Bungie: Destiny avrebbe potuto essere ambientato ai giorni nostri

Bungie: Destiny avrebbe potuto essere ambientato ai giorni nostri

Il design director Joseph State spiega che la scelta è ricaduta su una mescolanza del genere fantasy e di quello sci-fi per dare più libertà al team.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 08:23 nel canale Videogames
 

Bungie ha svelato di aver riflettuto a lungo sul setting che avrebbe dovuto avere Destiny, il nuovo e ambizioso progetto annunciato nelle scorse settimane. La sceltà è infine ricaduta su un’ambientazione sci-fi, ma la realtà avrebbe potuto essere anche molto differente e collocare questo titolo in un contesto molto più simile a quello dei nostri giorni.

“Abbiamo pensato anche ad una manciata di altri generi. Abbiamo avuto una fase di pre-produzione piuttosto lunga e abbiamo esplorato qualsiasi cosa, dal fantasy a soluzioni un po’ più moderne a molte, molte altre cose”, ha dichiarato Joseph State, design director di Bungie. “Infine abbiamo ruotato intorno a questo mix di science fiction e fantasy, perché ci offriva libertà d’azione. Avete visto piccole cose come la prevalenza di tessuti nel gioco, molti personaggi possiedono mantelli o cappe, anche i guerrieri”.

“Il mondo fantasy ci propone queste texture che possono essere avvolte da un contesto sci-fi, davvero accattivante, specialmente per un artist che si è occupato di creare armature spaziali per dieci anni. Un po’ di stoffa è molto rigenerante”.

In Destiny i giocatori vestono i panni dei Guardiani, soldati d'elite che stazionano all'interno della città. Quanto al gameplay il gioco mescolerà elementi da sparatutto in prima persona a fasi di guida, mentre i personaggi saranno suddivisi in classi. La storia si svolgerà in un lontano futuro, centinaia di anni dopo l'era d'oro dell'umanità, in cui sono stati conquistati pianeti e messe le basi per la creazione di un impero inter-galattico.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^