Chartboost Kiosk: nuove opportunità di guadagno per gli sviluppatori di giochi mobile

Chartboost Kiosk: nuove opportunità di guadagno per gli sviluppatori di giochi mobile

La piattaforma di Chartboost consente di raggiungere più giocatori e generare più introiti senza la necessità di far parte di un tradizionale network pubblicitario.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 12:29 nel canale Videogames
 

Chartboost ha annunciato un'espansione della sua piattaforma Kiosk. Questo sistema consente ai piccoli sviluppatori di mobile game di sfruttare i budget pubblicitari di grandi produttori del settore come Gree, Booyah, Kabam e CrowdStar. Questi quattro publisher entrano a far parte del sistema con l'attuale espansione.

Chartboost Kiosk

"Dopo aver lanciato la prima versione del nostro programma Kiosk con Pocket Gems a marzo e TinyCo a luglio, siamo entusiasti di espandere la piattaforma con quattro nuovi partner", ha detto Maria Alegre, CEO di Chartboost. "Kiosk offre agli sviluppatori di videogiochi un modo semplice per generare entrate pubblicitarie significative grazie all'integrazione di messaggi pubblicitari in altri giochi largamente diffusi, sostenuti da budget pubblicitari che, tra oggi e la stagione natalizia, si allargheranno fino a milioni di dollari".

L'intero sistema è pensato per venire incontro agli sviluppatori, che possono economizzare evitando di investire per entrare a far parte di reti pubblicitarie che promuovono i loro giochi. Gli sviluppatori potranno entrare in contatto con i nuovi publisher coinvolti nell'iniziativa e ottenere spazi pubblicitari all'interno dei loro giochi. Ad esempio, CrowdStar, specializzata in giochi mobile per ragazze, potrà decidere di pubblicizzare all'interno dei propri giochi un titolo indipendente che condivide lo stesso tipo di target dei suoi prodotti.

CrowdStar, così come gli altri publisher coinvolti, mette a disposizione una certa quantità di denaro in base al numero di download dei prori giochi che la condivisione pubblicitaria consentirà di avere. I produttori più grandi, quindi, da una parte supportano i piccoli progetti, dall'altra attirano l'utenza di questi ultimi sui giochi del loro portfolio.

Ognuno di questi grandi editori dispone di budget multimilionari per le loro campagne pubblicitarie, ha detto la Alegre, che lavora nella sede di San Francisco di Chartboost, a GamesBeat. Parte di questi investimenti saranno riversati in Kiosk. Chartboost poi si occuperà di mettere in contatto i piccoli sviluppatori con i grandi produttori, garantendo ricavi per i primi. "I publisher amano la possibilità di raggiungere gli utenti che giocano con i titoli dei piccoli sviluppatori perché probabilmente apprezzeranno anche i loro giochi", dice la Alegre. "Noi diamo più libertà e più controllo agli sviluppatori sul processo di generazione dei ricavi. La nostra piattaforma è un posto in cui gli inserzionisti possono dire ‘Hey, io ho un sacco di denaro. Chi lo vuole?’"

CrowdStar mette a disposizione dei membri del network un milione di dollari, e per ciascun sviluppatore c'è un premio massimo di 50 mila dollari se riesce a spostare una certa quantità di traffico verso i propri giochi. Kabam invece consente agli sviluppatori di guadagnare fino a 30 mila dollari nel solo mese di settembre in base al traffico che riceve. Gree invece offre $3,50 per ogni installazione dei suoi giochi di punta Zombie Jombie, Dino Life, Modern War, Crime City e Kingdom Age. Booyah offre $2 per installazione di uno fra No Zombies Allowed e MyTown2.

Chartboost gestisce un Direct Deals Marketplace con un network che consente agli sviluppatori di videogiochi di mettersi in contatto con i grandi produttori e negoziare degli accordi pubblicitari. Gli sviluppatori possono svolgere dei test su ipotetiche campagne pubblicitarie con migliaia di giochi diversi, identificare i migliori partner e trovare le migliori soluzioni per le loro offerte senza dover pagare le consuete royalties al 30% richieste dai tradizionali circuiti pubblicitari. La rete di Chartboost comprende già oltre 5 mila sviluppatori e ospita più di 3 miliardi di sessioni di gioco al mese.

Chartboost ha ottenuto un investimento da 2 milioni di dollari da una cordata composta da Translink Capital, SK Telecom Ventures e XG Ventures. È stata fondata nel 2011 e conta 28 impiegati.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^