Bloccata la commercializzazione del jailbreak per PS3

Bloccata la commercializzazione del jailbreak per PS3

La Corte Federale d'Australia ha proibito ai tre rivenditori che lo avevano messo in commercio di continuare a vendere il dongle con il jailbreak per PlayStation 3.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:20 nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Un'ingiunzione temporanea, riguardante il solo mese di agosto, della Corte Federale d'Australia proibisce la commercializzazione del dongle con il jailbreak per PlayStation 3, la cui esistenza era stata rivelata la scorsa settimana. Sono tre i rivenditori australiani che avevano iniziato la commercializzazione, OzModChips, Quantronics e Modsupplier, ma adesso sono stati costretti a bloccarla.

L'ingiunzione, ottenuta da Sony dopo svariate pressioni, riguarda il solo mese di agosto. La Corte Federale si riunirà nuovamente nella giornata di domani per stabilire se l'ingiunzione debba essere permanente o se bisognerà sospenderla, riabilitando la commercializzazione del dongle che consente di eseguire software homebrew, ma anche giochi piratati, su PlayStation 3. Oltre che per l'Australia, l'ingiunzione potrebbe essere estesa ad altre nazioni.

"Non è stato fatto niente di illegale e l'ingiunzione voluta da Sony è una tattica intimidatoria", hanno detto coloro che hanno creato il jailbreak per PlayStation 3. "Il nostro dongle non include codice protetto da copyright e non intereferisce con leggi che tutelano la proprietà intellettuale. Il dispositivo è pensato per consentire l'esecuzione di software homebrew".

Il dongle, tuttavia, permette di scaricare l'intero contenuto del disco Blu-ray sull'hard disk e di eseguire i giochi da quest'ultimo. Consente anche di impedire l'installazione dei firmware aggiornati. Il costo della soluzione è di 170 dollari australiani, circa 120 euro.

Secondo voci, la creazione del jailbreak è avvenuta per via di un contatto tra gli hacker e un dipendente di un centro di servizio per verificare e riparare le unità PS3. Quest'ultimo avrebbe fornito al primo la documentazione e il cosiddetto Jig-Stick, ovvero il dispositivo utilizzato per avviare un firmware speciale integrato prima di quello originale installato sulla PS3. Il jailbreak sarebbe stato creato in Cina.

La sentenza della Corte Federale australiana segue quelle dei Tribunali di Milano e dell'Aia che hanno proibito la commercializzazione nei territori di competenza dei dispositivi R4 che consentono l'installazione di software non autorizzato sulle console Nintendo DS.

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MitchBook30 Agosto 2010, 09:28 #1
Ma se a Sony basta un aggiornamento sw per bloccare di volta in volta gli aggiornamenti del Jailbreak, perché portare in tribunale dei negozi e quindi spendere del denaro? Sta mo a vedere che non basta un aggiornamento sw come loro dicevano.......
Comunque secondo me quella chiavetta altro non è che una chiavetta dati con del sw creato apposta, un po' come successe per le chiavette EFI-X che altro non erano che chiavette usb dati con il chip per criptarne il contenuto.
R.O.N.I30 Agosto 2010, 09:33 #2
"Consente anche di impedire l'installazione dei firmware aggiornati." sta scritto^^
jokerpunkz30 Agosto 2010, 09:57 #3
si ma voglio vederti sulle consolle nuove ghghg
Consiglio30 Agosto 2010, 09:58 #4
jailbreak EPIC FAIL!
alexdal30 Agosto 2010, 10:01 #5
Mah...

Io sarei dell'idea di immergere la scheda madre in un bagno di resina. a parte chip che devono essere ventilati.
nel caso si guastassero al 99% cambiano sempre tutta la scheda non solo il singolo componente.

in questo caso nessuno potrebbe modificare senza rompere il tutto

inoltre i centri di riparazione dovrebbero solo cambiare il pezzo intero.

ora la scappatoia e' stata trovara perche' il centro di riparazione aveva strumenti troppo evoluti.
il centro dovrebbe cambiare un cavo rotto o il disc player o la scheda non avere strumenti che consentono l'hackeraggio
atomico8230 Agosto 2010, 10:21 #6
scusate, ma è vero che bloccano gli aggiornamenti firmware, ma non è + facile per sony fare in modo che se vuoi giocare online devi avere sempre l'ultimo firmware installato? quindi o chi usa il jailbreak gioca sempre offline, oppure non potrà mai utilizzarlo.

e risparmiano di fare ingiunzioni varie..
Obelix-it30 Agosto 2010, 10:24 #7
Originariamente inviato da: alexdal
Mah...

Io sarei dell'idea di immergere la scheda madre in un bagno di resina. a parte chip che devono essere ventilati.
nel caso si guastassero al 99% cambiano sempre tutta la scheda non solo il singolo componente.

in questo caso nessuno potrebbe modificare senza rompere il tutto

da quello che ho capito, parlano di dongle, quindi direi chiavetta USB.. niente modifiche HDW
Originariamente inviato da: alexdal
inoltre i centri di riparazione dovrebbero solo cambiare il pezzo intero.
ora la scappatoia e' stata trovara perche' il centro di riparazione aveva strumenti troppo evoluti.
il centro dovrebbe cambiare un cavo rotto o il disc player o la scheda non avere strumenti che consentono l'hackeraggio

E' probabile che il centro di riparazione abbai maniera di avviare la PS3 da uno strumento diagnostico che 'prevale' sul boot standard (e che probabilmente effettua controlli sul BIOS e quant'altro senza avviare effettivamente il 'core') e permette eventualmente riparazioni 'software' o controlli di validita' che il BIOS ufficiale blocca.

Da quel che ho capito, uno dei dipendenti di un cetro assistenza avrebbe fornito esternamente uno di questi sofwtare (un sacco di server 'seri' lavorano cosi': permette di avere su un sistema di controllo anche se il server stesso non riesce a partire...)

Comunque, ci si augura che il governo australiano, diversamente dalle pessime risposte date dalla (in)giustizia italiota, sappia prendere la via corretta....
roorplanet30 Agosto 2010, 11:16 #8
Io volevo comprarlo ma ho paura ke non funzioni...solo ke secondo me e meglio prenderlo il prima possibile visato ke da domani dovrebbe tornare in vendita prima ke sparisca dal commercio...o no????voi cs dite?(scusate l'OT)
Ventresca30 Agosto 2010, 11:25 #9
non vedo l'ora che arrivi qualcuno a dire "sony brutta e cattiva, non ci fa fare la modifica alla console, che noi ovviamente avremmo usato solo per gli homebrew piuttosto che per i giochi copiati"..


speriamo riescano a bloccare la commercializzazione fino a che non si trova una soluzione seria (che poi basterebbe tenere duro fino all'uscita di GT5 ed obbligare ad installare un firmware con un blocco del jailbreak per poter avviare il gioco)..
extremelover30 Agosto 2010, 11:35 #10
Originariamente inviato da: roorplanet
Io volevo comprarlo ma ho paura ke non funzioni...solo ke secondo me e meglio prenderlo il prima possibile visato ke da domani dovrebbe tornare in vendita prima ke sparisca dal commercio...o no????voi cs dite?(scusate l'OT)


Io dico che i giochi si comprano originali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^