Capcom si ridimensiona: chiuso Clover Studio

Capcom si ridimensiona: chiuso Clover Studio

Il consiglio di amministrazione di Capcom ha deciso di chiudere Clover Studios, uno dei team della società nipponica che più si è concentrato sul fattore originalità.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 14:40 nel canale Videogames
Capcom
 
La scorsa settimana è arrivato l'annuncio della chiusura di Clover Studio, team di sviluppo che faceva parte di Capcom. Ciò avviene per effetto di una decisione del consiglio di amministrazione. Oggi, la società nipponica fa sapere che perde alcuni dei membri illustri dello stesso Clover Studio.

Clover Studio fu fondato nel 2004 e ha saputo sin da subito conquistarsi una fetta importante di pubblico grazie al gioco d'azione Viewtiful Joe. Ulrimamente è stato autore dell'ottimo Okami, gioco d'avventura rilasciato nel corso del mese di settembre su PlayStation 2 che si ispira al folklore giapponese, puntando su un gameplay originale e coinvolgente.

Okami

Parlando sempre del gameplay di Okami, esso si dipana intorno ad un pennello e ai poteri magici scaturiti da esso. Durante un combattimento è possibile, ad esempio, eliminare i nemici di turno tracciando una linea o, ancora, tramite questo sistema si possono riparare oggetti o aiutare gli altri personaggi presenti nel gioco. Le immagini che vedete in questa pagina si riferiscono proprio a Okami. Questo titolo sarà disponibile in Italia nel corso del 2007, mentre è giù sul mercato in Giappone e negli Stati Uniti.

Clover Studio, inoltre, ha recentemente completato i lavori anche in relazione a God Hand, action/adventure più semplice rispetto a Okami e ugualmente destinato a PlayStation 2. La sede di Clover Studio si trova a Osaka, in Giappone, esattamente nella stessa città dove si trova il quartier generale di Capcom.

Okami

La completa dissoluzione del team avverrà nel marzo 2007, ma al momento non è noto se Clover Studio stia lavorando ad altri progetti per conto di Capcom. La chiusura del team di Okami è dovuta principalmente al periodo non proprio florido che sta attraversando Capcom. Infatti, nel 2003 furono annunciate perdite per 163 milioni di dollari e la sospensione di 18 progetti. Recentemente, tuttavia, le cose per Capcom vanno decisamente meglio (vedi il successo di Dead Rising). Semplificando molto, potremmo dire che è lo scotto di una software house che ha puntato decisamente su progetti di nuova generazione.

Con la chiusura di Clover Studio, Capcom perde, dunque, importanti esperti nello sviluppo di videogiochi innovativi. Si tratta di Atsushi Inaba (produttore di Steel Battalion e Viewtiful Joe), Shinji Mikami (creatore di Resident Evil) e Hideki Kamiya (direttore di Devil May Cry).

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Truelies16 Ottobre 2006, 15:18 #1
Ma davvero? Shinji Mikami era con i Clover Studio? Sicuri?
Truelies16 Ottobre 2006, 15:20 #2
Comunque io aspetto God Hand!!! Fan della scuola di Hokuto non perdetevelo!!!
Truelies16 Ottobre 2006, 15:23 #3
IMHO alla CAPCOM sono dei fessi se lasciano andare Shinji Mikami!!! Il creatore di Resident Evil mica un game designer qualsiasi... mmh il dubbio resta...
JohnPetrucci16 Ottobre 2006, 15:47 #4
Capcom è più facile che ci rimetta rispetto a guadagnarci da un simile taglio di personale.
Marcus Scaurus16 Ottobre 2006, 16:50 #6
Originariamente inviato da: Truelies
Ma davvero? Shinji Mikami era con i Clover Studio? Sicuri?


Io credo che nessuno vieti a Capcom di riassorbire determinato personale... Mica saranno scemi? O si?
Freisar16 Ottobre 2006, 17:06 #7
Sicuramente li riasorbiranno, specialmente lui, magari non tutti!
ProgMetal7817 Ottobre 2006, 23:47 #8
Mi spiace che la Capcom abbia preso questa decisione...poi come si fa a lasciare andare via l'ideatore di Resident Evil?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^