Cage: l'industria deve convincersi a innovare

Cage: l'industria deve convincersi a innovare

I precedenti progetti di Quantic Dream confermano la filosofia del suo leader e anche Beyond: Two Souls, annunciato in occasione dell'E3 2012, cercherà di trattare tematiche inedite per il mondo dei videogiochi.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 17:19 nel canale Videogames
 

David Cage, leader di Quantic Dream, ha ribadito che l'industria videoludica debba convincersi ad osare, a seguire la via dell'innovazione per poter trovare nuovi stimoli. Se non lo farà potrebbe infatti andare incontro ad un inesorabile declino.

"Questa industria morirà se non cerca di essere innovativa, di proporre nuove idee e dialogare un po' di più - non necessariamente in modo serio, ma su tematiche più profonde, sotto certi punti di vista", ha dichiarato il creatore di Heavy Rain a GamesIndustry.

"E' divertente poter sparare ai mostri, sarà sempre possibile farlo e avrà sempre successo, ma allo stesso tempo, non sarebbe il caso di dare possibilità di scelta alla gente? Dar loro differenti opzioni. In modo che possano trovare questa formula, se la apprezzano, ma allo stesso tempo abbiano l'opportunità di propendere per qualcosa di più profondo e interattivo".

Cage ha poi aggiunto di non essere "interessato nel realizzare solamente del software da vendere alla gente a Natale" ma di avere ambizioni completamente diverse. I precedenti progetti di Quantic Dream confermano la filosofia del suo leader e anche Beyond: Two Souls, annunciato in occasione dell'E3 2012, cercherà di trattare tematiche inedite per il mondo dei videogiochi.

"Non è il modo in cui interpreto il mio lavoro. Sono interessato a sfruttare questo medium per esprimere qualcosa e per veicolare emozioni più profonde. Penso che, se lo si può fare con i film e con le serie televisive, tutte le forme di espressione siano adatte. Ma nei giochi ci limitiamo a sparare e saltare. Non sarebbe il caso di provare qualcosa di diverso e sfruttarlo?"

"E' un medium eccezionale. E' pazzesco cosa si possa fare con questo mezzo, perché la relazione che si instaura con l'esperienza è molto differente rispetto a qualunque altra. I film si guardano in modo passivo. Si assiste a una storia, e vi viene raccontata. Ma quando vi trovate in un gioco si può raccontare la storia in prima persona, si può decidere quello che accadrà. E' possibile mettere a punto il proprio racconto, basato sulle proprie scelte e sulle decisioni di carattere morale. E' affascinante."

Cage ha poi espresso soddisfazione per Journey, l'ultima creazione di thatgamecompany, pubblicata da alcuni mesi in esclusiva per il PlayStation Network.

"Journey era fantastico. Non ha niente a che fare con ciò che sto facendo. Ma non si concentra tanto sullo storytelling quanto sulle emozioni. Si tratta di provare qualcosa di diverso."

"Credo che l'industria abbia bisogno di più titoli come Journey, perché rappresentano una ventata d'aria fresca; questo aspetto è necessario in ogni medium. Quanti sparatutto in prima persona possiamo creare all'anno? Anche da un punto di vista di business, avrebbe senso? Io non ne sarei così sicuro."

Vi ricordiamo che Beyond: Two Souls è atteso su PlayStation 3 nel 2013.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^