9
Boh secondo me ha poco senso giocare ad un gioco con Unreal Tournament in single player.
sbudellaman22 Ottobre 2012, 19:44 #10
Originariamente inviato da: TheZioFede
Boh secondo me ha poco senso giocare ad un gioco con Unreal Tournament in single player.


sono d'accordo. Io direi che questa IA possa essere interessante in altri giochi single player dove la storia è essenziale ed i bot fanno da contorno. In multyplayer invece... bah, io appena trovo un server coi bot me ne esco. Forse per le COOP, che però non so se ci siano in UT, e comunque in generale non le gradisco.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^