Blizzard spiega perché ha chiuso il server di WoW che permetteva di giocare senza espansioni

Blizzard spiega perché ha chiuso il server di WoW che permetteva di giocare senza espansioni

Dopo un lungo periodo di silenzio, Blizzard ammette di aver chiuso questo server fan-made per proteggere la proprietà intellettuale World of Warcraft.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:01 nel canale Videogames
BlizzardWorld of Warcraft
 

All'inizio del mese Blizzard ha fatto arrabbiare molti giocatori per aver imposto la chiusura di un "fan-run server" chiamato Nostalrius che aveva la particolarità di far vivere l'esperienza di World of Warcraft scevra dalle cinque espansioni uscite finora. Adesso fornisce una spiegazione ufficiale per quella decisione, sostenendo che Nostalrius poteva compromettere l'integrità del suo MMORPG.

World of Warcraft: Legion

"Onestamente, rinunciare a proteggere la proprietà intellettuale contro i tentativi di violazione danneggerebbe i diritti di Blizzard", ha scritto infatti J. Allen Brack, produttore esecutivo di World of Warcraft, sul forum del gioco. "Questo ragionamento vale per qualsiasi cosa utilizzi la IP di WoW, inclusi i server non ufficiali. Ci siamo già assicurati che non è possibile intraprendere un percorso giuridico che protegga la nostra IP e offrire una licenza operativa a un server pirata".

La chiusura di Nostalrius arriva alla vigilia del debutto di Legion, la sesta espansione di World of Warcraft che diventerà live il prossimo 30 agosto. Blizzard spera di rimpolpare la fanbase di WoW in quella occasione: ha toccato un massimo di 12 milioni di utenti abbonati, ma nello scorso novembre ha registrato una forte contrazione fino a 5,5 milioni di utenti.

Ma il caso di Nostalrius evidenzia come molti giocatori preferiscano una versione più semplice e primordiale di World of Warcraft, considerato che il MMORPG è cambiato molto nel corso degli anni per effetto di tutte queste espansioni e che in diversi aspetti è stato semplificato. Blizzard ha ribadito perché non vuole creare un proprio "retro server".

"In passato abbiamo valutato l'allestimento di server con gaming classico, ma tutte le opzioni a nostra disposizione sono di difficile implementazione", continua Brack. "Se fosse una questione di premere un pulsante, lo faremmo. Tuttavia, ci sono enormi difficoltà operative per l'integrazione di server classici e nel mantenere la compatibilità con i live update".

Allo stesso tempo non si può non notare come Blizzard abbia incentivi economici nel chiudere i server senza espansioni. Queste ultime, infatti, vengono vendute a prezzo pieno e se i giocatori non le comprassero diventerebbe molto difficile finanziare lo sviluppo futuro di World of Warcraft.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Madcrix28 Aprile 2016, 12:02 #1
Blizzard meno parla di questo e meglio è... Non ci giocavo, ma hanno chiuso un server che non lucrava e che dava alla gente quello che Blizzard non da.
Si rifiutano di allestire server legacy perché sanno quanto il gioco attuale sia infitamente più superficiale e banale di quanto non fosse 10 anni fa.
Enderedge28 Aprile 2016, 13:46 #2
Sono scelte, magari non condivisibili ma sempre scelte.
La Bliz deve guadagnare altrimenti non potrebbe più operare.
Nessuna azienda sopravvive se non fa utili (e più ne fa meglio è.
Non è una benefattrice (come non lo è nessuna azienda in genere), quello che conta sono le scelte che opera e la "risposta" della propria clientela.
... ed ultimamente non mi pare abbia effettuato scelte vincenti almeno secondo il mio parere WoW è diventato abbastanza noioso, la particolarità aggregativa è venuta meno e quello che ha contribuito al declino è il "Look for" ovvero quel sistema che di fatto ha reso anche i raid "solitari".
E' vero che ciò ha permesso ad una grande massa di "casual" di progredire meglio ma, proprio perché casual sono anche quelli che hanno smesso prima (IMHO).
Le professioni sono praticamente inutili ...
il "gear" non è più un grosso problema ...
Le meccaniche di gioco sono state semplificate al punto da essere troppo ripetitive (tranne che nella versioni "mitica" ma li ci arrivano in pochi) ...
e soprattutto i pg sono praticamente tutti uguali e possono (quasi tutti) fare tutto ... tank/DPS/healer ...
Le rotazioni sono simili per tutti i pg e in parte occasionali ...
Il "leveling" è di fatto una formalità ...
La reputazione del giocatore ... quasi non conta ...
Le gilde ormai sono sempre più piccole e frammentate ... (non tutte ma ...)
Comunque è sempre una scelta dell'azienda ...
Madcrix28 Aprile 2016, 16:30 #3
è una scelta dellàazienda finché ti pare, ma quando ti rifiuti di accontentare il mercato (e di gente pronta a pagare per server vanilla, TBC e WoLK ce n'è, sputi su una consistente fonte di introiti e sgretoli consistentemente una fanbase che troverà altri metodi per giocare quello che vuole, anche illegalmente. Poi arriverà qualcuno che invece coglierà questa fetta di mercato e ci capitalizzerà sopra, come successo con DOTA
fk028 Aprile 2016, 21:13 #4
Originariamente inviato da: Enderedge
cut


che automobile hai?

Non lo so , facciamo finta che hai una Golf.

Domani la Wolkswagen decide che ha bisogno di piu' soldi per cui smette di produrre pezzi di ricambio, vieta la prodzione di ricambi compatibili da parte di costruttori terzi, e ti chieda di buttare la tua auto e comprare il modello nuovo.
matrix8328 Aprile 2016, 21:59 #5
Originariamente inviato da: fk0
che automobile hai?

Non lo so , facciamo finta che hai una Golf.

Domani la Wolkswagen decide che ha bisogno di piu' soldi per cui smette di produrre pezzi di ricambio, vieta la prodzione di ricambi compatibili da parte di costruttori terzi, e ti chieda di buttare la tua auto e comprare il modello nuovo.


Non è affatto esatto il paragone. I giocatori che per ora giocano sui vanilla pirata non hanno mica comprato WoW (per la maggior parte). Quindi non hanno diritto a reclamare nulla.
Poliacido28 Aprile 2016, 22:03 #6
LOL blizzard che conquista
adesso restano solamente altre migliaia di altri server free shard che fan girare wow in tutte le espansioni e salse....
BulletHe@d03 Maggio 2016, 07:00 #7
le free shard contenenti le exp non sono un problema Nostralius invece si xkè alimenta una versione di gioco che di fatto non esiste più e anzi alimentava richieste che la blizzard cmq ha deciso di non ascoltare, per cui volente o nolente hanno ragione. Alla fine WoW è ancora un ottimo MMORPG (o MMO) e di concorrenti che la insidiano ancora non ce ne è ombra sia come Lore sia come base utenti

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^